Inquietudini

Inquietano le notizie che continuano ad arrivare dalla Turchia. Di fatto, il sud-est del paese, è in guerra: sarebbero, nei soli ultimi sei mesi, quasi mille i morti tra soldati turchi, militanti del PKK curdo e civili. In settimana la nostra corrispondete Fazıla Mat ci ha riportato una tragica e emblematica vicenda avvenuta nella città di Cizre.

Con il nuovo governo la Croazia rischia di rimanere prigioniera del suo passato più nero: ci racconta il perché Francesca Rolandi, in un suo editoriale. Spostandoci di poco più a nord il nostro corrispondente Stefano Lusa ha intervistato il ministro degli Esteri sloveno Karl Erjavec: tutte le inquietudini dell'Europa nei confronti di profughi e migranti.

In settimana poi abbiamo analizzato il collasso del sistema sanitario in Ucraina; abbiamo portato alla luce la vicenda del master ERMA a Sarajevo e di come la necrosi istituzionale del paese pesi sul futuro; abbiamo poi – tra le molte altre cose - pubblicato un'ampia rassegna su come potrebbe evolvere il processo di pace a Cipro nel corso del 2016. Buona lettura!

Bloc-notes: L'Azerbaijan condannato a Strasburgo per maltrattamenti contro un giornalista; Grecia, la CEDU in difesa dei diritti dei detenuti; Turchia, altre due condanne a Strasburgo; Isole greche e rifugiati, nomination al Nobel per la Pace

05/02/2016 -