Morales

Si è trasferito in campagna, pratica la meditazione e con un linguaggio diretto si tiene lontano dal politically correct. E' la nuova vita del Presidente sloveno, impegnato su più fronti, a partire dal Darfur. Il governo di Jansa trema, l'opinione pubblica slovena lo appoggia

01/02/2006 -  Franco Juri Capodistria

Si chiama »Movimento per la giustizia ed il progresso«, e a fondarlo - con una decisione alquanto inconsueta nella prassi istituzionale democratico parlamentare - è lo stesso presidente della Repubblica di Slovenia Janez Drnovšek. Un movimento per ora solo »digitale«, un forum basato sull'azione on-line "aperto a quanti vogliano contribuire con le proprie idee e proposte a migliorare la vita in Slovenia e nel mondo". Tanto più necessario, secondo il presidente, in quanto "la gente comune non crede più nei partiti e nella partitocrazia".

Una mossa marcatamente politica secondo gli osservatori, ma fuori dalla consuetudine del sistema; un pò come l'azione del subcomandante Marcos e il suo marketing di giustizia, ma senza armi. Drnovšek non ha peli sulla lingua; "lontano dai partiti e dalle lotte di potere!" esclama dal suo privilegiato pulpito presidenziale suscitando scalpore, imbarazzi ed eloquenti silenzi tra la leadership politica, sia a destra che a sinistra.

Una mossa che a Lubiana riempie le prime pagine dei giornali e che occupa le menti di psicologi e analisti politici, ma che è solo l'ultimo dei colpi di scena con cui un Drnovšek - diventato l' esatto contrario dell'uomo di potere pragmatico e calcolatore, fedelissimo di Davos, che fu per tanti anni - da alcuni mesi sta sorprendendo i politici, i media e l'opinione pubblica.

Che il presidente fosse profondamente cambiato da un anno a questa parte lo si era capito dal suo rinnovato stile di vita. Casa in campagna, cucina macrobiotica vegetariana e autosufficienza, contatto con la natura, meditazione (è affascinato dal Dalai Lama e dalle filosofie orientali) e un deciso interessamenmto per le questioni umanitarie, la filantropia, la solidarietà, il bene sociale ...

E soprattutto fine delle ipocrisie diplomatiche, bando ai convenevoli e alle moine della politica: dire sempre ciò che si pensa è giusto. E' questa la ricetta per sopravvivere anche alla malattia che - secondo le diagnosi mediche - lo sta incalzando sin dall'asportazione del rene intaccato da un cancro circa 5 anni fa. Drnovšek ne parla con incredibile disinvoltura e spirito d'animo. Ha abbandonato le cure mediche tradizionali un anno fa. Lo davano ormai in metastasi. Ebbene Drnovšek si è convinto che da soli, con l'umanismo attivo e una vita alternativa, ci si cura meglio e non ci si pensa.

Scettica e un pò offesa la classe medica, solidale l'opinione pubblica. E Drnovšek sorprende tutti, giorno dopo giorno. L' aveva fatto con la sue uscite a favore dell'indipendenza graduale del Kosovo irritando la Serbia, il governo e la diplomazia. Aveva contestato l'atteggiamento di ricatto di Rupel nei confronti della Croazia, appoggiando - come il suo collega croato Stipe Mesić - un arbitrato internazionale sul confine di mare. E commenta, irriverente, anche la prospettiva finanziaria europea: i fondi per l'agricoltura vanno ridotti perché ne usufruiscono soprattutto i latifondisti come la regina d'Inghilterra. Poi - a sorpresa - si schiera con i sindacati, offrendo loro il proprio pulpito solo due giorni prima della grande manifestazione contro le riforme neoliberali auspicate dal governo Janša. E poi il Darfur, la nuova grande sfida di Drnovšek. Bisogna fermare la catastrofe umanitaria e la nuova guerra che sta minacciando la martoriata regione, quella tra il Ciad ed il Sudan. Se la comunità vuole, può farlo, sostiene convinto e senza mezzi termini il presidente. Ma non si ferma qui; unico tra gli statisti internazionali punta il dito sulle cause vere del genocidio; gli interessi petroliferi della Cina, l' accondiscendenza degli USA, attenti a dialogare con il governo di Kartum nel tentativo di isolare Al-Qaeda, l'inefficacia e l'apatia dell' Europa e dell'ONU.

Drnovšek invita a palazzo le organizzazioni umanitarie slovene e invoca un'azione concreta, una tendopoli e aiuti alimentari per diecimila profughi. Poi manda decine di lettere a politici, scrittori, attori, scienziati e annuncia una sua visita nel Darfur, in febbraio, senza consultare nessuno, tantomeno la propria diplomazia che si esprime contrariata e sconsiglia al presidente il rischioso viaggio africano, che - secondo il ministro Rupel - "costerebbe troppo". L'irritazione del governo monta insieme alla propria impotenza di fronte ad un appoggio deciso dell'opinione pubblica e anche di una parte dei media alle performace umanitarie del presidente.

In risposta Drnovšek vola a Parigi, poi a New York da Kofi Anan, ne parla con Clinton, interviene sul tema dalla CNN e per la disperazione del governo Janša, ormai ammutolito, appare - unico presidente europeo - in prima fila, quale ospite d'onore a fianco del socialista Aymara Evo Morales, mentre questi nella cerimonia di investitura, in qualità di nuovo presidente della Bolivia, giura a Tiwanaku fedeltà alle idee di Tupac Katari ed Ernesto Che Guevara. Drnovšek non si scompone, torna in patria, vola in Kosovo dove partecipa ai funerali dell'amico Ibrahim Rugova e poi continua a sorprendere.

Nel frattempo hanno risposto con promesse incoraggianti ai suoi appelli l'educato Annan, lo State Department e Hillary Clinton. A questo punto, con identico impegno, gli scrive anche Javier Solana che, per giunta, promette un vertice europeo sul tema Darfur al più presto. Drnovšek però non si accontenta e continua a proporre passi concreti e immediati. Fermiamo la guerra tra N'Djamena e Kartum! La Francia che ha nel Ciad delle unità militari, le metta subito a disposizione dell'ONU e della debole forza multinazionale africana ai confini con il Sudan, chiede Drnovšek a Chirac. Altrettanto faccia Gheddafi con i 3000 soldati già promessi. Sabato scorso inoltre è partito per il Darfur il noto africanista, scrittore e operatore umanitario sloveno Tomo Križnar, impegnato da anni per la causa del popolo Nuba e ora primo consigliere di Drnovšek per i temi africani. Križnar, rischiando grosso, ha la delega e la fiducia assoluta del presidente. Lo rappresenta in tutto e per tutto nei contatti che dovrà tessere nel Darfur anche con i leader dei movimenti armati in lotta contro Kartum. Bisogna dialogare con tutti, sostiene Drnovšek: con il governo ed i "signori della guerra" con la Cina e le altre superpotenze. Sul perché di un simile impegno proprio dalla Slovenia, il presidente non ha dubbi: un piccolo paese che non ha interessi geostrategici può fare di più e con più credibilità di qualsiasi superpotenza. Un approccio scandinavo insomma.

Intanto in Slovenia non pochi stanno aspettando, con il fiato sospeso, la prossima mossa di Janez Drnovšek.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.