Sono trascorsi dieci anni dalla firma degli Accordi di Dayton, che hanno posto fine alla guerra in Bosnia Erzegovina. Osservatorio sui Balcani ha pubblicato, in quest'ultimo anno, numerosi approfondimenti sulla Bosnia di Dayton e sul possibile futuro del Paese.

In questa apposita sezione i principali materiali pubblicati, a partire da quelli emersi durante il convegno "Vivere senza futuro? L'Europa tra amministrazione internazionale ed autogoverno: i casi di Bosnia Erzegovina e Kossovo" promosso da Osservatorio nel dicembre scorso.

Particolare attenzione viene inoltre rivolta alla conferenza internazionale "Dieci anni di Dayton e oltre" promossa dall'Associazione BiH 2005 e che si è tenuta a Ginevra lo scorso 20 e 21 ottobre. In quell'occasione era presente a Ginevra anche la nostra redazione. In questa pagina anche le interviste ed i materiali raccolti in quell'occasione.

La Bosnia di Dayton. I materiali più rilevanti pubblicati sul sito

Bosnia Erzegovina: lord Ashdown e i poteri imperiali
La Bosnia dopo l'Alto Rappresentante
Bosnia: sotto esame i 'Bonn powers' dell'Alto Rappresentante
La Bosnia di Dayton. Un intervento di Claudio Bazzocchi
La Bosnia di Dayton. La voce degli intellettuali locali
La Bosnia di Dayton. Conversazione con Massimo Moratti
Dayton ha fatto il suo tempo? - 1
Dayton ha fatto il suo tempo? - 2
Dayton ha fatto il suo tempo? - 3
Dayton ha fatto il suo tempo? - 4
Come andarsene dalla Bosnia Erzegovina?

I materiali realtivi alla Bosnia del convegno "Vivere senza futuro? L'Europa tra amministrazione internazionale ed autogoverno: i casi di Bosnia Erzegovina e Kossovo"

Intervista con Christophe Solioz
L'intervento di Vehid Sehic. La Bosnia divisa
L'intervento di Massimo Moratti. Le contraddizioni della presenza internazionale
La cooperazione internazionale ed i protettorati. L'intervento di Rosita Viola

22/09/2005 -  Anonymous User

Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!