Eyes wide shut (foto di raphaelstrada)

Eyes wide shut (foto di raphaelstrada

Dopo più di quindici anni dai fatti, né Unmik né Eulex sono riuscite a fare chiarezza sulla scomparsa di 12 tra giornalisti e operatori dell'informazione serbi durante e subito dopo il conflitto in Kosovo

02/03/2017 -  J. L. Petković

(Originariamente pubblicato da Vesti , il 19 febbraio 2017, titolo originale Euleksu dokazi kucaju na vrata, nema ko da otvori )

"Non c'è alcun archivio 'segreto', nessun documento relativo alle indagini su rapimenti e omicidi contro la popolazione civile in Kosovo che non sia già in mano ad Eulex" sostengono alla missione UNMIK. Fino ad oggi però né Eulex né Unmik sono riuscite a portare davanti alla giustizia nemmeno un sospettato del sequestro e omicidio di 12 tra giornalisti e operatori dell'informazione scomparsi durante o subito dopo il conflitto in Kosovo.

Da Unmik a Eulex e ritorno

La Commissione consultiva per i diritti umani (Human Rights Advisory Panel), istituita nel 2006 sotto l'egida dell'Unmik (United Nations Interim Administration Mission in Kosovo), divenne operativa nel 2008, anno in cui tutta la documentazione prodotta nel corso dell'attività investigativa di questa amministrazione provvisoria, ovvero le sue competenze in materia di tutela dello Stato di diritto furono trasferite all'Eulex (European Union Rule of Law Mission in Kosovo). Lo scopo della Commissione era quello di esaminare le denunce mosse dai familiari di persone uccise o scomparse, che erano convinti che la missione dell'Onu in Kosovo non avesse fatto nulla per scoprire la verità su quanto accaduto.

A rivolgersi a questa Commissione erano soprattutto i familiari delle vittime di nazionalità serba, tra cui anche quelli di quattro giornalisti e operatori dell'informazione scomparsi o uccisi in Kosovo. Dal momento che tutta la documentazione prodotta sia dall'Unità per le persone scomparse che dall'Ufficio legale dell'Unmik era già stata consegnata alla Procura di Eulex, la Commissione, ogni volta che doveva esaminare una denuncia, era costretta a chiederla indietro.

Come affermato dagli ex dipendenti del Segretariato della Commissione, il cui mandato è scaduto nel 2016, “nell'assoluta maggioranza dei casi relativi a persone scomparse, i documenti esaminati dalla Commissione sono stati ottenuti da Eulex, innanzitutto dall'Ufficio del procuratore speciale per i crimini di guerra. Non esiste nessun archivio 'segreto' dell'Unmik, che conterebbe documenti della cui esistenza Eulex non è a conoscenza. A prescindere da quali fossero state le conclusioni della Commissione consultiva – senza eccezione rese pubbliche e contenenti, tra l'altro, un resoconto delle attività investigative con informazioni dettagliate su possibili sospettati – Eulex è in possesso di tutti questi documenti, sia che si tratti di originali o di copie“.

Informazioni “non disponibili“ si trovano sul web

Queste affermazioni sono in netto contrasto con quanto dichiarato dall'attuale capo della missione Eulex Alexandra Papadopoulou durante una recente conferenza sulla sicurezza dei giornalisti organizzata dall'OSCE. In quell'occasione la Papadopoulou ha precisato che, per quanto riguarda i quattro casi di giornalisti rapiti e uccisi, Eulex non dispone di nessuna informazione, aggiungendo che nel loro archivio non vi è nessun dato su Mile Buljević, dipendente della RTV Pristina scomparso nel 1999. Il fatto che la Commissione consultiva, nel prendere posizione sulla denuncia presentata nel 2013 dalla sorella di Mile, Ljubica Buljević, si era avvalsa di informazioni fornitele proprio da Eulex, solleva però molte questioni. Innanzitutto quella di una presunta “sparizione“ di documenti dall'archivio di Eulex.

Il 13 dicembre 2013 la Commissione ha reso pubblica la propria posizione su questo caso, dopodiché, più precisamente il 2 aprile 2014, il Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite in Kosovo ne ha ufficialmente informato Eulex.

“Dopo che la Commissione ha constatato che l'Unmik non aveva adeguatamente indagato su questo caso, chiedendo al Rappresentante speciale di porgere pubbliche scuse alla famiglia [di Buljević] nonché di sollecitare Eulex a provvedere allo svolgimento di opportune indagini, egli ha accolto positivamente tali raccomandazioni, il 6 gennaio 2014 inviando una lettera di scuse alla famiglia della vittima e qualche tempo dopo, il 2 aprile 2014, informando Eulex dell’intera vicenda”, ha spiegato, fornendo documentazione al riguardo, Andrey Antonov, ex responsabile del Segretariato della Commissione.

Da alcune testimonianze, integralmente riportate nei documenti dell'Unmik, emerge che Buljević fu rapito in pieno giorno nel centro di Pristina: il 25 giugno del 1999, verso mezzogiorno e mezzo, nei pressi di un centro per i rifugiati, Buljević fu fermato da alcune persone che gli chiesero di aiutarle a caricare della merce su un camion. Pochi istanti dopo, apparve una jeep nera con dentro tre uomini e una donna che indossavano uniformi dell'Uçk (Esercito di liberazione del Kosovo). Questi aggredirono fisicamente Buljević e, dopo avergli fatto perdere i sensi, lo buttarono dentro alla macchina, insieme a M. J, marito di una testimone. Stando al racconto della donna, suo marito venne buttato fuori dalla macchina fermatasi a circa 50 metri dall'accaduto, mentre Buljević rimase dentro. La testimone e suo marito avevano immediatamente informato il fratello di Mile nonché la Kfor di quanto era avvenuto.

