Conflitti

Creare e praticare la resistenza: la situazione dell’università in Turchia

19/06/2019 -  Fazıla Mat

Negli ultimi anni la Turchia ha assistito ad una massiccia riduzione della libertà di espressione che ha avuto un notevole impatto anche sulla libertà accademica. Secondo le stime del network Scholars at Risk tra il gennaio 2016 e il gennaio 2018, sono state licenziate 8.535 persone impiegate nelle università. Una ricerca

Moldavia: Plahotniuc va, Sandu resta

18/06/2019 -  Francesco Magno

Dopo giorni di tensione il governo sostenuto dall'oligarca Plahotniuc si dimette e quest'ultimo lascia il paese. Ma non sparisce il suo apparato di potere e influenze

Biblioteche ricolme d'odio

11/06/2019 -  Rahim Shaliyev

L'Azerbaijan ha rifornito molte biblioteche della Georgia di libri che incitano all'odio nei confronti degli armeni. Mentre le biblioteche non lo percepiscono come un problema, alcuni membri della comunità azera in Georgia temono possano piantare il seme della tensione tra comunità

Mostar, grande festa per il Velež, “simbolo della città unita”

06/06/2019 -  Marco RanocchiariLorenzo Pasqualini

La rinascita del Velež Mostar, storica squadra di calcio multietnica della città, reduce da un passato burrascoso

Ucraina: la nuova legge sulla lingua, ultimo atto di Porošenko

05/06/2019 -  Martina Napolitano

Prima di lasciare la poltrona presidenziale al neo eletto Volodymyr Zelensky, Petro Porošenko ha firmato una nuova legge sulla lingua. Che mette sotto forte pressione i diritti delle minoranze

Bosnia Erzegovina: l‘Atlante dei crimini di guerra

03/06/2019 -  Toni Gabrić

Non sarà pronto prima del novembre 2019 ma già se ne parla molto, è l'Atlante dei crimini di guerra in Bosnia Erzegovina, curato dal Centro di ricerca e documentazione di Sarajevo. Frutto di una ricerca decennale, l'Atlante conterrà le cifre e i dettagli dei crimini commessi in Bosnia Erzegovina

Belgrado-Pristina, nuove tensioni

30/05/2019 -  Dragan Janjić Belgrado

Sale di nuovo la tensione tra Belgrado e Pristina a seguito di un’operazione delle forze di polizia speciali kosovare nel nord del Kosovo, azione che ha portato all’arresto di una ventina circa di persone sospettate di traffici illeciti

Italia-Bosnia: la mia fascia bianca

30/05/2019 -  Edvard Cucek

Il 31 maggio 1992 le autorità serbo-bosniache di Prijedor imposero ai cittadini non-serbi di portare al braccio una fascia bianca. In migliaia vennero poi rinchiusi nei lager, più di 3mila uccisi. Dal 2013, ogni 31 maggio si tiene a Prijedor e in altre città europee come Trento, la "Giornata internazionale delle fasce bianche", per manifestare contro ogni discriminazione

31 maggio: Giornata delle fasce bianche a Trento

27/05/2019

Anche quest'anno, il 31 maggio, si scende in piazza a Trento per la "Giornata Internazionale delle fasce bianche". Per dire no a tutte le guerre, contro ogni discriminazione. Per ricordare chi, quel 31 maggio del 1992 a Prijedor in Bosnia Erzegovina, è stato obbligato a portare una fascia bianca al braccio e venne poi deportato e ucciso

Prigionieri serbi e russi sul fronte alpino: Wikipedia e i luoghi della memoria per gli ultimi

27/05/2019 -  Niccolò Caranti

ll 28 maggio il nostro Niccolò Caranti presenterà a Turku, in Finlandia, l’iniziativa che OBCT ha svolto nell’ambito del progetto AgainNeverAgain. Un resoconto

Ilok e Port Bou: storie di confine

24/05/2019 -  Michele Nardelli

Il settimo dei racconti ispirati da un viaggio formativo nel cuore balcanico dell'Europa e non solo. L'Europa dopo la caduta del muro di Berlino, la deriva nazionalista e il declino del progetto europeo. Il passato che, in assenza di elaborazione, non passa. Di due piccoli luoghi di confine, così lontani eppure tanto vicini

Merkel, Bleiburg e le europee

20/05/2019 -  Giovanni Vale

È stato un weekend bipolare in Croazia. Da un lato la cancelliera tedesca Angela Merkel in vista a Zagabria a sostegno dell'HDZ si esprime contro il nazionalismo, dall'altro lo stesso giorno si è tenuta la consueta celebrazione di Bleiburg dove invece il nazionalismo è di casa

Kosovo/Serbia dopo il summit di Berlino

13/05/2019 -  Dragan Janjić Belgrado

Con il summit di Berlino, tenutosi nella capitale tedesca alla fine di aprile, pare tramontata l’idea di uno scambio di territori tra Pristina e Belgrado. Restano in vigore i dazi sulle merci serbe e lo stallo dei negoziati

Uranio impoverito: storia infinita

10/05/2019

Nei bombardamenti della Nato sui Balcani nel 1995 e 1999 sono stati usati proiettili all'uranio impoverito (DU). Da allora sono 366 i militari italiani deceduti e 7.500 i malati, a seguito dell'esposizione al DU. E i civili? L'analisi di Nicole Corritore di OBCT (9 maggio 2019)

Ottanta anni fa l’Italia invadeva l’Albania

09/05/2019 -  Riccardo Celeghini

Nell'aprile del 1939 l'Italia invadeva l'Albania. Ad 80 anni di distanza un quadro su quanto accadde, ripreso da EastJournal

Ti ricordi l’aprile a Sarajevo?

