Bambini abbandonati per le vie di Bucarest - Paolo Siccardi

Nel 2001 la Romania aveva sospeso le adozioni internazionali. Poi dal 2005 una nuova legge - fortemente contestata dagli USA ma anche da ONG, tra le quali alcune italiane - vieta le adozioni internazionali. In queste settimane i bambini abbandonati della Romania sono ritornati al centro delle cronache

19/05/2006 -  Mihaela Iordache

Per l'ennesima volta i bambini abbandonati della Romania tornano ad essere al centro delle polemiche interne ed internazionali. Le ultime riguardano le affermazioni scioccanti che arrivano da Theodora Bertzi, rappresentante dell'Ufficio romeno per le adozioni: "Ci sono voci secondo le quali bambini abbandonati nelle cliniche di maternità o nei reparti di pediatria verrebbero acquistati per cifre tra i 4.000 e i 10.000 euro. Un altro scandalo è partito invece dalla pubblicazione sui giornali americani New York Times e Washington Post di un rapporto elaborato dall'Organizzazione non governativa Mental Disability Rights International che ha svelato le condizioni disumane in cui vivono centinaia di bambini disabili rinchiusi negli ospedali psichiatrici romeni.

Negli ultimi tempi si parla sempre di più del fenomeno che riguarda la vendita di neonati abbandonati dalle madri. Soprattutto nel caso in cui siano privi di documenti d'identità i neonati spariscono dai reparti maternità senza lasciare tracce.

Ciò accade spesso anche grazie alla complicità delle madri stesse che si accordano con gli aspiranti compratori-genitori adottivi. Altre volte invece sono degli assistenti sociali a segnalare ai potenziali "compratori" un bambino abbandonato e quindi "disponibile".

Il fenomeno colpisce in modo particolare i reparti maternità delle grandi città come Bucarest, Oradea, Iasi, Cluj o Costanza. La stampa romena segnala situazioni in cui i protagonisti - giovani coppie che vogliono mantenere l'anonimato - raccontano episodi che sembrano affari da mercato nero.

Per esempio, una assistente sociale avrebbe proposto una procedura "rapida" di adozione che partiva dalla tariffa di 4000 euro per un bambino da genitori rom fino ad arrivare a 10.000 euro per un bambino nato da genitori romeni.

Esasperate dalla burocrazia soffocante che regolamenta l'ambito delle adozioni sempre più coppie preferirebbero la strada più breve anche se illegale del comperare un bambino direttamente in ospedale. "Abbiamo sentito anche noi - afferma Theodora Bertzi responsabile Ufficio nazionale per le adozioni - che ci sono casi in cui gli assistenti sociali che dovrebbero vigilare affinché la legge si applichi hanno invece ormai un'agendina con questi neonati e con le persone che vogliono adottarli contro una somma in valuta".

Del fenomeno sarebbero responsabili soprattutto i direttori dei reparti maternità che "o non conoscono la legge o non vogliono applicarla". Ora si è arrivati alla situazione in cui gli ospedali tengono "sotto chiave" i piccoli abbandonati.

Un caso molto mediatizzato è stato quello dell'ospedale Caritas di Bucarest dove ogni anno si registrano 50 abbandoni. Oggi nel reparto dei neonati sono presenti 20 bambini senza identità e abbandonati, chiusi a chiave per paura che vengano rubati. Molti di loro hanno 6 mesi, ma non avendo ancora un'identità non sono stati affidati ad assistenti, così come prevede la legge.

Sulle statistiche che riguardano i bambini abbandonati c'è guerra tra Ong, associazioni, comitati e autorità romene. Ad esempio l'UNICEF indica un numero di circa 4000 neonati abbandonati ogni anno nei reparti maternità ed altri 5000 negli ospedali pediatrici. Secondo l'UNICEF la causa principale sarebbe la mancanza di educazione visto che il 42% delle mamme che abbandonano i loro bambini non hanno frequentato la scuola e vivono sotto la soglia della povertà. In pratica le cifre presentate dall'UNICEF mostrano che il numero degli abbandoni negli ospedali pediatrici è uguale a quello registrato 30 anni fa. Le autorità romene rendono noti però dati diversi. Secondo l'Autorità nazionale per la tutela dei diritti dei bambini nel 2003 il numero totale dei bambini abbandonati, sia nelle maternità che negli ospedali pediatrici, è stato di 5130.

In Romania sono più di 2000 le famiglie che hanno fatto richiesta di adozione, ma ufficialmente solo 800 bambini aspettano di essere adottati. Il contesto è infatti complesso ed ha condotto - dopo un periodo di sospensione - all'impossibilità di effettuare adozioni internazionali.

