Ekrem İmamoğlu - © Kemal Aslam/Shutterstock

Ekrem İmamoğlu - © Kemal Aslam/Shutterstock

Partendo da quasi sconosciuto, Ekrem İmamoğlu (CHP), ha trionfato alle amministrative ad Istanbul lo scorso marzo, poi annullate in modo controverso. Un ritratto del giovane politico alla vigilia della ripetizione del voto, fissata al 23 giugno

20/06/2019 -  Burcu Karakaş Istanbul

Il 31 marzo scorso la vittoria del candidato del Partito popolare repubblicano (CHP) Ekrem İmamoğlu nelle elezioni municipali di Istanbul ha messo la parola fine al venticinquennale dominio del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) del Presidente Recep Tayyip Erdoğan nella città sul Bosforo. Il 17 aprile la commissione elettorale centrale (YSK) ha consegnato a İmamoğlu il suo mandato, ma la vittoria del neo-sindaco non è durata a lungo.

L'AKP, infatti ha contestato i risultati ufficiali. "Riteniamo che ci siano stati frodi, illeciti e brogli organizzati", ha dichiarato il vicepresidente dell'AKP Ali Ihsan Yavuz. Il 6 maggio, dopo che İmamoğlu aveva ricoperto la carica di sindaco di Istanbul per 18 giorni, lo stesso YSK è tornato sui suoi passi, comandando la ripetizione delle elezioni di Istanbul, sostenendo stavolta che le elezioni erano state effettivamente segnate da irregolarità.

Il CHP ha criticato aspramente la decisione dell'YSK. Secondo i funzionari del partito non c'erano prove concrete a sostegno dell'annullamento, e la decisione di ripetere le elezioni è stata del tutto illegittima. Lo stesso giorno, il 49enne İmamoğlu si è rivolto alla folla in subbuglio con parole calde e forti, dichiarando di non aver alcuna intenzione di arrendersi nonostante l'ingiusta decisione dell'YSK.

"Forse siete amareggiati, ma non bisogna mai perdere la speranza. Il nostro viaggio è lungo. La nostra passione è al massimo. Siamo giovani! Siamo la gioventù turca. Abbiamo sete di giustizia. Abbiamo piena fiducia nella democrazia. Non ci arrenderemo mai!"

Ekrem İmamoğlu non era una figura popolare nell'arena politica turca prima della competizione elettorale per Istanbul. Il team della sua campagna ha impiegato 112 giorni per trasformarlo da quasi sconosciuto in un volto noto in tutto il paese. A differenza del suo rivale Binali Yıldırım, ex primo ministro della Turchia, İmamoğlu poteva vantare solo un'esperienza politica limitata. Tuttavia, il candidato del CHP è riuscito ad emergere come stella nascente in un breve lasso di tempo. Come è stato possibile?

Una retorica inclusiva che ha attirato l'attenzione

Nato a Trabzon, città della costa turca del Mar Nero, İmamoğlu ha studiato economia aziendale presso l'Università di Istanbul e in seguito ha conseguito un master in management. Nel 2014 È diventato sindaco di uno dei distretti di Istanbul, Beylikdüzü.

Dopo l'annuncio della sua candidatura, İmamoğlu si è subito imposto sulla scena politica come un personaggio politico moderato. Il suo tono, volto alla ricerca del compromesso, è stato segnato da un importante appuntamento: a gennaio ha infatti incontrato il presidente Erdoğan ad Ankara, mantenendo così la promessa di visitare tutti i precedenti sindaci di Istanbul. "Abbiamo parlato di Istanbul. Ho ascoltato i suoi consigli. Ha raccontato aneddoti notevoli. Quando ho chiesto il suo voto, ha sorriso ", ha dichiarato İmamoğlu alla stampa dopo il loro incontro.

In una società molto polarizzata come la Turchia di oggi, il candidato del CHP è riuscito a costruire un discorso politico unificante. "Tutto andrà bene" è diventato lo slogan della sua campagna, alimentando le speranze di possibili cambiamenti politici da parte dell'opposizione. La sua retorica inclusiva ha catturato non solo l'attenzione dei cittadini di Istanbul, ma di quelli di tante altre città. İmamoğlu è riuscito con successo a opporsi al linguaggio politico divergente e sessista che attualmente domina il panorama politico turco. "Rispettiamo tutti gli 82 milioni di cittadini che vivono in questo paese, a prescindere dalle loro radici etniche", ha dichiarato recentemente nella sua città, Trabzon.

