Politica

Riforma del regolamento di Dublino, verso un’altra occasione sprecata?

21/05/2018 -  Francesca Spinelli

Il prolungarsi delle discussioni e le divergenze tra i governi minacciano l’indispensabile aggiornamento delle regole europee sul diritto d’asilo

L’Albania di oggi, al di là dei falsi miti

18/05/2018 -  Pangea

Un'intervista rilasciata al portale Pangea dal nostro collaboratore Nicola Pedrazzi. Un ampio, appassionato e disincantato sguardo sull'Albania

I cittadini: attivisti che lottano per la propria città

16/05/2018 -  Jovana Georgievski

Quattro anni dopo, 'Ne da(vi)mo Beograd' non desiste e continua a promuovere iniziative per difendere gli spazi pubblici della capitale serba

Romania: la corsa verso Gerusalemme

14/05/2018 -  Mihaela Iordache

Come gli Stati Uniti di Donald Trump anche il governo romeno vorrebbe spostare al più presto la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Ma il presidente Iohannis - e l'Ue - dissentono

Montenegro: attacco alla giornalista Olivera Lakić

11/05/2018 -  Damira Kalač Podgorica

La giornalista investigativa del quotidiano montenegrino Vijesti Olivera Lakić è stata ferita a colpi di pistola davanti alla sua abitazione, nello stesso luogo dove era stata picchiata sei anni fa. Il difficile mestiere del giornalista in Montenegro

Armenia: Nikol Pashinyan e la generazione digitale

10/05/2018 -  Monica Ellena yerevan

Con l'elezione a primo ministro del leader della Rivoluzione di velluto Nikol Pashinyan la generazione digitale ha mandato in pensione quella analogica? Un commento

Serbia: nuova offensiva degli ultranazionalisti

09/05/2018 -  Dragan Janjić Belgrado

Vojislav Šešelj, leader del Partito radicale serbo, ha lanciato l'ennesima provocazione: recarsi sul luogo dei crimini che ha commesso 26 anni fa e per i quali è stato condannato all'Aja

Banja Luka, in piazza per David

08/05/2018 -  Alfredo Sasso

Una morte sospetta quella di David Dragičević, ragazzo di 21 anni, rispetto alla quale le autorità della Republika Srpska non stanno dicendo tutta la verità. Ma sono ormai migliaia i manifestanti che ogni giorno, da un mese e mezzo, chiedono chiarezza

Consiglio d'Europa-Azerbaijan: resi noti risultati della commissione di inchiesta

08/05/2018 -  Giulia Magnano*

Da anni ESI e altri centri che si battono per i diritti umani denunciano l'operato corruttivo dell'Azerbaijan in seno alla PACE. Ora arriva l'ennesimo conferma che avevano ragione

Nikol Pashinyan: un uomo, una causa e una t-shirt

04/05/2018 -  Monica Ellena

Nikol Pashinyan, ex giornalista e leader di un piccolo partito di opposizione, in poche settimane è diventato l’icona di un’Armenia che vuole chiudere il conto con il torpore post-sovietico e voltare pagina. E che l’8 maggio potrebbe diventare il nuovo primo ministro del paese

Dossier: la libertà di stampa in Bulgaria

03/05/2018 -  Nicola PedrazziFazıla MatValentina Vivona

Intrecci pericolosi tra media, politica e affari nel paese che detiene la presidenza semestrale dell’Ue. Un approfondimento curato da OBCT

Serbia: battaglia per l’aeroporto di Niš

02/05/2018 -  Antonela Riha Belgrado

Braccio di ferro tra il presidente Vučić e parte dell'amministrazione della città di Niš. Oggetto del contendere è l'aeroporto "Konstantin Veliki": Vučić lo vorrebbe proprietà dello stato, ma la città, per ora, non sembra disposta a cederlo

Serbia: il buono, il brutto e il corrotto

30/04/2018 -  Magdalena Ivanović Belgrado

Da qualche tempo è online un nuovo gioco lanciato dal portale di giornalismo investigativo della Serbia CINS, con l’intento di avvicinare i cittadini al tema della corruzione negli appalti pubblici. Un'intervista

Macedonia: nomi nuovi, vecchie discussioni

27/04/2018 -  Ivana Kostovska

Quale nome per la Macedonia? Una diatriba che si trascina dai primi anni '90 ed ha bloccato il percorso euro-atlantico del paese. Si è ora vicini alla soluzione?