Diversi sospettati, nessuna indagine

Stando alle parole di Alexandra Papadopoulou, nemmeno sul caso del rapimento del giornalista Ljubomir Knežević, di cui i media hanno più volte parlato (appellandosi proprio alle conclusioni della Commissione consultiva, risalenti al 2014), ci sarebbero informazioni disponibili. Tuttavia, il testo del parere emesso dalla Commissione consultiva in merito a questo caso, e consultabile sul suo sito ufficiale, contiene un resoconto delle attività investigative svolte dall’Unità per le persone scomparse che include informazioni su due possibili colpevoli.

Nello stesso testo si fa riferimento anche ad altra documentazione prodotta nel corso delle indagini su questo caso, dalla quale emergono indizi su almeno altri nove possibili sospettati. Tra i vari documenti citati vi è un elenco, originariamente redatto dal Centro di coordinamento per il Kosovo e Metohija, contenente i nomi delle persone legate all’Uçk presumibilmente coinvolte in crimini contro la popolazione civile. Tra queste vi sono due membri dell’unità dell’Uçk di Vučitrn, un certo G.I. sospettato di aver preso parte al rapimento di 23 persone di nazionalità non albanese, tra cui anche Ljubomir Knežević, e un tale S.S., anch’egli sospettato del “rapimento e omicidio” di Knežević.

Giustizia inerte

Per quanto riguarda il caso di Aleksandar Simović, soprannominato Sima, giornalista di Media Action International e traduttore, sia l’Ufficio del procuratore speciale del Kosovo sia il capo di Eulex hanno confermato che l’indagine sul suo rapimento è stata sospesa il 22 luglio 2009. Entrambi i garanti dello stato di diritto in Kosovo hanno dichiarato che le indagini saranno riaperte qualora dovessero emergere nuove prove.

Aleksandar Simović fu rapito a Pristina il 21 agosto 1999 e da allora si perde ogni sua traccia. Suo padre Stevan ne aveva immediatamente denunciato la scomparsa a tutte le autorità internazionali, chiedendo una scorta che lo accompagnasse dal comandante dell’Uçk, presumibilmente coinvolto nel sequestro. Le autorità si rifiutarono di ottemperare a tale richiesta.

Nel corso delle indagini svolte dall’Unmik è emersa la testimonianza di V.S., che raccontò di aver visto Simović nel jazz bar “Ćafa”, dove era in compagnia di una donna che lo avvertì di essere prudente perché al tavolo accanto a loro erano seduti tre membri dell’Uçk che lei aveva “già visto a Tetovo, in Macedonia”. Simović fu rapito nel bar “Pikaso” a Pristina, insieme ad un amico albanese, che poi fu rilasciato. Una parte delle sue ossa venne trovata nel villaggio di Obrinje, nei pressi di Glogovac.

Nella parte conclusiva del suo parere in merito a questo caso, reso pubblico il 24 ottobre 2015, la Commissione consultiva ha chiesto all’Unmik di riconoscere pubblicamente, anche tramite i media, la propria responsabilità per il mancato svolgimento di adeguate indagini sul rapimento e l’omicidio di Simović, nonché di rendere pubbliche scuse alla sua famiglia, sollecitando inoltre Eulex ad avviare opportune indagini. Cosa, quest’ultima, che fino ad oggi non è avvenuta.

Lacune nell’operato dell’Unmik

Quanto invece al caso della scomparsa del giornalista Marjan Melonaši, esso è stato inoltrato al Tribunale di primo grado di Pristina il 3 maggio 2011. Melonaši, giornalista della redazione serba della Radio Televisione Kosovo, fu visto per l’ultima volta il 9 settembre 2000 nel centro di Pristina, mentre saliva su un taxi. Da quel momento di lui si perde ogni traccia. Nonostante sua madre avesse immediatamente avvisato (dell’accaduto) tutti gli organi competenti, l’Unmik ha aspettato cinque anni per avviare un’indagine. Nel frattempo nessuno fu indagato né furono eseguite perquisizioni nella casa e nel luogo di lavoro della vittima.

Fu solo nel 2005 che le informazioni sulla scomparsa di Melonaši vennero inserite nella banca dati della polizia, ma il caso fu subito chiuso. Resta ignoto se qualcuno ne fosse stato ritenuto responsabile. Il capo dell’Unmik ha informato Eulex riguardo a questo caso, seguendo le raccomandazioni della Commissione consultiva che, nel suo parere del 14 ottobre 2014, ha ritenuto che la polizia dell’Onu in Kosovo non si fosse dimostrata pronta a fare chiarezza sui crimini che si sospettava fossero stati commessi dai membri dell’Uçk.

Questa pubblicazione è stata prodotta nell'ambito del progetto European Centre for Press and Media Freedom, cofinanziato dalla Commissione europea. La responsabilità sui contenuti di questa pubblicazione è di Osservatorio Balcani e Caucaso e non riflette in alcun modo l'opinione dell'Unione Europea. Vai alla pagina del progetto


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by