Left

È possibile in Kosovo un governo di sinistra? Una riflessione sulle origini storiche ed ideologiche, sulle divisioni e le aspettative della sinistra politica in un paese dominato negli ultimi due decenni dalle logiche sociali ed economiche del liberismo conservatore

24/07/2018 -  Eraldin Fazliu

(Questo articolo è stato originariamente prodotto e pubblicato da Kosovo 2.0)

Uno sguardo sui partiti politici di sinistra contemporanei in Kosovo

Nei quasi due decenni trascorsi dalla fine della guerra, il governo del Kosovo non è mai stato guidato da un partito di sinistra. Tuttavia, l'influenza dei partiti che si identificano con la sinistra è aumentata di recente, specialmente dopo le elezioni parlamentari di giugno 2017. Nella legislatura attuale, l'Assemblea del Kosovo comprende 37 deputati provenienti da partiti che si posizionano a sinistra dello spettro politico.

Negli ultimi anni, la politica di sinistra in Kosovo ha ruotato principalmente intorno al movimento Vetëvendosje, che ha iniziato a partecipare alle elezioni nel 2010 e si è ufficialmente registrato come partito lo scorso anno. Vetëvendosje ha ottenuto il suo miglior risultato elettorale nelle elezioni parlamentari della scorsa estate, quando con 32 seggi è diventato il più grande partito in parlamento.

Questo numero si è drasticamente ridotto a marzo di quest'anno, quando 12 deputati di Vetëvendosje hanno lasciato il partito e costituito il Gruppo dei deputati indipendenti. Nella stessa settimana, la deputata Donika Kadaj-Bujupi ha fatto ritorno all'Alleanza per il futuro del Kosovo (AAK), lasciando Vetëvendosje con 19 deputati.

Il Gruppo dei deputati indipendenti si è successivamente unito al Partito socialdemocratico del Kosovo (PSD), che è passato dall'essere un partito marginale ad avere una rappresentanza parlamentare significativa, e ora è guidato dal sindaco di Pristina Shend Ahmeti, che ha lasciato Vetëvendosje quest'anno.

Nel frattempo, l'Iniziativa per il Kosovo (NISMA), che ha sei deputati e gestisce quattro ministeri nell'attuale governo di coalizione, all'inizio di quest'anno ha preso il nome di Iniziativa socialdemocratica e abbraccia una posizione di centro-sinistra.

In teoria, la sinistra del Kosovo ha ora tre partiti in competizione. Ma che cosa succede in pratica? Che cosa significa essere un partito di sinistra in Kosovo? E un partito di sinistra potrà mai andare al governo? Per rispondere a queste domande, è importante considerare il contesto della politica kosovara e la storia della sinistra in Kosovo.

Una nuova era

Quando Slobodan Milošević abolì l'autonomia del Kosovo all'interno della Jugoslavia nel 1989, le circostanze della politica kosovara cambiarono, mentre le aspirazioni separatiste crescevano tra gli albanesi del Kosovo. Nel contesto più ampio, la transizione fra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 è iniziata con la caduta del comunismo in tutta l'Europa centrale e orientale, e il Kosovo non ha fatto eccezione.

La Lega dei comunisti del Kosovo, legata al marxismo-leninismo e al titoismo, cessò di esistere nell'ottobre del 1990, creando spazio per nuovi partiti e ideologie politiche. Tra gli albanesi del Kosovo, questo spazio fu largamente occupato dalla Lega democratica del Kosovo e dal suo leader, Ibrahim Rugova.

Internamente, i principali oppositori dell'LDK erano individui organizzati nel Movimento popolare del Kosovo (LPK), associato al marxismo e al leninismo. Mentre c'erano alcune distinzioni fra le due organizzazioni in termini di ideologia politica, con l'LDK che abbracciava valori più conservatori, erano le questioni del separatismo dalla Jugoslavia e il rapporto con l'Albania a definire realmente entrambi i gruppi, e la politica kosovara nel suo complesso.

