Purtroppo

E' difficile trovarsi il venerdì, a scrivere a voi queste righe, e non raccontarvi cosa è stato pubblicato in settimana, i temi affrontati, i fatti salienti accaduti nel sud est Europa, in Turchia e in Caucaso. Ma per la terza newsletter di fila dedicheremo il primo piano alla crisi che Osservatorio Balcani e Caucaso sta vivendo.

Le procedure che avvicinano possibili licenziamenti non sono state infatti sospese. Questo implica che Osservatorio Balcani e Caucaso rischia a breve - entro fine mese - di veder sperperate risorse che il progetto ha faticosamente raccolto e costruito in questi anni.

Per questo vi chiediamo di continuare a sottoscrivere il nostro appello, è quantomai importante. Perché voi lettori, la comunità che si è aggregata attorno ad OBC - che contribuisce e beneficia del nostro lavoro - è il senso stesso dell'esistenza di questo progetto. E' l'Europa che auspichiamo. Per questo, fatevi sentire!

Aderite all'appello a sostegno di OBC su http://www.balcanicaucaso.org/Appello-a-sostegno-di-OBC.

Bloc-notes: Moldavia: la comunità bulgara verso uno statuto speciale

Call for Papers: vi invitiamo a sottoporre proposte per la conferenza Transnational Civilian Intervention in Conflict Areas: from Global Civil Society to Jihadism co-organizzata da Osservatorio Balcani e Caucaso il prossimo giugno a Trento presso la Fondazione Bruno Kessler.

10/04/2015 -