Secondo İmamoğlu, la partigianeria è oggi il più grande nemico del paese, fenomeno che apre la strada a una profonda polarizzazione nella società. Una delle sue promesse per Istanbul è di porre fine al clientelismo e portare uguaglianza di fronte alle istituzioni.

Durante la cerimonia di investitura ad aprile, İmamoğlu si è rivolto a migliaia di persone di fronte alla Municipalità Metropolitana di Istanbul. "Non tratteremo le persone in modo diverso in base alle loro origini etniche, razza o fede. Vogliamo portare la pace, vogliamo portare amore in questa bella città, a queste belle persone. Mi rivolgo a tutti: ai turchi, curdi, musulmani, sunniti, aleviti e cristiani di questa città", ha dichiarato İmamoğlu.

Il giovane leader dell'opposizione ha anche dichiarato che per la città di Istanbul è finito il tempo per collaborare solo con associazioni, persone, gruppi religiosi e fondazioni legate ad una sola parte politica, con evidente riferimento all'AKP del presidente Erdoğan. Le parole di İmamoğlu sono state applaudite per diversi minuti.

"Chi controlla Istanbul, controlla la Turchia"

A differenza della maggior parte dei politici del CHP, İmamoğlu non ha mai preso pubblicamente le distanze dalle pratiche religiose. Anzi, non ha esitato ad avvicinare gli elettori religiosi recitando preghiere in moschea e partecipando alle celebrazioni del venerdì durante il periodo della campagna. Non ha snobbato neanche le altre comunità religiose di Istanbul. In dicembre, in occasione del Natale cristiano, İmamoğlu ha visitato il Patriarca greco ortodosso Bartolomeo, il vicario patriarcale della Chiesa ortodossa siriaca Filiksinos Yusuf Çetin e l'amministratore apostolico dell'Arcieparchia armena di Istanbul, l'arcivescovo Levon Zekiyan.

Istanbul è la città più grande della Turchia con 15 milioni di abitanti, quasi il 20% dell'intera popolazione. Nel 2017, in una riunione dell'AKP, il presidente Erdoğan dichiarò: "Chi controlla Istanbul, controlla la Turchia". Questa convinzione domina la politica turca e per questo motivo le elezioni del sindaco di Istanbul sono diventate un'enorme questione di dibattito, che sarà rinnovata il 23 giugno, data della ripetizione delle consultazioni amministrative.

In vista della nuova sfida, İmamoğlu è riuscito ad ottenere il sostegno critico degli elettori curdi a Istanbul. "Prima delle elezioni del 31 marzo, abbiamo espresso le nostre preoccupazioni sull'attuale discorso politico. L'uso di un linguaggio ultra nazionalista avrebbe allontanato gli elettori del pro-curdo Partito democratico popolare (HDP), ma İmamoğlu non lo ha fatto", hanno dichiarato funzionari dell'HDP a OBC Transeuropa.

In un paese in cui il presidente Erdoğan è stato per anni il leader politico dominante, i messaggi positivi e fiduciosi di İmamoğlu hanno iniziato a produrre un impatto costruttivo nella società turca. Nei suoi discorsi, İmamoğlu ha usato ripetutamente le parole di "unità", "giustizia", “pace" e "democrazia". I turchi non avevano familiarità con un giovane politico dalla voce così pacata e dai modi tanto amichevoli dall'ascesa di Selahattin Demirtaş, ex co-presidente dell'HDP, ora in prigione da due anni. E molti analisti politici ed elettori hanno tracciato parallelismi proprio tra İmamoğlu e Demirtaş.

In chiusura di campagna elettorale, domenica scorsa İmamoğlu e Binali Yıldırım si sono confrontati in uno storico dibattito televisivo. Il candidato del CHP ha dichiarato che le nuove consultazioni amministrative per Istanbul sono molto più di un'elezione locale, quanto piuttosto una battaglia per lo stato di diritto. "La nostra è una lotta per la democrazia, contro coloro che hanno violato i nostri diritti e quelli di 16 milioni di elettori", ha dichiarato İmamoğlu.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by