Come dice Glauk Konjufca, uno dei fondatori di Vetëvendosje, la sinistra in Kosovo prima del 1999 era organizzata in gruppi che erano molto più concentrati sulla posizione del Kosovo all'interno della Jugoslavia che su un dibattito sulla sinistra o su qualsiasi altra piattaforma ideologica consolidata.

"Sebbene abbia esaminato i documenti LPK, non ho letto di alcun dibattito intellettuale sul marxismo, il leninismo, le posizioni globali o i problemi della sinistra", dice Konjufca a K2.0. "Questo mi fa pensare che la loro ideologia fosse influenzata da circostanze geopolitiche regionali: gli albanesi sono separati, il picco della nostra rappresentazione è [lo stato di] Albania, l'Albania è governata da Enver Hoxha quindi la nostra posizione dovrebbe essere con Enver Hoxha perché all'interno della Jugoslavia [gli albanesi] sono divisi".

In seguito, le principali personalità LPK furono impegnate nell'organizzazione dell'Esercito di liberazione del Kosovo (UÇK), che alla fine degli anni '90 avviò azioni armate contro l'apparato statale serbo. La leadership UÇK fu ampiamente etichettata come influenzata dalle idee del marxismo-leninismo, anche se l'unificazione con l'Albania rimase la causa principale dell'UÇK, e faceva parte del giuramento di ogni suo soldato.

Dopo l'intervento della NATO, l'installazione dell'amministrazione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) e la smilitarizzazione dell'UÇK, alcune di queste figure si sono convertite alla vita politica formando il Partito democratico del Kosovo (PDK), la cui leadership era tutta coinvolta nell'UÇK. Il capo dell'ala politica dell'organizzazione militare, Hashim Thaçi, divenne presidente del partito, mentre Jakup Krasniqi e Xhavit Haliti sono state figure chiave in entrambe le organizzazioni.

Risposta a influenze internazionali e politiche di destra

L'amministrazione ONU del dopoguerra ha lasciato al Kosovo un quadro di governance che molti ora vedono come destrorso. Artan Mustafa è ricercatore e docente in politiche di welfare statale a Pristina. Ritiene che l'UNMIK, che ha amministrato il Kosovo fino all'indipendenza insieme ad altre organizzazioni internazionali, abbia cementato politiche neoliberiste che favoriscono altre posizioni ideologiche, ma non la sinistra.

"La Banca mondiale ha installato il quadro istituzionale del Kosovo dopo la guerra, consigliando l'UNMIK, ma anche influenzandone i principali donatori", dice Mustafa a K2.0. "Inoltre, ha influito sul processo politico tramite l'introduzione di politiche economiche neoliberali".

Parte di queste politiche neoliberali, nonché una delle questioni politiche più importanti del tempo, è stata la privatizzazione delle società di proprietà statale, in cui la comunità internazionale ha avuto un ruolo cruciale. Sia LDK che PDK, quest'ultimo abbandonando apparentemente l'ideologia marxista dell'UÇK, hanno sostenuto questo processo di privatizzazione.

È in questo contesto che nel 2005 si forma il movimento Vetëvendosje, che ha incorporato successivamente alcune vecchie figure LPK insoddisfatte del comportamento del PDK. I suoi fondatori hanno citato l'insoddisfazione per il processo di privatizzazione, così come la mancanza di una risoluzione sullo status finale del Kosovo, come ragioni per creare il movimento, che ha mosso i primi passi con espressioni di malcontento per le strade.

Si opponevano anche a quello che descrivevano come il ruolo egemonico della comunità internazionale, un ruolo che ritenevano sostenuto dai politici locali. Questo rapporto con la comunità internazionale definisce ancora oggi molti partiti di sinistra del Kosovo.

Per Visar Ymeri, ex presidente di Vetëvendosje e attualmente vice presidente del Partito socialdemocratico, l'interferenza della comunità internazionale ha avuto un impatto molto negativo che va oltre le conseguenze economiche.

