Torneo a Zalog, Lubiana - mladizmaji.si

Un torneo di calcio, organizzato più volte l'anno, a cui partecipano tra le altre anche squadre di rifugiati, stranieri e squadre arcobaleno. Viaggio nelle periferie di Lubiana accompagnati dai giovani dell'associazione Mladi Zmaiji

27/10/2016 -  Antonio Saccone

(Quest'articolo è realizzato in collaborazione con la rete FARE Europe )

"Lavoro a Zalog – ci racconta Doris Novak, animatrice giovanile - e lì ci sono tanti giovani immigrati di seconda generazione provenienti dai Balcani, i cui genitori si sono trasferiti in Slovenia negli anni Novanta, durante la guerra. E' un quartiere non troppo lontano e non troppo vicino dal centro di Lubiana, dista circa 45 minuti di autobus. Per cui, tanti giovani rimangono lì, stanno assieme e provano a divertirsi". "Inoltre – aggiunge il collega Marko Taljan - il numero di persone provenienti da Medio oriente ed Est Europa è in crescita. Le seconde generazioni di immigranti sono tendenzialmente integrate e parlano sloveno. Tuttavia, spesso, i genitori non hanno molto tempo da dedicare ai figli, non hanno molto denaro, per cui i ragazzi non possono permettersi una serie di attività".

Doris e Marko lavorano per "Mladi Zmaiji" (Giovani Draghi), una rete di centri giovanili pubblici ubicati nei quartieri che circondano Lubiana, nei quali vengono organizzate attività educative e ricreative gratuite per i partecipanti. Com'è la vita dei giovani che abitano le periferie lubianesi? Esiste qualche forma di discriminazione che colpisce i giovani di origine non-slovena? "Penso che il problema sia stato più consistente nel passato – riflette Doris - anche se alcuni ragazzi dicono di continuare a sentirsi discriminati: probabilmente esiste il complesso di non sentirsi pienamente sloveni. Il principio però è circolare: a volte i ragazzi che non si sentono inclusi non provano a includersi, ma tendono a raggrupparsi. Dall'altra parte, esistono anche dei pregiudizi: i "balcanici" vengono talvolta visti come persone cui non piace la scuola, pigri, che non fanno molto se non rilassarsi e giocare a pallone".

E che cos'è il calcio a Zalog? Doris sorride: "Il calcio connette le persone. Da marzo a novembre, ogni giorno, al campetto c'è sempre qualcuno che gioca: nel primo pomeriggio, dopo la scuola, ci sono i più giovani, più tardi, quando rientrano dall'università, arrivano i più grandi. E si gioca fino alla sera". Per te come animatore giovanile che cos'è calcio? Doris sorride ancora: "Il calcio, e tutti gli sport e i giochi, possono essere usati per entrare in relazione con i ragazzi. Di solito non gioco con loro, ma mi piace organizzare i tornei per loro e soprattutto con loro. Perché si sentono inclusi quando sono coinvolti nell'organizzazione: quando ci sottopongono le loro idee su come vorrebbero gli eventi e quando li coinvolgiamo nello svolgimento delle attività".

In questo contesto, si svolge il torneo "Piata – con il calcio contro la discriminazione", giunto alla diciottesima edizione. Musica, attività per bambini e famiglie, giochi e dibattiti circondano un torneo di calcio, che si apre con un protocollo per il fair play. Al mattino giocano i bambini provenienti da tutti i quartieri di Lubiana, mentre nel pomeriggio tocca agli adulti. Tra i partecipanti, di solito ci sono anche squadre arcobaleno, profughi e stranieri.

"Quando gli diciamo che squadre parteciperanno – racconta Doris – alcuni ragazzi ci chiedono perché. Questa è per noi un'occasione per parlare con loro anche di temi sociali. Proviamo a capire ciò che pensano e li invitiamo a dialogare con gli altri. Quando le squadre vengono a casa nostra, i ragazzi li approcciano, ci si parla e ci si conosce. Al di fuori del torneo, non ci sono tante opportunità di contatto diretto".

Il torneo è organizzato dai centri giovanili "Mladi Zmaiji", assieme a un ampio ventaglio di partner, tra cui il club sportivo "Out in Slovenia": "Per me – ci dice il presidente Andrej Pisl - lo sport è una fonte di ispirazione: anche se non ho molto talento e i miei risultati sportivi probabilmente dicono il contrario, mi diverto e mi piace l'idea che lo sport possa avvicinare le persone, penso sia importante".

"Se parliamo di razzismo, xenofobia o discriminazione verso altri gruppi – spiega Andrej - c'è molta paura dello sconosciuto. Spesso si tratta di comunità nascoste, messe da parte. Sfortunatamente, quando si discute di minoranze, la discussione non si basa tanto su diversità, tolleranza e uguaglianza, quando sulla "tattica dello spaventare": "Gli zingari vi deruberanno!", "I migranti vi ruberanno il lavoro!", "I gay vi prenderanno i bambini!" e così via. Le associazioni, ma anche alcune forze politiche, provano a fare dei progressi, mentre altri partiti tendono a posizioni più estremiste: la tensione non si crea per caso o per errore. Di sicuro, la paura di essere riconosciuto apertamente come gay, lesbica, bisessuale o transsessuale in Slovenia è alta. Penso che sia collegato al fatto che non ci sono tanti politici, artisti, celebrità, apertamente gay o lesbiche. E lo sport è un terreno su cui bisogna lavorare molto".

Cosa e come si può intervenire? "Un torneo di calcio isolato – risponde Andrej – per esempio con i rifugiati, può essere pure un bell'evento, e chi partecipa magari si diverte. Ma poi i ragazzi rimangono da soli, per un periodo breve o lungo. Il nostro torneo di Zalog non è organizzato una tantum. Non abbiamo risorse sufficienti per organizzarlo su base settimanale, ma lo organizziamo due volte l'anno, invitando vari gruppi. Sappiamo che si può fare di più e meglio, ma credo che il senso di apertura può essere promosso anche a livello di comunità locali. Dopo 18 edizioni, vediamo dei cambiamenti. All'inizio, non tutti sono tolleranti e ricevono le squadre a braccia aperte. Con il passare del tempo, osserviamo dei progressi: molti bambini, che partecipano da tanti anni, sono cresciuti e considerano la diversità sempre più normale. Durante il torneo, i giovani fanno foto assieme e si parlano: questo grazie anche alle attività collaterali, prima, durante e dopo l'evento. Un torneo singolo e isolato – conclude Andrej - non può cambiare molto: bisogna agire in modo sistematico".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by