Sul set di "Smrt u Sarajevo"

E' in pieno svolgimento il Festival di Berlino. Una recensione su “Smrt u Sarajevo” ultimo lavoro del regista Danis Tanović e su “S one strane” di Zrinko Ogresta

17/02/2016 -  Nicola Falcinella Berlino

Con un film corale alla Robert Altman, il regista bosniaco Danis Tanović è tornato in concorso al Festival di Berlino (www.berlinale.de) con “Smrt u Sarajevu – Death in Sarajevo”. Dal dramma teatrale “Hotel Europe” di Bernard-Henry Lévy, il premio Oscar per “No man's Land” (premiato a Berlino con “An Episode in the Life of an Iron Picker” nel 2013) ha realizzato una commedia nera matura e molto interessante.

Il film si svolge il 28 giugno 2014 all'Hotel Europa (l'ambientazione reale è l'Holiday Inn, dai sotterranei alla terrazza) di Sarajevo, il migliore della città, nel quale ci si prepara a celebrare il centenario dell'attentato di Gavrilo Princip. Il direttore Omer riceve un attore francese che dovrà tenere un discorso ed è impegnato negli ultimi preparativi, mentre il personale è pronto a uno sciopero, dal momento che non è pagato da mesi, un fatto che ricorda ciò che è accaduto davvero all'Holiday. Sul tetto una giornalista tv sta intervistando storici e studiosi per una trasmissione sul centenario, ovviamente legato agli altri eventi tragici del '900 a Sarajevo: su tutti la curiosa vicenda dei monumenti ricordo che sono stati posizionati e rimossi nei decenni sul luogo dell'attentato. Tra gli intervistati c'è pure un giovane nazionalista serbo che di nome fa proprio Gavrilo Princip e finirà a litigare furiosamente con la conduttrice Vedrana persino lontano dalle telecamere. C'è chi pensa alla sicurezza degli ospiti internazionali e chi è disposto a tutto per fermare lo sciopero, mentre Omer vive nel ricordo dei fasti dell'Olimpiade del 1984 e mostra il servizio di posate di allora come fiore all'occhiello.

Tanović si tiene in equilibrio tra ironia e dramma (un omicidio ci sarà, come il titolo suggerisce, e sarà una sorta di contrappasso beffardo), gestisce i tanti personaggi, i livelli del racconto e una struttura complicata, regalando alcuni complessi movimenti di macchina tra stanze e corridoi. Un'opera complessa, magari non del tutto nuova, che scontenterà qualcuno, sicuramente di buon livello e stimolante. “Smrt u Sarajevu” può puntare a un premio, magari non all'Orso d'oro ma forse il premio al regista, sabato sera nella premiazione del Festival.

Nella sezione Panorama convince “S one strane – On the Other Side” del croato Zrinko Ogresta, che al settimo lungometraggio (tra i principali “Isprani” del 1995, “Tu - Here” del 2003 e “Iza stakla – Behind the Glass” del 2008) realizza forse il suo lavoro migliore. Dopo “Sole alto – Zvizdan” di Dalibor Matanić, premiato a Cannes, e “Takva su pravila – These Are The Rules” di Ognjen Svilicić (“Sorry For Kung Fu” e “Armin”), premiato a Venezia, un'altra prova di riscossa del cinema croato negli ultimi anni.

Vesna (interpretata da un'ottima Ksenija Marinković) è un'infermiera che vive a Zagabria. Sua figlia (Tihana Lazović, anche Shooting Star alla Berlinale) sta per sposarsi, mentre il figlio maschio attende un secondo figlio dalla moglie, nonché uno dalla collega e amante clandestina. Un giorno, mentre è al lavoro, la donna riceve una chiamata dal marito Žarko di ritorno dall'Aja dov'era stato processato e detenuto per crimini di guerra. Al tempo la famiglia viveva a Sisak e l'uomo era ufficiale della JNA, l'esercito jugoslavo, e i suoi soldati avevano compiuto massacri di donne e bambini. Mentre le telefonate da Belgrado si ripetono (Žarko è interpretato da Lazar Ristovski), suonano alla porta due uomini, parenti di vittime nel villaggio di Masici, in cerca di informazioni e giustizia. Ci si sposta nei territori del sottile thriller psicologico, con Vesna che si trova in mezzo tra i problemi dei figli, il passato doloroso con cui credeva di aver tagliato i ponti che invece si riaffaccia e una sorta di “vendicatori”.

“S one strane” è un film d'interni, case, uffici e auto, dove i protagonisti sono quasi sempre visti attraverso vetri, finestre, finestrini, rami, tende, porte semiaperte, oppure riflessi negli specchi. Un film di dettagli, sottigliezze e tensione sotterranea, ma anche di critica alla Croazia di oggi, dall'impossibilità di trovare un lavoro alla corruzione: “Se tutti facessero quello che devono, saremmo la Svizzera già da tempo” commenta amaramente un personaggio.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by