Post di Giorgio Comai

Safarov, eroe per aver ucciso un armeno

04/09/2012

Nel 2004 Ramil Safarov, un ufficiale azero, era a Budapest per partecipare a un corso di inglese organizzato dalla Nato. Ha ucciso con 16 colpi d'ascia Gurgen Margaryan, un altro partecipante, mentre quest'ultimo dormiva nella sua stanza. Safarov era lucido, l'omicidio volontario e premeditato, l'omicida impenitente. Il movente? Margaryan è armeno. La giustizia ungherese l'ha condannato all'ergastolo, esplicitamente escludendo per l'efferatezza del crimine provvedimenti che riducessero la pena a meno di 30 anni.

Vittime di sparizioni forzate, anche oggi

30/08/2012

Il 30 agosto è stata dichiarata dall'ONU giornata mondiale delle vittime di sparizioni forzate.

Georgia, design architettonico e punti di confine

23/08/2012

In Georgia, architetti contemporanei hanno modo di sperimentare idee originali in contesti dove questo normalmente non avviene: dogane, punti di confine, aeroporti e stazioni di servizio.

Dalle olimpiadi di Londra 47 medaglie in Caucaso

14/08/2012

Sportivi del nord e sud del Caucaso hanno ottenuto un bottino di medaglie importante, soprattutto in varie specialità di lotta.

'Sesso e bugie in Kabardino-Balkaria' e altre storie

31/07/2012

Storie di donne dal Caucaso del nord “che non avreste dovuto sentire”.

Mario Monti, un leader "europeo"?

30/07/2012

A quale punto un capo di governo che in visita all'estero parla solo di economia e mai di diritti umani smette di essere un leader "europeo"?

Elezioni presidenziali in Karabakh

26/07/2012

Lo scorso 19 luglio Bako Sahakyan è stato confermato presidente del Nagorno Karabakh, territorio de facto indipendente, con il 66,7% dei voti.

Georgia, propaganda a 5 stelle

17/07/2012

Giovani georgiani mandati in hotel 5 stelle con soldi pubblici e poi invitati a entrare a far parte del partito di Saakashvili, il Movimento Nazionale Unito. Secondo Transparency International Georgia, queste sarebbero alcune delle caratteristiche del campo giovanile “Patriot” organizzato dal governo georgiano.

Facebook, il social network di minoranza

12/07/2012

Un paio di settimane fa, ha chiuso definitivamente quello che per anni è stato il principale social network in Moldavia, Faces.md. Ad oggi, non è però Facebook il "leader di mercato", ma Odnoklassniki.ru, social network con sede a Mosca che ha riscosso grande successo nello spazio post-sovietico. Secondo stime, sarebbero 720.000 gli utenti attivi di Odnoklassniki in Moldavia oggi, mentre quelli registrati su Facebook sarebbero meno di 250.000.

Campi patriottici russi, un nuovo articolo

27/06/2012

Giovani che ballano al suono di canzoni pop-dance patriottiche, ragazze che fanno ginnastica di fronte a enormi ritratti di Putin e Medvedev, sveglia con l'inno nazionale russo a tutto volume... questo e molto altro avevo raccontato con parole e fotografie sul sito di Osservatorio dopo aver partecipato a campi giovanili patriottici organizzati dal governo russo a Seliger e Mashuk un paio di estati fa.