Giustizia

19 luglio 2017

Gravi le condizioni di salute dei due insegnanti turchi in sciopero della fame da quattro mesi e mezzo, e in carcere da due, che chiedono di essere reintegrati al lavoro. Rifiutata la scarcerazione.


Turchia, ad un anno dal tentato golpe

14/07/2017 -  Fazıla Mat

Ad un anno dal tentato golpe del 15 luglio 2016, migliaia di persone sono sotto processo in Turchia. Molte domande su tragici eventi di quella notte restano però ancora senza risposta

“Ogni volta fa più male”. Srebrenica, ventidue anni dopo

12/07/2017 -  Alfredo Sasso

Quella che si combatte oggi in Bosnia Erzegovina è una “guerra per la verità” fondata sulla competizione etnica, e le armi principali sono parole e narrative sul passato

La Joint Criminal Enterprise nella giurisprudenza del TPIJ. Il caso di Srebrenica

07/07/2017 -  Paolo Falciani

L’11 luglio 2017 ricorre il 22esimo anniversario del genocidio di Srebrenica. Un'analisi sul Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia e sulla dottrina della Joint Criminal Enterprise

La pratica del rapimento della sposa nel Caucaso

06/07/2017 -  Emanuele Cassano

E' una pratica dalle origini dibattute che pare, negli ultimi decenni, riemergere al punto da diventare un vero e proprio problema sociale

Macedonia: Gruevski a processo

04/07/2017 -  Giovanni Vale

Nikola Gruevski, fino a pochi mesi fa uomo forte della Macedonia, si troverà ora a difendersi da gravi capi d'accusa in un'aula di tribunale

Turchia, CHP in marcia per la giustizia

16/06/2017 -  Fazıla Mat

In marcia da Ankara a Istanbul: il leader dell'opposizione Kemal Kılıçdaroğlu ha deciso di protestare così contro il "regime dittatoriale" turco per la condanna dell'ex giornalista e deputato CHP Enis Berberoğlu

Tribunali ceceni: strumento e spina nel fianco per le autorità

07/06/2017 -  Kazbek Chanturiya

Non è un segreto che i tribunali in Russia non siano indipendenti dal governo. Questo ancor più in Cecenia, dove la leadership della repubblica ha intrapreso una guerra contro chiunque dica o faccia "la cosa sbagliata"

31 maggio 2017

Il 31 maggio di cinque anni fa un ragazzo, Emir Hodžić, si legò una fascia bianca al braccio sinistro e si mise da solo in piedi nella piazza principale di Prijedor, per protestare in silenzio contro la decisione delle autorità locali di negare, di nuovo, alle associazioni di vittime civili di guerra della città il diritto a organizzare una commemorazione pubblica in ricordo del 31 maggio di vent'anni prima.


Turchia: il sistema giudiziario e lo stato d'emergenza

29/05/2017 -  Sofia Verza

OBCT ha incontrato Meriç Akay, figlia del giudice ONU Sefa Akay in carcere da 8 mesi, e l'avvocata Ceren Uyusal, dell'Associazione degli avvocati progressisti, per parlare della situazione della giustizia in Turchia dopo il tentato golpe

Grecia, se "Alba dorata" non tramonta

27/03/2017 -  Elvira Krithari Atene

Nonostante l'arresto della sua leadership dopo l'omicidio del rapper Pavlos Fyssas, il movimento neonazista Alba dorata continua ad avere sostegno nell'impoverita società greca

Sebastian Ghiță, il fuggitivo che fa tremare la Romania

27/03/2017 -  Laura-Maria IlieFlorentin Cassonnet

E' ricercato dall'Europol per corruzione e riciclaggio. Sebastian Ghiță, vicino a Victor Ponta, si è dato alla macchia. Una vicenda complessa che vede coinvolti servizi segreti, procura anti-corruzione e partito socialdemocratico

Bosnia vs Serbia: la CIG dice no alla revisione della sentenza

14/03/2017 -  Adis Šušnjar Sarajevo

La Corte internazionale di giustizia dell’Aja (CIG) ha respinto la richiesta della Bosnia Erzegovina di revisione della sentenza del 2007 nel caso Bosnia Erzegovina contro Serbia. Le reazioni

Tante Quanti: giornaliste in campo per la democrazia paritaria

06/03/2017

Alla vigilia dell'8 marzo la FNSI organizza a Roma un incontro dedicato alla democrazia paritaria. Tra le relatrici la giornalista turca Ceyda Karan, sotto processo nel suo paese

Grecia-Turchia, tra estradizione e asilo

23/02/2017 -  Elvira Krithari Atene

Il destino di otto militari turchi implicati nel tentato golpe del luglio scorso, che hanno richiesto asilo politico in Grecia, si intreccia ai tormentati rapporti tra Atene ed Ankara

La memoria del coraggio e della disobbedienza

22/02/2017 -  Marco Abram

Un generale che si rifiuta di battersi fino all’ultimo uomo, un soldato che salva la vita di un soldato considerato nemico. Quale spazio nella memoria pubblica per queste testimonianze?

