Ruslan Kutayev (Novaya Gazeta)

Non è un segreto che i tribunali in Russia non siano indipendenti dal governo. Questo ancor più in Cecenia, dove la leadership della repubblica ha intrapreso una guerra contro chiunque dica o faccia "la cosa sbagliata"

07/06/2017 -  Kazbek Chanturiya

(Pubblicato originariamente da OC-media il 22 maggio 2017)

I tribunali di Grozny hanno affrontato due casi molto discussi all'inizio di maggio: il processo allo scrittore ceceno Rizvan Ibragimov, accusato di incoraggiare l'odio etnico attraverso i suoi libri, e l'udienza per la libertà condizionata del politico e attivista ceceno Ruslan Kutayev, che ha già scontato tre anni di carcere. Il suo avvocato, Pyotr Zaikin, ha chiesto per Kutayev la libertà condizionata, ma la richiesta è stata respinta, presumibilmente perché Kutayev era stato recentemente richiamato dalle autorità carcerarie per violazione delle regole di condotta.

Le deportazioni del 1944

Kutayev, sapendo perfettamente che la corte avrebbe negato la sua richiesta, non si è nemmeno presentato all'udienza. Il suo caso, come ampiamente riscontrato da tutti coloro che hanno assistito al processo, è stato montato ad arte. Kutayev, 60 anni, che non ha mai bevuto o fumato nella sua vita, occupandosi solo della sua azienda e del lavoro sociale, è stato condannato a quattro anni di carcere per possesso di droga. Il vero motivo del suo processo è invece, quasi certamente, l'aver organizzato una conferenza il 23 febbraio 2014 sulla deportazione del popolo ceceno in Asia centrale nel 1944, ad opera di Stalin. Un certo numero di partecipanti alla conferenza, incluso Kutayev, ha criticato duramente il governo federale per non aver rispettato la Legge sulla riabilitazione dei popoli repressi, che riconosce le repressioni di Stalin e prescrive il risarcimento delle vittime.

Il dibattito pubblico sulle deportazioni è bandito da diversi anni. Le autorità hanno persino spostato le commemorazioni dal 23 febbraio, data di inizio delle deportazioni, al 10 maggio (data in cui Ahmad Kadirov, padre dell'attuale leader della Cecenia, è stato sepolto dopo essere stato ucciso in un'esplosione il giorno precedente, nel 2004). Tutti i partecipanti alla conferenza del 2014 sono stati convocati davanti al presidente del Parlamento ceceno, Magomed Daudov, per un interrogatorio. Kutayev si è rifiutato, e questa disobbedienza gli è costata la massima severità della "legge". Il tribunale, pur vedendo l'ovvia montatura, ha deciso comunque di condannarlo.

Torturato in un seminterrato

Il caso di Rizvan Ibragimov ha uno sfondo politico meno chiaro. Tuttavia, a causa dell'interesse pubblico e del modo in cui è stato affrontato, da esso è possibile trarre conclusioni sulla qualità dei procedimenti giudiziari in Cecenia. Ibragimov, autore di libri che descrivono i ceceni come un popolo prescelto da Dio, insieme al suo collega Abubakar Didiyev, che ha scritto diversi libri sullo stesso argomento, è stato rapito dalla polizia cecena. Detenuti per diversi giorni in un seminterrato, i due hanno riferito di essere stati torturati tramite scariche elettriche. In seguito, sono stati portati davanti al leader ceceno e costretti a scusarsi. Ibragimov è sicuro che la verità sia al suo fianco e intende difendersi attraverso tutte le vie legali, ma è anche scettico nei confronti dei tribunali.

In un commento per Kavkaz.Realii, servizio Radio Free Europe/Radio Liberty del Caucaso del Nord, Ibragimov ha scritto che: "Quanto è accaduto è un crimine continuo che coinvolge il Dipartimento per i casi speciali del Dipartimento investigativo per il Caucaso del Nord della Federazione Russa in Cecenia, il Centro per il contrasto all'estremismo, il procuratore [della Cecenia], altri procuratori, giudici distrettuali, psichiatri, esperti daghestani e televisione. Lo scopo di questa montatura è creare l'impressione che i libri di Ibragimov siano veramente estremisti, al fine di mantenere la promessa fatta da Apti Alaudinov al capo della Repubblica cecena: 'Inequivocabilmente, la sua opera sarà riconosciuta come estremista, in quanto invita [all'odio] interetnico, interconfessionale'".

La Corte Suprema contro Ramzan Kadyrov

L'attuale leadership della Cecenia cerca costantemente di contrastare ogni possibilità di non allineamento di qualsiasi struttura statale, a livello sia federale che locale. In presenza del sia pur minimo dubbio sulla lealtà di un'istituzione, la sua dirigenza è immediatamente sostituita.