"Da un lato ha danneggiato l'economia del Kosovo, e in secondo luogo ci sono ambasciatori importanti che hanno mostrato un'ostilità inaccettabile contro un partito politico [Vetëvendosje] che ha un punto di vista critico su certe questioni, etichettandoci come anti-americani, jugoslavi anti-europei e così via", afferma Ymeri. "Questo ha danneggiato la democrazia perché ha lasciato l'impressione che la società dovrebbe pensare in modo omogeneo, mentre così non è nei paesi da cui provengono questi diplomatici".

Bandiere e simboli

Nei suoi primi giorni come movimento di protesta, Vetëvendosje era anche critico nei confronti del danno arrecato alla sovranità del Kosovo e ha criticato il processo di dichiarazione di indipendenza del 2008, con obiezioni particolarmente esplicite su questioni legate ai simboli, alla bandiera e all'inno del paese.

Ymeri, allora apertamente critico di questi processi, continua a credere che i simboli non riflettano la volontà della gente. "Certamente li riconosciamo come simboli del Kosovo e fino al momento in cui cambieranno questi saranno i simboli del Kosovo, ma questo non significa che siamo d'accordo", dice Ymeri.

L'attenzione ai temi dei simboli e dell'identità nazionale è stata spesso usata come critica ai partiti di sinistra in Kosovo, in particolare Vetëvendosje, spesso descritto più come partito nazionalista che di sinistra.

Secondo Konjufca di Vetëvendosje, la maggior parte dei teorici di sinistra non esclude il nazionalismo dalla loro visione. "All'interno del marxismo e del leninismo, la soluzione delle questioni nazionali è molto importante", afferma, offrendo esempi di tale convivenza tra la sinistra e il nazionalismo in Europa. "Vedo Vetëvendosje come Sinn Fein [Irish Republican Party]. Anche loro sono molto di sinistra e sono nazionalisti che vogliono unire l'Irlanda e non c'è niente di sbagliato".

Anche Ymeri del Partito socialdemocratico ritiene che le discussioni sull'identità nazionale non escludano i discorsi sulla sinistra. Tuttavia, l'uscita di Ymeri da Vetëvendosje sembra aver provocato un cambio di retorica. "Penso che quello che dovrebbe accadere oggi, specialmente nella Repubblica del Kosovo, è che la politica dovrebbe andare oltre le identità etniche, perché danneggia l'immagine di una repubblica uguale per tutti i cittadini", dice a K2.0.

Sead Zimeri è docente di Filosofia all'Università di Trømso in Norvegia. Nonostante sia un critico del nazionalismo di Vetëvendosje, crede che il dibattito sull'argomento sia esagerato e non riconosca il contesto in cui opera la società kosovara.

"È assurdo cercare un movimento o un partito che non rifletta [il nazionalismo o le questioni di identità], perché il nazionalismo, in un certo senso, è stato l'unica cosa in cui gli albanesi del Kosovo potevano identificarsi, e certamente Vetëvendosje non poteva sfuggire a questo", dice Zimeri.

Mustafa sostiene che il nazionalismo esiste in tutto lo spettro politico in Kosovo ed è sempre stato usato per ottenere sostegno. "Il nazionalismo storicamente è servito per ottenere voti e conquistare il potere, dal PDK all'inizio all'LDK", dice.

La nascita di NISMA

Nel 2013, una spaccatura all'interno del PDK ha portato alla creazione dell'Iniziativa per il Kosovo (NISMA), ora Iniziativa socialdemocratica. Mentre Vetëvendosje è stato spesso accusato di nazionalismo, l'Iniziativa socialdemocratica si trova spesso di fronte ad altre accuse.

I leader del partito, Fatmir Limaj e Jakup Krasniqi, erano entrambe figure chiave nel PDK prima della scissione, e la loro storia e storia di governo, sia nel PDK che dopo la formazione del nuovo partito, ha spesso spinto i critici a mettere in dubbio la loro fede nei valori di sinistra che sposano sulla carta.

"In sostanza, nello stile di governance, NISMA è simile ad altri", dice Artan Mustafa a K2.0. "Il suo modello clientelistico è ancora più intenso, dato che la sua leadership era a capo delle istituzioni negli anni del dopoguerra, nel periodo della formazione delle politiche neoliberiste in Kosovo".

