Esodo

Spiaggiati, ammassati, aggrediti. E a volte, aiutati ed assistiti. Fuggono dalla violenza e da una vita senza futuro i migranti – molti di loro siriani – che stanno attraversando questi giorni la cosiddetta rotta balcanica.

E' un esodo impressionante, che trova noi, i paesi dell'area e le istituzioni europee, ancora una volta, incerti e impreparati. Ma a questa umanità dolente è necessario dare assistenza, accoglienza e solidarietà.

In settimana abbiamo pubblicato il racconto dall'isola di Kos di Fabrizio Polacco; il lavoro dei volontari in Macedonia per assistere i migranti di passaggio nel loro paese; la decisione delle autorità macedoni di mandare l'esercito a controllare il confine con la Grecia; la terza puntata del reportage di André Cunha dal confine tra Serbia e Ungheria.

Bloc-notes: Migliaia di profughi e migranti ammassati al confine tra Grecia e Macedonia; Turchia: le tendenze autoritarie del presidente; Mare: un videoclip contro le trivellazioni in Adriatico; Bosnia Erzegovina in delirio per l'oro europeo FIBA U16; Ucraina: l'Ue chiede alle parti di rispettare il cessate il fuoco; Romania: Ponta il nazionalista

In evidenza: Wikimedia Italia e un consorzio di varie associazioni e soggetti impegnati nella lotta per la libertà di espressione stanno cercando un Wikipediano in residenza presso OBC per il progetto European Centre for Press and Media Freedom (ECPMF).

21/08/2015 -