Le autorità romene inoltre non hanno più alcuna informazione su 1500 bambini che sono stati adottati da famiglie all'estero dopo il 1997. La maggior parte sono stati adottati negli USA, Svizzera, Spagna e Italia. Nonostante le agenzie straniere che avevano fatto da intermediari nella procedura di adozione avessero l'obbligo di inviare regolarmente alle autorità romene rapporti di monitoraggio, questo non è mai avvenuto.

Theodora Bertzi, segretario di stato per l'Ufficio romeno delle adozioni, dichiara pubblicamente che la colpa sarebbe delle autorità dei paesi esteri poiché hanno autorizzato le agenzie che hanno agito da intermediari nella procedura di adozione. Nel caso dei 1500 bambini di cui le autorità romene hanno perso le tracce, l'Ufficio Romeno per le adozioni intende inviare lettere e mandare personale nei rispettivi paesi per entrare in possesso dei rapporti di monitoraggio. In alcune situazioni però anche quando i rapporti sono stati inviati a Bucarest si sono rivelati falsi, come nel caso di un bambino romeno adottato da una famiglia negli USA: "Abbiamo ricevuto i rapporti post-adozione; tutto sembrava perfetto, il bambino stava bene con la sua nuova famiglia. E poi abbiamo appreso dai giornali che il padre era stato condannato a 30 anni di carcere perché aveva abusato del bambino."

Secondo la Bertzi "è strano che questi stati chiedano la modifica della legge sulle adozioni per sbloccarle quando nel frattempo non sono stati capaci di rispettare la Convenzione dell'Aia, valida in quel periodo". Dal 2005 la legislazione romena, in ottemperanza alle raccomandazioni dell'UE vieta le adozioni internazionali, almeno che uno dei futuri genitori non abbia un rapporto di parentela con il bambino. La decisione del governo di Bucarest ha scatenato critiche soprattutto da parte degli USA. Recentemente anche 120 parlamentari europei hanno firmato una petizione per chiedere più flessibilità per le adozioni internazionali. Ma era in rispetto delle raccomandazioni Ue che dal 2001 la Romania ha istituito una moratoria che sospendeva le adozioni fino al 2005, quando è stata varata una legge che rende praticamente impossibili le adozioni internazionali. Per poter adottare un bambino (nei casi in cui le pratiche erano già state avviate) 28 famiglie straniere si sono trasferite in Romania.

L'ultimo allarme che riguarda i bambini orfani della Romania è stato lanciato da due giornali americani - il New York Times e Washington Post - che hanno ripreso un rapporto pubblicato dall'ONG "Mental Disability Rights International". In quest'ultimo si descrivono le condizioni "atroci" in alcuni orfanotrofi e ospedali psichiatrici soprattutto a Timisoara e Braila: bambini disabili, scheletrici, tenuti in condizioni misere, immobilizzati nel letto dell'ospedale.

L'organizzazione Mental Disability Rights afferma che i minori non pesavano più di 13 kg. "I bambini erano come ad Auschwitz", dichiara il rappresentante dell'organizzazione Eric Rosenthal, citato dal New York Times. Secondo il medesimo rapporto decine di minorenni sarebbero privi di documenti d'identità e sarebbero tenuti isolati negli istituti per adulti.

Durissima la replica delle autorità romene che oltre ad aprire un paio di inchieste - da parte del governo o del senato - tengono a precisare che i dati non sono di attualità, che le fotografie pubblicate sono del 2004 e che soprattutto le cose sono migliorate. Inoltre ci sarebbe anche una connotazione politica dietro allo studio pubblicato. In aiuto alle autorità romene molto sensibili quando si tratta di salvaguardare l'immagine del paese nel mondo, arriva anche la baronessa Emma Nicholson , europarlamentare ed ex relatore per la Romania, nonché forte oppositrice alle adozioni internazionali. Secondo la Nicholson, il documento dell'Ong è stato pubblicato in un momento chiave per la Romania, a meno di una settimana dal rapporto della Commissione europea (16 maggio) circa l'adesione della Romania e della Bulgaria all'Ue: "E' un tentativo di modificare la politica europea", considera l'eurodeputato. Oltre alla querelle o alle sfumature politiche resta la domanda su come vivono in realtà i bambini ospitati (o forse rinchiusi?) in istituti. Tutti, e non solo quelli per cui le autorità magari a fatica alla fine darebbero ad un giornalista il permesso di visitarli. In Romania oggi, grazie ai programmi di adozione o affidamento, ci sono circa 30.000 bambini ospiti di istituti, un numero ridotto rispetto agli inizi degli anni '90 quando erano più di 100.000.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.