Post di Nicole Corritore

Šimunić: Per la Patria, pronti!

21/11/2013

La Croazia vince 2 a 0 contro l'Islanda e si classifica per i mondiali Brasile 2014. A fine partita il difensore Josip Šimunić al microfono urla più volte alla folla "Za Dom, spremni!" (Per la Patria, pronti!) il motto ustascia dell'NDH, lo stato fantoccio creato da Ante Pavelić nel 1941 sostenuto da Hitler e Mussolini

Hajmo Bosno, hajmo Hercegovino!

16/10/2013

Al canto dei tifosi degli Zmajevi, i "Draghi" della nazionale di calcio, migliaia di cittadini bosniaci hanno festeggiato stanotte nelle strade dell'intero paese. La Bosnia Erzegovina, per la prima volta nella storia del giovane paese, si è qualificata per i mondiali 2014 in Brasile

In viaggio verso la Croazia d'Europa

26/06/2013

Lunedì pomeriggio. Viaggio verso Fiume, attraversando la Slovenia sulla strada che dal confine italiano di Pese arriva alle porte della Croazia, paese per pochi giorni ancora fuori dall'Ue. Un avvicinamento silenzioso, nell'assenza totale di traffico e immersa nel bellissimo paesaggio di questa parte d'Istria, verso la nuova apertura europea.

Sarajevo: avanti con le proteste

11/06/2013

E' il settimo giorno di proteste davanti al Parlamento della capitale bosniaca. Centinaia di cittadini e cittadine, provenienti da diverse città del paese, continueranno la protesta finché non verrà approvata la legge nazionale sul numero di identificazione personale senza il quale i bambini nati da febbraio in poi non possono ottenere i documenti d'identità.

A Prijedor il 31 maggio, perché mi riguarda

30/05/2013

Il 31 maggio del 1992 le autorità di Prijedor obbligano tutti i cittadini non serbi a segnare le proprie case con una bandiera o uno straccio bianco. Fuori di casa sono obbligati a portare al braccio una fascia bianca. Nei mesi che seguono migliaia di cittadine e cittadini di Prijedor vengono rinchiusi nei lager. I giovani della società civile bosniaca li ricordano con l'iniziativa "Perché mi riguarda"

Prima pietra d'inciampo in Croazia

24/05/2013

Stolpersteinen, pietre d'inciampo. L'artista tedesco Gunter Demnig ne ha disseminate decine di migliaia in tutta Europa, per commemorare le vittime della persecuzione nazifascista nei luoghi in cui vissero. Il 21 maggio a Rijeka la prima del paese, per ricordare due vittime di via Mameli, Eugenio e Giannetta Lipschitz.

Croazia in Europa, contro l'omofobia e la transfobia

17/05/2013

Oggi ricorre la Giornata contro l'omofobia e la transfobia - più conosciuta con l'acronimo IDAHO International Day Against Homophobia and Transphobia - promossa dal 2007 dall'Unione europea. A Zagabria, Fiume e Spalato si tengono oggi tavole rotonde, incontri pubblici e molti altri eventi in cui si parlerà soprattutto di come vivono i giovani LGBT in Croazia

Sarajevo, la prima volta a ritmo di break

18/04/2013

Arriva per la prima volta in Bosnia Erzegovina la gara di qualificazione per concorrere ai mondiali di breakdance "Red Bull BC One". I breaker bosniaci vincitori partiranno per le regionali esteuropee che si terranno a Kiev in Ucraina e da lì ai mondiali di Seoul in novembre

Armi croate ai ribelli siriani: polverone mediatico?

13/03/2013

"La Croazia non ha venduto né donato armi ai ribelli siriani". Con questa secca dichiarazione rilasciata ieri alla Tanjug il ministero della Difesa croato cerca di rimandare al mittente le notizie apparse nei giorni scorsi su media internazionali e locali.

Ordigno a Mostar

22/01/2013

La polizia ha disinnescato una bomba trovata stamane alle 11.00 davanti al bar Bonkampo in via Husnije Repca a Mostar a due passi dal Bulevar, la via che durante la guerra era la linea del fronte tra Mostar est e Mostar ovest.