Frank Hantke è il direttore di Friedrich-Ebert-Stiftung (FES), una fondazione che promuove valori socialdemocratici. Per Hantke, i principi socialdemocratici sposati dall'Iniziativa socialdemocratica sono solo teorici e il pragmatismo è il valore centrale delle sue azioni politiche. "NISMA sta guardando dove tira il vento e dove trovare il proprio pezzo di torta", dice.

K2.0 ha contattato i deputati dell'Iniziativa socialdemocratica Bilal Sherifi e Haxhi Shala per discutere di questi problemi, ma non ha ricevuto risposta.

Desiderio di potere

Mentre nel 2017 l'Iniziativa socialdemocratica è entrata in coalizione con i partiti di centro-destra AAK e PDK, assicurandosi un posto nell'attuale governo, la condivisione del potere e la garanzia di un ruolo nel governo centrale ha sempre eluso il più grande partito di sinistra del Kosovo, Vetëvendosje.

Sebbene Vetëvendosje sia diventato il partito più grande dopo le elezioni di giugno 2017, non è riuscito a creare una coalizione post-elettorale che avrebbe portato alla formazione di un governo guidato dal fondatore del partito, Albin Kurti. Sono stati compiuti sforzi, in particolare con l'LDK, ma alla fine non è stata creata alcuna coalizione e un ruolo nel governo centrale è sfuggito al partito per la terza elezione consecutiva.

Per Konjufca, Vetëvendosje non dovrebbe avere paura di prendere il potere o semplicemente credere nella "sinistra utopica". "Come dice [Slavoj] Žižek, non dovremmo avere paura del potere. Critica una sinistra utopista che vuole preservare la sua verginità pratica in nome di una teoria", dice Konjufca prima di aggiungere: "Penso che dovremmo essere al potere. Capisci meglio l'ideologia quando sei al potere".

Per Hantke, senza andare al potere, il discorso di Vetëvendosje non è sufficiente per portare il cambiamento. "Ho detto loro che puoi rimanere all'opposizione ed essere pulito al 100%, ma puoi cambiare le cose solo quando sei al potere, specialmente in posti come il Kosovo, dove l'opposizione non ha alcun potere reale", dice.

Sebbene Hantke affermi che Vetëvendosje è l'unico partito di sinistra che ritiene potenzialmente in grado di governare il Kosovo, vede fra i principali problemi il fatto che ancora non operi come partito, ma come movimento.

"A volte si comportano ancora come un movimento e questo rende difficile per noi europei occidentali vederli come un partito, dato che l'Europa occidentale non accetta vengano lanciati lacrimogeni in parlamento", dice Hantke, riferendosi alle proteste dei deputati di Vetëvendosje contro l'accordo sulla demarcazione del confine con il Montenegro.

Zimeri crede che, per arrivare al potere, Vetëvendosje debba cambiare radicalmente. "Se Vetëvendosje vuole governare, non credo ci siano alternative ad ammorbidire il discorso di sinistra e accettare le regole del capitalismo", dice.

Tuttavia, a differenza di Hantke, Zimeri ritiene che l'influenza dell'organizzazione sarebbe più visibile se non fosse trasformata in un partito politico registrato. Al contrario, ritiene che Vetëvendosje debba tornare alle proprie radici come movimento e rimanere una "scuola politica". "L'immagine è danneggiata quando si diventa un partito, anche quando gli interessi del partito corrispondono a quelli della società", dice.

Rappresentare chi?

La questione della rappresentanza della società, e in particolare dei suoi elementi economicamente più svantaggiati, è fondamentale per i partiti di sinistra del Kosovo. Il sostegno dell'Iniziativa socialdemocratica è ampiamente regionalizzato in Malisheva, piuttosto che basato sulla classe, mentre la base elettorale del Partito socialdemocratico recentemente rafforzata deve ancora essere misurata nelle urne, sebbene un sondaggio condotto la scorsa settimana dall'Istituto democratico del Kosovo (KDI) l'abbia collocata al 2,4%.

