Domani a Srebrenica non ci saranno più né il Primo ministro serbo né gli hooligan che lo hanno aggredito. Solo un po' di tensione in più

11/07/2015 -  Andrea Oskari Rossini Potočari

L'esito era prevedibile. Aspettando l'inizio delle commemorazioni ufficiali tra le tombe del Memoriale di Potočari, chiedevo ai bosniaci che continuavano ad affluire cosa ne pensassero della presenza del Primo Ministro serbo, Aleksandar Vučić. Nessuno dava risposte positive. Un signore di Tuzla era stato il più esplicito: “Non bisogna permetterlo.”

Eppure la visita era iniziata nel migliore dei modi. Vučić era stato accolto dalle Madri di Srebrenica, che gli avevano appuntato sul petto una margherita bianco-verde, simbolo del genocidio del '95. Anche il sindaco di Srebrenica, Ćamil Duraković, aveva mostrato disponibilità nei confronti del Primo Ministro. Ma le polemiche della vigilia avevano lasciato il segno. Proprio Duraković, nei giorni dell'arresto di Naser Orić in Svizzera su mandato interpol richiesto dalla Serbia, aveva detto di non poter garantire la sicurezza di Vučić a Potočari. Il rilascio del comandante della difesa di Srebrenica aveva fatto calare la tensione, ma ormai le parole erano state pronunciate. La vicenda del voto sulla Risoluzione per Srebrenica, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, aveva inquinato ancor più lo scenario. Il Primo Ministro serbo aveva legato la propria partecipazione al respingimento della Risoluzione, perché per la Serbia il termine “genocidio” è inaccettabile. Troppi distinguo.

La folla

Dopo i discorsi tenuti nell'ex base dei caschi blu olandesi, i rappresentanti internazionali si sono spostati nell'area del Memoriale. La folla – più di 50.000 persone - ha cominciato a sussultare. Vučić ha deposto un fiore per le vittime, poi è cominciata l'aggressione. Un gruppo ha spiegato uno striscione con una frase attribuita a Vučić (“Per ogni serbo morto uccideremo 100 musulmani”), e in un attimo sono tornati gli anni '90, con l'aggiunta di qualche sporadico “Allahu Akbar”. Nonostante la difesa delle forze di sicurezza, e gli inviti alla calma immediatamente pronunciati dal reis ulema Kavazović, il leader religioso dei musulmani bosniaci, la scena faceva paura. È diventato immediatamente chiaro che far entrare Vučić, in quell'arena, era stata una leggerezza, e la commemorazione delle vittime di Srebrenica è diventata subito qualcos'altro.

Domani a Srebrenica non ci saranno più né Vučić né gli “eroi” che l'hanno costretto a fuggire, solo un po' di tensione in più nel giorno in cui i serbi commemorano le proprie vittime al Memoriale di Kravica, tra manifesti di Putin e inni alla Republika Srpska.

Un'occasione sprecata

Nei Balcani vige la politica del “Da, ali”, “Sì, però”. È un leit motiv, sia tra la gente comune che nelle posizioni ufficiali. “Anche noi abbiamo commesso crimini, però”. Nella condanna dei crimini di guerra non servono i “però”. Serve la posizione delle Donne in Nero di Belgrado. Anche loro vengono dalla Serbia, e si presentano al Memoriale di Potočari ogni 11 luglio. Con un messaggio semplice: “Solidarietà” con le vittime, e “Responsabilità” per i crimini commessi dalla propria parte. Non si può aspettare che Vučić parli tutto a un tratto come le Donne in Nero, sue oppositrici da sempre. Negli anni '90, lui era parte integrante della politica nazionalista serba che tanti lutti ha provocato nella regione. Proprio per questo, tuttavia, il cambiamento del suo discorso politico è un segnale importante. Non ha certo la limpidezza della posizione delle donne, ma oggi Vučić china il capo di fronte alle vittime di una strage che fino a qualche anno fa, per gran parte delle istituzioni e dell'opinione pubblica serba, non era neppure esistita. Per questo quella di oggi è stata un'occasione sprecata.

11 luglio

L'11 luglio è una data sempre più carica di significati. Il ricordo della più grande strage avvenuta in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale meriterebbe più rispetto, e un profilo più basso da parte dei diversi rappresentanti delle istituzioni coinvolte. Meno chiasso prima, durante, e dopo. Si tratta di seppellire le vittime faticosamente ritrovate e identificate dall'Istituto Internazionale per le Persone Scomparse e dall'apposita commissione bosniaca nel corso dell'anno trascorso, e di manifestare rispetto per loro e i loro familiari. La politica stride in questa giornata. Ci sono famiglie che hanno atteso 20 anni questo momento. Altre continuano a vivere con l'angoscia di non sapere dove sono i resti dei propri cari. Ci sono madri che, perdendo la ragione, vanno sui campi minati alla ricerca delle ossa dei figli, sulla base di semplici voci secondo cui “lì ci potrebbe essere una fossa”. Vučić ha risposto all'aggressione subita oggi in Bosnia con parole di saggezza e moderazione, dichiarando di voler continuare con una politica di mano tesa verso il vicino e di riconciliazione tra Serbia e Bosnia Erzegovina. Potrebbe fare di più. Intervenire presso le istituzioni serbo bosniache perché mettano a disposizione delle famiglie le informazioni sulla dislocazione delle fosse comuni. Mancano ancora quasi 2.000 persone all'appello, e non è possibile aspettare altri 20 anni. La riconciliazione ha bisogno di gesti concreti. La sua presenza, l'anno prossimo, sarebbe accolta in maniera diversa.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by