Dalla Milizia Nazionale a C14, l’estrema destra in Ucraina

26/04/2018 -  Oleksiy Bondarenko

Rinforzati dal contesto del conflitto del Donbass i movimenti di estrema destra in Ucraina hanno raccolto poco in politica ma continuano a pesare sulla società. E a pattugliare le strade del paese

“Avevo torto.” Il primo ministro armeno Sargsyan si dimette

24/04/2018 -  Monica Ellena

Nel giorno dedicato alla memoria del genocidio del 1915, l’Armenia si sveglia inebriata dalle celebrazioni seguite alle dimissioni del primo ministro Serzh Sargsyan. Un’ondata di proteste senza precedenti ha intaccato la scena politica di uno dei paesi più immobili dell’ex spazio sovietico

Armenia: spazio di libertà

24/04/2018 -  Inna Mkhitaryan

Le proteste di questi giorni in Armenia contro la nomina di Serzh Sargsyan a primo ministro e sfociate nelle sue dimissioni hanno come loro luogo ideale e simbolico la Piazza della Libertà di Yerevan. La storia e il presente di questa piazza

Bosnia Erzegovina: il grande gelo dei veterani

19/04/2018 -  Alfredo Sasso

Da anni protestano per le strade della Federazione di Bosnia Erzegovina, con blocchi stradali e tendoni. L'altro ieri un gruppo di veterani ha cercato di entrare in parlamento ed è stato caricato dalla polizia. La complicata situazione sociale di una categoria in costante mobilitazione

Georgia, Russia, Abkhazia e Ossezia del sud: 10 anni dopo

19/04/2018 -  Marilisa Lorusso

A dieci anni dalla guerra tra Georgia e Russia dell'agosto 2008 cosa ne è dei cosiddetti conflitti congelati di Abkhazia e Ossezia del sud?

Armenia, passaggio di poltrone

18/04/2018 -  Monica Ellena

Serzh Sargsyan non poteva più fare il presidente, ed allora si è seduto sulla poltrona da primo ministro. Non prima di aver fatto passare l'Armenia da un sistema semi-presidenziale ad uno parlamentare

Azerbaijan: al via la quarta stagione del regno di Aliyev

16/04/2018 -  Arzu Geybullayeva

Nient'altro che una messinscena. Con esiti però drammatici per il futuro dell'Azerbaijan. Un commento alle recenti elezioni presidenziali

Turchia: la nuova legge elettorale

13/04/2018 -  Dimitri Bettoni Istanbul

In Turchia, a seguito dei recenti emendamenti alla legge elettorale sembra di essere già in campagna elettorale. Alle urne, però, si andrà solo nel novembre 2019. Un'analisi del nostro corrispondente

Politica estera della Bosnia Erzegovina: tre strategie sotto lo stesso tetto

11/04/2018 -  Danijel Kovačević

Il paese ha di recente adottato un lungamente atteso documento sulla strategia di politica estera, che però non fa che evidenziare le divisioni interne

Armenia: c'è il nuovo presidente, e rimane anche l'ex

09/04/2018 -  Marilisa Lorusso

In Armenia assume in aprile il proprio mandato il nuovo presidente della Repubblica, Armen Sargsyan. Ma il potere rimane altrove

Romania: illiberale per opportunismo

06/04/2018 -  Bogdan Nedea

Diversamente dall'Ungheria, il partito al governo in Romania non ha alcuna agenda ideologica illiberale. Si aggrappa solo in modo disperato al potere e ai privilegi acquisiti

Slovenia: stella o meteora?

04/04/2018 -  Stefano Lusa

In Slovenia le elezioni parlamentari sono previste entro giugno. Alla vigilia del voto sembrano delinearsi scenari già visti nella passate tornate elettorali

Macedonia: il sud-est contro le concessioni minerarie

30/03/2018 -  Simona Getova

Prima di essere costretto ad abbandonare il potere l'VMRO-DPMNE ha garantito 86 concessioni minerarie che incombono ora sull'agricoltura e l'ambiente del sud-est del paese. E il nuovo governo social-democratico per ora non le ha bloccate

Crimea: come sono andate le presidenziali russe?

30/03/2018 -  Maria BaldovinLaura Luciani

Il giorno in cui sono state promosse le scorse elezioni presidenziali in Russia coincideva con l'anniversario dell'annessione della Crimea. Un'analisi

Albania: il teatro della politica

29/03/2018 -  Tsai Mali

Stando all’ennesimo progetto architettonico del governo Rama, l’edificio che ospita il Teatro Nazionale rischia la demolizione. Ancora una volta a essere in pericolo sono la storia e la memoria del paese. Un commento

Serbia: chi trae profitto dall’energia idroelettrica?

28/03/2018 -  Vladimir Kostić Dina Đorđević

In Serbia l’energia elettrica prodotta da piccole idrocentrali costituisce un’esigua percentuale della produzione lorda nazionale, tuttavia il governo da anni incentiva gli investimenti privati nel settore, favorendo di fatto alcune imprese ad esso vicine