La base di Vetëvendosje è distribuita in tutto il paese, ma ne fanno parte pochi del 29% circa della popolazione del Kosovo che vive in povertà. "Da alcuni studi sociologici ho visto che la stragrande maggioranza degli elettori [Vetëvendosje] è di classe media e alta", dice Konjufca a K2.0. "Questo significa che Vetëvendosje non rappresenta i poveri. È un po' strano perché ho sempre pensato che fosse sostenuto dalle masse povere".

Inoltre, Konjufca afferma che gli elettori di Vetëvendosje sono anche più urbanizzati e con livelli di istruzione più elevati. Questa teoria è supportata dalle performance alle elezioni locali, in cui il partito ha piazzato i propri sindaci nelle due più grandi città del Kosovo, Pristina e Prizren.

Anche Mustafa suggerisce la stessa analisi. "Vetëvendosje ha il supporto di una classe urbana e intellettuale, attiva in azioni politiche", dice, aggiungendo che il partito è tendenzialmente omogeneo anche a livello sociale. "Lentamente ha iniziato a sviluppare il profilo di un partito socialdemocratico, ma non ha mai raggiunto la coalizione di classi che caratterizza i partiti socialdemocratici in Occidente".

Hantke riecheggia le affermazioni di Mustafa e spera in politiche più concrete rivolte alla classe operaia. Critica anche Vetëvendosje per essersi concentrato esclusivamente sull'intellettualismo. "Deve cambiare in parte il suo atteggiamento, perché ha bisogno di voti anche da persone che non hanno letto Marx. Devono essere compresi da tutti", dice.

Ymeri del PSD è autocritico e riflette sul fatto che la sinistra dovrebbe fare di più, in particolare nel sostenere la classe lavoratrice. "Parliamo di lavoratori solo il 1° maggio o quando un lavoratore perde la vita nel settore delle costruzioni, ma per il resto non dedichiamo la nostra attenzione ai lavoratori", dice. "I partiti socialdemocratici in particolare dovrebbero parlare molto di loro".

Per Zimeri, l'intera energia e il focus della sinistra dovrebbero essere diretti a proteggere i diritti della forza lavoro. "I diritti dei lavoratori dovrebbero essere l'ideale della sinistra in Kosovo e la sinistra in Kosovo, in particolare Vetëvendosje, non ha altra soluzione se non seguire questo ideale", dice. "Proteggere i diritti dei lavoratori, non lasciare che le persone vengano sfruttate: questi sono problemi locali e non del capitalismo".

Per Mustafa, questi problemi sono stati oscurati dal nazionalismo e dalle questioni sulla statualità del Kosovo. "Il problema della disuguaglianza economica non è mai stato in cima all'agenda di Vetëvendosje", dice Mustafa. "Le questioni relative al nazionalismo sono sempre state dominanti e certamente questo è dovuto alla mancata chiusura della questione dello stato", aggiunge.

Per Hantke, nessun partito di sinistra del Kosovo è riuscito a creare un programma chiaro che porterà cambiamenti economici pratici nella società. "Nessuno parla di legami forti tra istruzione e mercato del lavoro", afferma. "Nessuno parla di legami tra mercato del lavoro, istruzione, competenze, occupazione e affari".

Sebbene autocritico, Konjufca crede ancora che le politiche di sinistra introdotte da Vetëvendosje abbiano dato i loro frutti. "Il piano dei 40 punti potrebbe aver influito sull'aumento del 100% dei voti di Vetëvendosje", afferma, riferendosi ai risultati delle elezioni parlamentari dello scorso anno. "Vetëvendosje ha introdotto misure dirette che sono di sinistra, come la creazione della Banca nazionale, poiché siamo contro le banche che stanno impoverendo i cittadini, o il fondo pubblico per i bambini, tutte politiche di sinistra".

