Locandina del film festival italiano a Belgrado

Locandina del film festival italiano a Belgrado

Dal 23 al 27 novembre si svolge il X film festival del cinema italiano a Belgrado. L'importanza del cinema come fattore di cooperazione e collaborazione culturale tra Italia e Serbia nelle parole di Sira Miori, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura in Belgrado. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

25/11/2011 -  Sira Miori*

Il cinema è uno dei maggiori fattori di diffusione della cultura. Le fonti di ispirazione e le tecniche d’espressione possono essere molteplici e diverse, ma il suo linguaggio comunicativo è diretto e universale.

Il X Festival del Cinema Italiano Contemporaneo di Belgrado è nato nell’intento di costruire una vetrina della cinematografia italiana contemporanea e delle sue più recenti sperimentazioni ed espressioni, per creare occasioni di incontro tra registi e attori italiani e serbi, e di dialogo con il pubblico serbo, sempre aperto alla conoscenza della vicina realtà italiana.

La sua X edizione avviene ad appena poche settimane dalla proposta della Commissione Europea al Consiglio e al Parlamento dell'Unione, di attribuire alla Serbia lo status di Paese candidato all’adesione all’Unione Europea, che suggella un impegno di lavoro comune per assicurare un futuro di pace, stabilità e sviluppo all’intera regione dei Balcani occidentali. E' un ulteriore tassello che mira a facilitare e promuovere il dialogo tra i popoli e le culture, al fine di rafforzare la fiducia reciproca e i valori democratici condivisi, sui quali si fonda il progetto dell’Europa unita.

Le relazioni di buon vicinato, gli scambi e le collaborazioni sono i pilastri della politica di allargamento dell’Unione, che si propone di sostenere le iniziative dirette a favorire la cooperazione regionale e il dialogo interculturale, anche attraverso l’ammissione delle istituzioni dei Paesi candidati ai suoi Programmi culturali, compresi quelli per la produzione cinematografica, audiovisiva e digitale. La partecipazione si concretizza attraverso l’elaborazione e la realizzazione di progetti comuni, con l’obiettivo di sviluppare scambi, condivisione di esperienze e di lavoro tra artisti e professionisti della cultura, per incoraggiare la creatività e fare in modo che la cultura e il patrimonio culturale comune possano essere accessibili ad ogni cittadino, nel rispetto del diritto alla diversità di lingua e di cultura.

La politica culturale dell’Unione si propone altresì di mettere in evidenza gli aspetti comuni e le specificità della cultura di ogni popolo, rafforzando il sentimento di appartenenza a una stessa comunità e rispettando le differenze culturali, nazionali e regionali, al fine di contribuire alla loro salvaguardia, valorizzazione e promozione.

Auspico che il prossimo decennio del Festival del cinema italiano contemporaneo di Belgrado possa svilupparsi in questa prospettiva di scambio, di condivisione e di collaborazione, per alimentare ed arricchire quel patrimonio culturale comune dei popoli d’Europa che costituisce la nostra più peculiare specificità e ricchezza.

* Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura in Belgrado e Coordinatore d’area (Balcani)


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.