Foto di Alexandros Michailidis/Shutterstock

Foto di Alexandros Michailidis/Shutterstock

Centinaia di detenuti curdi nelle prigioni turche portano avanti uno sciopero della fame per chiedere la fine dell'isolamento del capo del PKK Abdullah Öcalan. Nonostante le gravi condizioni di molti detenuti, e ben sette suicidi, la loro protesta sembra oggi in un vicolo cieco

18/04/2019 -  Burcu Karakaş Istanbul

In Turchia, centinaia di prigionieri curdi sono in sciopero della fame da dicembre 2018. I prigionieri chiedono al governo turco di porre fine all'isolamento di Abdullah Öcalan, leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), e consentire a familiari e avvocati di fargli visita in prigione. Dal 1999, Öcalan è in isolamento sull'isola di İmralı, nel Mar di Marmara.

Leyla Güven, deputata dell'HDP filo-curdo (Partito popolare democratico), è stata la prima a lanciare una protesta in carcere, lo scorso novembre. È in sciopero della fame da oltre 160 giorni. Dopo essere stata accusata di "creare e gestire un'organizzazione terroristica armata" e "propagandare il terrorismo" a causa delle sue dichiarazioni sull'operazione turca ad Afrin in Siria, è stata arrestata nel gennaio 2018. Güven è stata rilasciata tre mesi fa dopo essere caduta in condizioni critiche all'undicesima settimana di sciopero della fame.

"Finora mia madre ha perso 15 chili. Soffre di nausea, pressione arteriosa bassa e instabile, ulcere aftose in bocca e bradicardia. È estremamente sensibile alla luce e agli odori. Ha anche dolori al corpo a causa della miolisi e non può camminare senza il nostro aiuto", dice la figlia Sabiha Temizkan.

Oltre agli scioperi della fame, sette detenuti nelle prigioni turche si sono suicidati per protestare contro l'isolamento di Öcalan. Nei media turchi sono apparse poche notizie sui suicidi e ad oggi non sono state rilasciate dichiarazioni da parte delle autorità turche.

Sabiha Temizkan afferma che i prigionieri in sciopero della fame hanno raggiunto una fase critica. "Ogni giorno arrivano notizie terribili. Alcuni detenuti si sono tolti la vita in prigione. Potremmo assistere a nuove morti in caso di inazione. Mi aspetto che le autorità agiscano prima che altre persone soffrano", dice.

"Nessuno ad Ankara è disposto a parlare degli scioperi della fame"

Anche Leyla Güven, 55 anni, è in condizioni critiche. Distesa sul suo letto a Diyarbakır, una città prevalentemente curda, ha difficoltà persino a consumare cibo liquido. Come gli altri in sciopero della fame, assume vitamine e acqua zuccherata. Sua figlia Sabiha dorme con lei nella stessa stanza ogni notte, sperando di svegliarsi in una mattina migliore. "Altre voci si dovrebbero sollevare per chi fa sciopero della fame", dice.

Gli scioperanti non sono disposti a smettere prima che le loro richieste vengano soddisfatte. Il movimento politico filo-curdo si aspettava che le autorità turche prendessero provvedimenti dopo le elezioni locali, ma ciò non è ancora avvenuto. Öztürk Türkdoğan, leader dell'Associazione per i diritti umani (İHD), ritiene che le autorità prenderanno presto misure per porre fine agli scioperi della fame dei detenuti curdi. "Abbiamo inoltrato le nostre richieste di incontro al ministero della Giustizia. Ci aspettiamo di incontrare presto i funzionari del ministero, ma al momento nessuno ad Ankara è disposto a parlare del tema", dice.

Turchia: una storia di scioperi della fame e digiuni terminali

Secondo il difensore dei diritti umani Türkdoğan, i risultati delle elezioni locali hanno mostrato che le misure di sicurezza adottate dal governo turco nelle aree curde e nelle città della Turchia non sono utili ai loro scopi, e l'HDP è un partito politico che non può chiudere un occhio anche se volesse. A questo proposito, Öztürk Türkdoğan sostiene che il governo dovrebbe fare riforme sociali ed economiche. Questo, secondo lui, comprende anche una riappacificazione con il popolo curdo, mentre il dialogo tra HDP e il governo dovrebbe essere rinnovato per porre fine agli scioperi della fame e, in un senso più ampio, per risolvere il conflitto curdo.

"Le richieste dei detenuti politici sono state chiarissime fin dal primo giorno delle proteste. Chiedono alle autorità di attuare la legge e porre fine all'isolamento di Öcalan. L'AKP non sarà in grado di reggere le crescenti tensioni che emergono dagli scioperi della fame. Le richieste non sono politiche, ma legali, e devono essere intraprese azioni immediate. Le autorità agiranno ad un certo punto, ma la domanda è: quando?".

La Turchia ha una lunga e tragica storia di scioperi della fame e digiuni terminali. Nel 1996, 12 prigionieri sono morti durante gli scioperi della fame contro l'isolamento nelle carceri di massima sicurezza. 122 detenuti sono morti durante il digiuno contro le celle di isolamento nel 2000-2007. Nel 2012, centinaia di detenuti curdi hanno concluso il loro sciopero della fame di 68 giorni solo dopo una richiesta in questo senso di Öcalan.

"Gli altri partiti politici e i media non ci prestano attenzione"

Come Öztürk Türkdoğan, la parlamentare HDP Ayşe Acar pensa che il governo dovrebbe agire immediatamente. "Il ministero della Giustizia è ben consapevole che queste persone non si arrenderanno fino a quando non saranno soddisfatte le loro richieste. Al parlamento turco, tuttavia, non interessa affatto. Solo l'HDP ne parla. Come è possibile?", dice.

Poiché il ministero della Giustizia non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale, il numero esatto di prigionieri in sciopero della fame nelle carceri turche è attualmente sconosciuto. Acar dice che sono migliaia, mentre gli scioperi della fame hanno già raggiunto una fase critica e alcuni prigionieri sono in condizioni molto gravi. Sottolinea che gli scioperi della fame sono nell'agenda politica dell'HDP, mentre il resto del paese, compresi i politici degli altri partiti, rimane in silenzio, causando uno stallo politico.

"Né gli altri partiti politici né i media prestano attenzione a ciò che sta accadendo nelle prigioni turche. Siamo molto preoccupati di ricevere cattive notizie. I prigionieri in sciopero della fame non sono disposti a morire. Non vogliono morire. L'isolamento totale che Abdullah Öcalan è costretto a sopportare è contro le leggi turche. I prigionieri in sciopero della fame chiedono allo stato turco di porre fine a tutto questo".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by