Dissento

Non è stato unanime il giudizio che ha portato la settimana scorsa all'assoluzione in primo grado di Vojislav Šešelj. La giudice italiana Flavia Lattanzi, uno dei tre componenti del collegio giudicante, ha spiegato ad Osservatorio Balcani il perché della sua contrarietà alla sentenza.

Dissente anche Adela Jušić, un'artista di Sarajevo, che dalle pagine di VoxFeminae.net racconta tutta la sua rabbia e il suo sdegno: una nostra traduzione. Eric Gordy, dello University College di Londra, sottolinea infine la totale incongruenza tra due sentenze, quella relativa a Karadžić e quella relativa a Šešelj, emesse dal Tribunale dell'Aja a pochi giorni di distanza.

In settimana inoltre la nuova escalation militare in Nagorno Karabakh; lo stallo in Bosnia Erzegovina relativo alla pubblicazione dell'esito del censimento 2013; l'Ucraina stretta tra il no del referendum olandese e lo scandalo Panama Papers; un'intervista sui corridoi umanitari e infine la strana storia secondo cui Tito avrebbe venduto agli Usa un programma spaziale del tutto fasullo. Buona lettura!

Bloc-notes: Macedonia, l'opposizione annuncia il boicottaggio alle elezioni; Olanda: il referendum sui rapporti con l'Ucraina; Croazia: l'aggressione al giornalista e la sconcertante reazione del ministro della Cultura

08/04/2016 -