In occasione del ventesimo anniversario dalla caduta del Muro, la rassegna cinematografica estende la riflessione ai mutamenti avvenuti a partire dall'Ottantanove in particolare nell'Europa sud-orientale e nel Caucaso. L'iniziativa è promossa da Nuovo Cineforum Rovereto e Osservatorio Balcani e Caucaso nell'ambito degli eventi legati al progetto "Schermi divisi d'Europa" e della conferenza internazionale "Il lungo '89"

05/11/2009 -  Anonymous User

PROGRAMMA

Rovereto (TN), Sala Conferenze del MART, Corso Bettini 41

Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano
L'ingresso è libero e gratuito

FILM

21 novembre 2009, ore 21:00
Hirtia va fi albastra / Paper will be blue
di Radu Muntean
ROM, 2006, 95'
Film non distribuito in Italia. Vincitore del Premio di Locarno, 2006
Maggiori informazioni

In collaborazione con Associazione Rumeni del Trentino - Alto Adige, Alpe Adria Cinema e Multimedia Est Bucarest

28 novembre 2009, ore 21:00
Kod Amidze Idriza / A casa di zio Idriz
di Pjer Žalica
BiH, 2004, 94'
Film non distribuito in Italia
Maggiori informazioni

In collaborazione con Associazione Musicamorfosi e Refresh Sarajevo

5 dicembre 2009, ore 21:00
Prognoze / Forecast
di Sophia Zornitza
BLG, 2008, 102'
Film non distribuito in Italia
Maggiori informazioni

In collaborazione con Alpe Adria Cinema e Bulgarian Beats Sofia

INCONTRO

12 dicembre 2009, ore 21:00
Società e cinema nella nuova Albania

Proiezione di "Kinostudio" (ITA, 2009, 29'), di Micol Cossali e Davide Sighele
Davide Sighele, giornalista di Osservatorio Balcani e Caucaso intervista Rando Devole, sociologo

Rassegna in collaborazione con:

MART - Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto
Associazione Rumeni del Trentino - Alto Adige
Associazione Musicamorfosi
Alpe Adria Cinema

Con il sostegno di:

Provincia autonoma di Trento
Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!