Articoli di Marilisa Lorusso

Il nodo del Caspio

05/05/2016 -  Marilisa Lorusso

Gli stati che si affacciano sul Mar Caspio si sono ritrovati a Baku per tentare di determinare lo status giuridico di questo bacino strategico

Nagorno Karabakh: il linguaggio dell'odio

12/04/2016 -  Marilisa Lorusso

L'istigazione all'odio, da entrambe le parti, è da sempre strumento per alimentare il conflitto in Nagorno Karabakh. Un'analisi

Voto in Georgia: quanto valgono le minoranze

02/03/2016 -  Marilisa Lorusso Tbilisi

In vista delle elezioni parlamentari georgiane che si terranno nell'autunno prossimo, abbiamo incontrato Giorgi Bobghiashvili dell’European Centre for Minority Issues per parlare di minoranze e politiche inclusive in Georgia

L’attentato di Istanbul e l’asse Mosca-Yerevan

19/01/2016 -  Marilisa Lorusso Istanbul

Turchia, Russia e Armenia sono legate da un sistema di alleanze e tensioni con conseguenze non sempre prevedibili e arginabili

Armenia: tutto cambia affinché nulla cambi

17/12/2015 -  Marilisa Lorusso

Dal 6 dicembre l’Armenia ha una nuova Costituzione. La riforma è stata ribattezzata “progetto Sargsyan” perché il passaggio da un sistema semi-presidenziale a repubblica parlamentare consente al presidente uscente di mantenere il potere

Accordo sul nucleare: i riflessi sui rapporti Iran-Georgia

19/08/2015 -  Marilisa Lorusso

Coltivare i rapporti con Teheran era un gioco diplomatico complicato, fino alla firma dell’accordo sul nucleare del 14 luglio scorso. Cosa cambia nelle relazioni tra Iran e Georgia

Russia, lo stato profondo

24/02/2015 -  Marilisa Lorusso

Di chi si circonda il presidente russo Vladimir Putin? Perché? Cosa si può dedurre dal protocollo e dai rituali sociali che traspaiono in pubblico? Una rassegna

Nuova escalation in Nagorno Karabakh

26/11/2014 -  Marilisa Lorusso

Il 12 novembre un elicottero militare coinvolto in esercitazioni congiunte armeno-karabakhe è stato abbattuto da un missile nei cieli di Ağdam, in Nagorno Karabakh. A rischio il fragile cessate il fuoco nella regione

La Russia avvinghiata all’Ucraina

21/11/2014 -  Marilisa Lorusso

L'operazione russa in Ucraina segna la fine del legame fra due popoli, di un equilibrio continentale, o può essere l’ultimo atto suicida di quanto rimane dello stato profondo dell’URSS? Una riflessione

Georgia: Ivanishvili non è il messia

18/09/2013 -  Marilisa Lorusso

Il premier Ivanishvili spiega in una lettera i motivi che sottostanno alla sua decisione di dimettersi. Un lungo excursus che ripercorre le turbolenze, i limiti e le sfide della democrazia georgiana cui le sue dimissioni potrebbero porre una nuova, inedita, prova

Vanuatu, San Marino e l'Abkhazia

09/08/2013 -  Marilisa Lorusso

Quando si tratta di riconoscimenti internazionali di territori contesi, considerazioni politiche ed economiche entrano in gioco, a maggior ragione se a decidere è un piccolo stato. L'altalenante politica di Vanuatu, le polemiche a San Marino

Il PPE nella politica interna di Georgia e Armenia

13/05/2013 -  Marilisa Lorusso

Nuovi attori politici, in Armenia e Georgia, contendono la legittimità internazionale agli avversari di fronte al Partito Popolare Europeo. Il maggiore gruppo politico di Bruxelles, tuttavia, non sembra avere una chiara politica per i paesi ai confini dell'Unione

La politica estera di Sargsyan

18/03/2013 -  Marilisa Lorusso

I primi cinque anni della presidenza Sargsyan hanno visto deteriorarsi progressivamente la posizione dell'Armenia nella regione. L'irrisolta questione del Nagorno Karabakh continua a minacciare la sicurezza del paese, ma la politica estera del presidente rieletto sembra improntata alla continuità

L'Armenia di Sargsyan

15/02/2013 -  Marilisa Lorusso

Gli armeni si preparano ad eleggere il presidente che guiderà il paese nei prossimi 5 anni. Il candidato favorito è quello attuale, Serzh Sargsyan. Il bilancio del suo mandato, tuttavia, presenta notevoli ombre, mentre continua l'esodo dei giovani armeni spinti all'estero dalla crisi economica

Armeni e caucasici, in partenza dalla Siria

14/08/2012 -  Marilisa Lorusso

Tra chi cerca di sfuggire al conflitto in Siria vi sono anche migliaia di membri della diaspora armena e circassa che si erano stanziati in medio oriente a partire dal XIX secolo. Guardano ad Armenia e Russia in cerca di tranquillità. Un processo che può avere molte implicazioni

Iran-Armenia, il nuovo dragomanno

25/07/2012 -  Marilisa Lorusso

L'Armenia è isolata geograficamente. L'Iran è isolato politicamente. Facendo di necessità virtù, i due Paesi stanno aumentando le relazioni bilaterali. Lo sviluppo dello snodo armeno-iraniano nell'asse Mosca-Yerevan-Teheran e nel contesto regionale

Azerbaijan-Iran, fra armi israeliane e diffidenza

02/05/2012 -  Marilisa Lorusso

L'Azerbaijan continua ad aumentare le spese militari e ad acquistare armi all'estero per “liberare i territori occupati”, ovvero il Nagorno Karabakh. Ma acquisti di armi da Israele preoccupano Tehran, con cui Baku ha rapporti non privi di tensioni

Ossezia del Sud, elezioni pasticciate

08/03/2012 -  Marilisa Lorusso

Il prolungato processo elettorale in Ossezia del Sud assomiglia sempre più a un requiem all’autoproclamata sovranità dell’Ossezia meridionale. La colpa non è del mancato riconoscimento internazionale, della dipendenza dalla Russia o dalle accuse di Tbilisi, ma della stessa incapacità di Tskhinvali di portare a termine l’elezione del proprio presidente

Elezioni in Ossezia del Sud, tutti sconfitti

06/12/2011 -  Marilisa Lorusso

In Ossezia del Sud, alle recenti presidenziali, sconfitto il candidato sostenuto dal Cremlino. Ma è uscita di fatto sconfitta anche la vincitrice del ballottaggio, Alla Dzhioeva, che si è vista annullare il voto dalla locale Corte suprema. Dopo questa tornata elettorale l'Ossezia del Sud è ben lontana dall'essere uno Stato indipendente e democratico

Un voto e mezzo in Ossezia del Sud

10/11/2011 -  Marilisa Lorusso

Domenica 13 novembre è giorno di elezioni in Ossezia del Sud. Si vota un referendum sulla lingua russa e per le presidenziali. 17 i candidati in queste ultime, un numero elevato che fotografa - più che pluralismo politico – frammentazione di cricche e interessi. Nel frattempo, voci a favore dell’unificazione dell'Ossezia del Sud con Ossezia del Nord e Russia si fanno sempre più insistenti