Uno studio dell'OSCE appena pubblicato raccoglie una lunga serie di dati sulle violenze subite da circa 16 milioni di donne nei paesi dell’est e del sud-est Europa

08/03/2019 -  Gina Pavone

“Un uomo che prende a schiaffi una donna? Non è considerato grave - racconta una giovane donna bosniaca - non ha fatto qualcosa di orribile: non l’ha picchiata”. La sua testimonianza fa parte delle 15.179 interviste raccolte in un nuovo studio dell'OSCE che fa il punto sulla violenza contro le donne nell’Europa orientale e sud-orientale. In particolare il sondaggio è stato somministrato a donne tra 17 e 74 anni che vivono in Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, Moldavia e Ucraina.

In questi paesi circa 16 milioni di donne hanno subito una qualche forma di violenza sessuale, fisica o psicologica, oppure abusi o stalking. Si tratta del 70% delle donne, secondo questo studio. Tutte possono insomma ritrovarsi esposte al fenomeno della violenza, indipendentemente dalla loro condizione socio-economica. Ma sono le donne povere, in condizioni di dipendenza economica e con figli quelle che riportano le maggiori esperienze negative.

Il 30% delle donne intervistate ha subito almeno una molestia sessuale grave: una percentuale decisamente più bassa rispetto alla media europea, dove lo stesso dato arriva al 45%. Se poi si considera una qualsiasi forma di molestia sessuale, si arriva al 45% nell’area studiata (con un range che va dal 29% della Bosnia Erzegovina al 49% di Moldavia e Ucraina) contro un 55% di media Ue. Rispetto ai paesi dell'Unione risultano invece più frequenti gli episodi di violenza compiuta dal partner, specie se quello attuale.  

La differenza tra dato medio dell'Ue e sud-est Europa deve essere analizzato anche considerando il fatto che nell'Ue le molestie sessuali sono comunque dichiarate più frequentemente. Il tutto sembra ricollegabile, come nota lo studio, a una più lunga storia di politiche e campagne di sensibilizzazione sull’uguaglianza di genere. E infatti la maggior parte delle donne intervistate nel sud-est Europa (il 68%) considera diffuso il problema della violenza di genere – ma il dato è più basso rispetto alla media Ue, che è del 78%.

Questa differenza dipende anche da modi diversi di definire la violenza. Prendere una donna a schiaffi o tirarla per i capelli tendono ad essere considerati situazioni “normali” da alcune donne del sud-est Europa, o quantomeno forme minori di aggressione. Viene accettato anche il sesso tra coniugi in assenza di consenso: “Avere rapporti con il marito anche se non si vuole è una forma di violenza sessuale - osserva una donna macedone - ma spesso lo si fa per mantenere la quiete in famiglia”. E infatti è questa la forma di violenza sessuale che viene più spesso giustificata, soprattutto in Kosovo (25%) e nella Macedonia del Nord (22%). D’altra parte il 30% delle intervistate considera la violenza domestica una faccenda privata, da trattare in famiglia: più del doppio rispetto alla media Ue, che è del 14%.

“Dentro casa il marito è un ospite, tutto ricade sulle spalle delle donne”, osserva una montenegrina ultracinquantenne che vive in un’area rurale. Eppure “gli uomini sono cambiati parecchio rispetto a 20 o 30 anni fa - le fa eco una sua concittadina e coetanea, che invece vive in città - specie quelli che hanno famiglia condividono molto di più le faccende domestiche”.

In generale, la concezione misogina risulta “a tutto tondo”: tra coloro che condividono una visione della donna sottomessa all’uomo sono più diffusi anche atteggiamenti di colpevolizzazione delle vittime e l’idea che la violenza sia una questione privata. Come ci si può aspettare, la condizione socio-economica conta: visioni come queste sono infatti più diffuse tra le donne anziane, con livelli di istruzione e reddito più bassi e tra le residenti in aree rurali.

Un altro aspetto su cui si sofferma lo studio è la scarsa tendenza a riportare violenze subite e a chiedere aiuto. L’81% delle donne che subiscono violenze serie da parte del partner attuale non si rivolge alla polizia o ad altre istituzioni. Qui il dato è in linea con la media Ue.

 

Questo articolo è pubblicato in associazione con lo European Data Journalism Network  ed è rilasciato con una licenza CC BY-SA 4.0

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by