Turchia: l'amministrazione Trump estraderà Gülen?

16/02/2017 -  Fazıla Mat

L'amministrazione Trump sembra aprire alle richieste di estradizione dell'imam Fethullah Gülen - residente negli USA - e accusato di essere l'organizzatore del tentato golpe del 15 luglio 2016

Omofobia a Zagabria

14/02/2017 -  Giovanni Vale Zagabria

Sabato sera ignoti hanno lanciato del gas lacrimogeno in una discoteca LGBT della capitale. Nella calca che ne è seguita, solo per un caso, non vi sono state vittime. Le reazioni nel paese

Romania: si ampliano le proteste

02/02/2017 -  Mihaela Iordache

Continuano le proteste in piazza contro la depenalizzazione dell'abuso d'ufficio in Romania. Ieri sera 250.000 nelle strade in tutto il paese. E si registrano le prime defenzioni nella maggioranza di governo

Le lettere di Hilda Dajč

27/01/2017 -  Božidar Stanišić

Nata nel 1922 in una famiglia ebrea aschenazita, Hilda Dajč, trovò la morte nel lager di Zemun, luogo cruciale nella perpetuazione dell’Olocausto nella Serbia occupata. Lì scrisse alcune lettere che sono state conservate e tradotte

Romania: l'amnistia e la piazza

26/01/2017 -  Mihaela Iordache

Il governo a guida socialdemocratica ha da poco varato un'amnistia che i detrattori definiscono uno stop alla lotta alla corruzione. In migliaia in piazza, tra cui il presidente del paese Iohannis

11 gennaio 2017

Non sono bastate undici ore di discussioni accese: alla fine, il parlamento del Kosovo non è riuscito ad adottare una mozione condivisa sul caso Haradinaj. Il leader politico dell'Alleanza per il Futuro del Kosovo (AAK) nonché ex-premier del Kosovo è stato fermato in Francia lo scorso 4 gennaio, a causa di una richiesta di arresto per crimini di guerra e contro l'umanità presentata dalla Serbia nel 2005.


L'Aja: termina il processo Mladić

20/12/2016 -  Alfredo Sasso

Tra i più corti della storia del Tribunale Internazionale dell’Aja per l’ex- Jugoslavia, il processo Mladić si è concluso la scorsa settimana dopo circa 4 anni. Il verdetto finale è previsto per novembre 2017

Albania: è tempo di deporre le armi

16/12/2016 -  Louis Seiller

Il 40% delle famiglie albanesi detiene illegalmente un'arma da fuoco. Queste ultime hanno ucciso negli ultimi due decenni almeno 10.000 persone. Ora il ministero degli Interni offre una nuova amnistia

Prizren: giustizia per Xheneta

30/08/2016 -  Valmir Mehmetaj

Mesi dopo la morte in Kosovo di Xheneta Gashi, bambina di tre anni, rimasta schiacciata dal crollo del tetto della sua casa a Prizren, una campagna civica che chiede giustizia ha iniziato ad ottenere i primi risultati

Albania, si riforma la giustizia

28/07/2016 -  Tsai Mali

Approvata il 21 luglio scorso la riforma della giustizia, sotto forti pressioni di USA e UE. Riforma che modifica ben 45 articoli della Costituzione albanese. I cittadini però ne sanno ancora poco

19 luglio 2016

Giovedì 21 luglio il parlamento albanese voterà le modifiche costituzionali riguardanti la riforma della giustizia volte a frenare la dilagante corruzione. In gioco non vi è solo l'avvio dei negoziati di adesione all'Ue, ma anche il futuro del paese.


Kosovo, EULEX continua con poteri ridotti

19/07/2016 -  Violeta Hyseni Kelmendi Pristina

La missione EULEX rimane sul campo in Kosovo fino al 2018, ma con responsabilità largamente ridotte. Per le istituzioni locali il passo indietro dell'UE è un'opportunità e una sfida

Izetbegović a Kazani, primo gesto di riconoscimento

21/06/2016 -  Caterina Bonora Sarajevo

Per la prima volta un leader bosgnacco fa visita al luogo in cui furono uccise e gettate nelle fosse decine di vittime di nazionalità serba e croata

Vicinato orientale: conflitti irrisolti e diritti umani

03/06/2016 - 

Uno studio del Parlamento europeo analizza cinque casi di conflitti irrisolti nel Vicinato orientale dell'Ue e le relative conseguenze sulla condizione dei diritti umani