30/04/2019 -  Dino Mustafić Sarajevo

Regista di cinema e teatro, Dino Mustafić riflette sulla sua città Sarajevo, sull'assedio, sulla cultura della memoria e sulla possibilità che l'arte possa essere linguaggio comune

Nagorno Karabakh: la vita dopo la guerra

30/04/2019 -  Armine Avetisyan

Due villaggi sul lato armeno del Nagorno Karabakh tra i più colpiti durante la Guerra dei quattro giorni dell'aprile 2016. Ora, non senza difficoltà, si assiste al rientro dei loro abitanti e alla ricostruzione. Reportage

Kosovo – Serbia, dialogo arenato

29/04/2019 -  Majlinda Aliu Pristina

Partito con grandi aspettative, il processo di dialogo tra Kosovo e Serbia mediato dall’UE è oggi al palo, dopo l’introduzione di tariffe doganali sui prodotti serbi da parte di Pristina e (finora) sterili proposte di scambi di territori

Florian Bieber: l’UE non tollererà all’infinito gli autocrati dei Balcani

26/04/2019 -  Darvin Murić

Esperto di Balcani ed Europa orientale, professore presso l'Università di Graz, Florian Bieber traccia un profilo dei rapporti tra Balcani e Unione europea, spiegando perché Bruxelles sostiene leader autoritari

Ucraina: il ‘servo del popolo’ Zelensky presidente

24/04/2019 -  Oleksiy Bondarenko

Dopo la netta vittoria, ora a Volodymyr Zelensky spetta il compito di governare, data la natura semi-presidenziale dell'Ucraina. Compito non facile soprattutto fino alle politiche di ottobre: la maggioranza parlamentare resta in mano al presidente uscente Poroshenko

La verità su Jasenovac

23/04/2019 -  Giovanni Vale

Revisionismo storico, memorie divise, il campo di concentramento di Jasenovac (Croazia) continua a far discutere e dividere le comunità della regione. Ivo Goldstein, noto storico croato, ci spiega il perché di un'annosa diatriba

Ivo Atlija, l'etica della testimonianza

23/04/2019 -  Nicole Corritore

Ivo Atlija è uno dei superstiti del massacro avvenuto a Briševo nel 1992 in Bosnia Erzegovina ed ha testimoniato in diversi processi tenutisi al Tribunale dell’Aja. Lo abbiamo intervistato

Turchia: sciopero della fame per Öcalan

18/04/2019 -  Burcu Karakaş Istanbul

Centinaia di detenuti curdi nelle prigioni turche portano avanti uno sciopero della fame per chiedere la fine dell'isolamento del capo del PKK Abdullah Öcalan. Nonostante le gravi condizioni di molti detenuti, e ben sette suicidi, la loro protesta sembra oggi in un vicolo cieco

Kosovo 1999-2019: i rifugiati serbi dimenticati in Montenegro

17/04/2019 -  Jean-Arnauld DérensLaurent Geslin

Fuggiti dalle loro terre in Kosovo nel 1999, per loro il Montenegro è stato un rifugio, prima di diventare un vicolo cieco, una trappola. Venti anni più tardi, non hanno ancora alcun diritto e sopravvivono come ombre amministrative, respinti da Pristina, Podgorica e Belgrado. Reportage

Inguscezia: rischio di nuove violenze

17/04/2019 -  Marat Iliyasov

La piccola repubblica di Inguscezia, Caucaso del Nord, vive un momento di alta instabilità. E vi è il timore che nella regione scoppino violenze legate alle controversie sulle frontiere con le repubbliche vicine e rispetto alla potenziale unificazione con la Cecenia

Kosovo: la lotta contro l’estremismo violento e la radicalizzazione

12/04/2019 -  Ervjola Selenica

Anche in Kosovo, come in molti paesi europei, sono state adottate misure per la de-radicalizzazione, in particolare, ma non esclusivamente, rivolte a chi è rientrato da fronti di guerra. Quali sono? E soprattutto, sono utili?

1999: una primavera a Skopje

10/04/2019 -  Nerimane Kamberi

Dopo l'inizio dei bombardamenti della Nato, il 24 marzo 1999, centinaia di migliaia di albanesi del Kosovo vennero cacciati dalle loro case e molti si rifugiarono nei paesi vicini. In Macedonia, le condizioni di vita nel campo di Blace erano terribili. Un racconto

Il comico Zelensky e le elezioni in Ucraina

05/04/2019 -  Oleksiy Bondarenko

Dopo una lunga campagna elettorale si è svolto domenica scorsa il primo turno delle elezioni presidenziali in Ucraina. Nessuno dei candidati è riuscito a totalizzare più del 50% dei voti. Davanti è Volodymyr Zelensky. Un'analisi del voto

Aljoša Curavić una vita in secca

04/04/2019 -  Diego Zandel

Frontiera, esuli, questioni identitarie. Parla di questo il libro di Aljoša Curavić, abile nel raccontare una sorta di psicopatologia identitaria e di frontiera attraverso i vari personaggi del romanzo

Nagorno Karabakh: artisti di frontiera

03/04/2019 -  Knar Babayan

Una giovane coppia, entrambi artisti, e il loro difficile cammino per realizzare i propri sogni in Nagorno Karabakh