A maggio 2016, il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha criticato severamente la Corte Suprema, in particolare il suo capo, Magomed Karatayev. L'accusa, sorprendente, era quella di aver emesso condanne ingiuste. Sembrava che centinaia di processi montati ad arte, potessero essere riaperti. Alla fine, si è capito che il capo del tribunale, che non era nella cerchia di Kadyrov, era semplicemente diventato troppo scomodo.

Inizialmente, Karatayev l'ha preso come un tentativo di screditare la Corte Suprema, e ha parlato di questo in pubblico in un'intervista con i media.

"[Kadyrov] ha espresso le proprie emozioni, speriamo che quando la verità sarà rivelata cambierà idea. Sono sicuro che questo sia stato ordinato [da qualcun altro] e che certe persone stanno lavorando per screditare la leadership della Corte Suprema", ha dichiarato Karatayev.

Tuttavia, una settimana dopo, Karatayev, pur avendo il potere di avviare un procedimento contro Kadyrov stesso, si è arreso senza combattere, accettando di dimettersi. Karatayev ha trascorso i pochi giorni tra la prima intervista e la seconda (citata qui di seguito) cercando di appellarsi al sostegno delle autorità centrali. Nessuno si è mosso. Il messaggio ricevuto è stato: "Non metterti contro Kadyrov, non puoi vincere; Putin stesso lo sostiene". Una settimana dopo, Karatayev ha rilasciato una nuova dichiarazione, annunciando le proprie dimissioni.

"Accetto l'invito del leader [della Cecenia, Ramzan Kadyrov] a dimettermi e mi scuso con lui e con il popolo ceceno. Ho scritto una dichiarazione sulla cessazione della mia autorità", ha scritto.

I problemi della Corte Suprema non erano però finiti. Takhir Murdalov è stato nominato per sostituire Karatayev, ma pochi mesi dopo si è visto irrompere in ufficio l'allora presidente del Parlamento ceceno, Magomed Daudov, con la sua guardia del corpo personale. Secondo Kavkaz.Realii, Daudov ha minacciato di uccidere Murdalov se quest'ultimo non si fosse dimesso. Murdalov ha riferito di aver risposto: "Non serve coraggio per uccidere, è l'unica cosa che sai fare, io non ho niente da perdere".

A quanto pare, questi conflitti hanno però infastidito Mosca che ha trovato una soluzione che al momento accontenta entrambe le parti: Takhir Murdalov è diventato il capo "facente funzione" della Corte Suprema.

"Non voglio farmi schiacciare"

La demolizione della magistratura in Cecenia è passata attraverso diverse fasi. Alla fine del 2013 è emerso il primo conflitto fra il settore giudiziario e quello esecutivo. Esaminando uno dei soliti casi montati contro un giovane accusato di appartenere ad un "gruppo armato illegale", il giudice della Corte Suprema Vakhid Abubakarov si è rifiutato di seguire le istruzioni del ministro dell'Interno ceceno Ruslan Alkhanov. Abubakarov ha sostenuto che il ministro lo aveva chiamato e gli aveva detto che l'imputato era colpevole, suggerendo il verdetto da emettere. Abubakarov si è rifiutato di farlo. Di conseguenza, ha perso il lavoro e ha messo in pericolo la propria vita.

Assoluzione o condanna

nessun verdetto può essere legale

quando un giudice è sotto pressione

"Provo pena per i giudici che si lasciano schiacciare così. Non voglio farmi schiacciare. E se dovesse succedere, meglio lasciare la magistratura e annunciare le mie dimissioni piuttosto che arrendersi ed emettere un verdetto ingiusto. Assoluzione o condanna, nessun verdetto può essere legale quando un giudice è sotto pressione", ha dichiarato Abubakarov a Novaja Gazeta nel novembre 2013.

"Verrà un nuovo giorno"

Il politico Ruslan Kutayev, imprigionato per le proprie convinzioni, ha affermato nella sua dichiarazione conclusiva che un giorno l'ingiustizia nel Caucaso settentrionale, e soprattutto in Cecenia, dovrà essere riparata. Su sua richiesta, i suoi parenti hanno portato i suoi due figli al processo. Kutayev ha spiegato la sua scelta in un'intervista a Kavpolit.

"Oggi ho invitato i miei figli a vedermi qui [dietro le sbarre]. Dovrebbero vedere anche altre persone. Devono ricordare questo e tenerlo a mente. Devono sapere che verrà un nuovo giorno. Verrà sicuramente", ha detto Kutayev.

Mentre i casi di Kutayev e Ibragimov hanno richiamato l'attenzione dei media, le ingiuste condanne di centinaia di giovani, in violazione di tutte le leggi possibili, rimangono quasi invisibili per i giornalisti. All'uscita dalla prigione, è improbabile che queste persone innocenti ameranno ferventemente il governo e il paese che ha commesso questa ingiustizia contro di loro.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by