Sebbene Vetëvendosje non abbia avuto la possibilità di attuare i 40 punti a livello nazionale, il suo programma è stato testato a livello locale nella municipalità di Pristina, dopo che il candidato del partito ha vinto le elezioni per il sindaco sia nel 2013 che nel 2017. Nel mandato 2013, il sindaco Shpend Ahmeti, ora a capo del PSD, ha attuato un progetto elaborato in Vetëvendosje, che ha posto l'accento sull'istruzione e la salute.

Mustafa ha un giudizio ambivalente sul primo mandato di Ahmeti. "I servizi sono migliorati, le tasse per i ricchi sono aumentate un po' e tutti questi sono buoni passi", spiega, ma aggiunge che non è un risultato travolgente per un partito dalla retorica così esplicitamente di sinistra.

Anche altri analisti ritengono che manchi qualcosa. Zimeri crede che la sinistra dovrebbe svolgere un ruolo più emancipatore nella società ed esprimersi maggiormente riguardo ad altre cause. "La sinistra dovrebbe lottare per i diritti dei gruppi emarginati, siano essi religiosi, etnici, sessuali o di qualsiasi altra comunità", dice Zimeri.

Nazlie Bala, un noto attivista di Vetëvendosje, vede la questione in modo diverso e insiste sul fatto che Vetëvendosje abbia svolto un ruolo emancipatore nella società kosovara, almeno sulla questione della parità di genere. "Una delle cinque parti della piattaforma di Albin Kurti [quando era candidato alla guida di Vetëvendosje] ha affrontato la questione di genere", sostiene. "Ora è parte dell'agenda di Vetëvendosje e abbiamo documenti che richiedono l'inclusione delle donne e danno loro un ruolo nel processo decisionale".

A differenza di altri partiti politici in Kosovo, Vetëvendosje non ha un forum designato per le donne. Bala ritiene che, piuttosto che una debolezza, questo mostri una visione positiva del ruolo delle donne in politica. "Non vediamo le donne come statistiche, ma come pari, perché senza uguaglianza di genere non esiste una società equa", sostiene.

Un fronte unito?

Una società più equa tende ad essere la visione della maggior parte dei governi di sinistra, anche se un governo di sinistra sembra un'eventualità molto lontana in Kosovo. Nemmeno un fronte unito dei tre partiti sembra probabile, almeno nel prossimo futuro, con Vetëvendosje e PSD che stanno ancora guarendo le ferite della scissione. Nel frattempo, la storia dell'Iniziativa socialdemocratica lascia poco spazio per credere che i tre partiti di sinistra potrebbero formare una coalizione.

Bala pensa che sarebbe salutare per la democrazia avere un fronte unito, ma insiste che perché ciò accada dovrebbero essere soddisfatte alcune condizioni preliminari. "Non è sufficiente cambiare solo il nome mentre le azioni politiche sono associate alla destra", dice.

Ymeri del PSD crede che, a lungo termine, i partiti orientati a sinistra debbano avere un piano per lavorare in modo cooperativo e che nel prossimo futuro dovrebbero concentrare i propri sforzi sulla lotta al sequestro dello stato da parte del PDK. "L'unificazione delle forze politiche contro il sequestro dello stato sarebbe nell'interesse di tutte le forze politiche, anche senza linee ideologiche comuni", afferma Ymeri.

Il suo ex collega di Vetëvendosje, Konjufca, riecheggia la posizione di Ymeri. "Dobbiamo portare il paese in una posizione in cui prevalga lo stato di diritto", afferma, descrivendo la politica kosovara contemporanea come "una fase pre-ideologica".

Questa era nascente per la politica kosovara ha creato una situazione in cui la sinistra è stata spesso caratterizzata da un focus sulle questioni specifiche del Kosovo come statualità, corruzione o identità, e mentre la sinistra sembrava crescere l'estate scorsa, le recenti scissioni hanno incrinato questa nozione.

Se ci potrà mai essere un governo di sinistra, sarà probabilmente dopo almeno un quarto di secolo di politiche di destra. Mentre la sinistra in Kosovo sembra ancora in crescita e in evoluzione, la sfida che ci attende è enorme.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by