Barbulesti, villaggio romeno. Dal 2006 ha portato una grossa novità: vi è stato eletto il primo sindaco rom della Romania. Un interessante reportage di TOL. Nostra traduzione

26/07/2007 -  Anonymous User

Di Daniel Ganga e Petru Zoltan, Transitions Online, 4 luglio 2007 (titolo originale: The First Romani Mayor)
Traduzione per Osservatorio sui Balcani: Serena Scarabello

L'unica strada asfaltata di Barbulesti, 50 chilometri a nord di Bucarest, taglia in due il villaggio, che è abitato da circa 6000 persone, di cui la maggioranza sono rom.

Lungo questa strada, si trova un palazzo rosa, il municipio. Vicino, ci sono delle case povere e malfatte, circondate da fatiscenti recinzioni. Accanto, un gruppo di 59 abitazioni temporanee, ciascuna delle dimensioni di una carrozza ferroviaria. Installate dal governo romeno in seguito alle inondazioni dell'autunno del 2005, le abitazioni non dispongono né di fognature né di impianto idraulico. L'acqua esce da un singolo pozzo e ogni dieci di questi container c'è una rudimentale toilette, con un pezzo di tessuto come porta.

"Quando il vento soffia un po' più forte del solito, le lamiere sui nostri tetti se ne volano via", racconta Dimitru Dragnea, il portavoce non ufficiale della comunità. "Le recuperiamo durante la notte e le rimettiamo a posto il giorno dopo.... Siamo 400 anime a bere da un solo pozzo".

Questo desolato villaggio ha segnato un po' la storia, l'anno scorso. In uno stato di 21 milioni di abitanti, tra cui si stimano circa due milioni di rom, Barbulesti ha eletto il primo sindaco rom della Romania. Ion Cutitaru ha stabilito degli obiettivi per Barbulesti che potrebbero sembrare modesti in qualsiasi altro posto - assicurare la distribuzione dei benefici statali tra i residenti, costruire una stazione di polizia e un ufficio postale - ma qui sono obiettivi molto ambiziosi..
Progetti ed ambizioni
Una delle prime azioni di Cutitaru è stata quella di richiedere per i residenti di Barbulesti i sussidi sociali a cui hanno legalmente diritto. All'inizio dell'anno, l'amministrazione comunale ha ricevuto 780 richieste per i sussidi sociali, 580 in più rispetto all'anno precedente l'elezione di Cutitaru.

"Durante il mio mandato di sindaco, voglio pienamente assicurare ai miei cittadini gli aiuti economici a cui hanno diritto. Un bambino può andare a scuola se ha un pezzo di pane da mangiare", afferma Cutitaru, che ha 55 anni, folti capelli grigi e circa 168 centimetri di altezza.

Recentemente, ha accolto i visitatori nel suo ufficio, una stanza invasa di carte e con una scrivania sulla quale ci sono tre bandiere: una della Romania, una dell'Unione Europea e quella internazionale blu e verde del popolo rom.

Evidentemente stanco dopo una lunga giornata di lavoro, Cutitaru parla calmo dei suoi ambiziosi progetti.

Vuole costruire una stazione di polizia, un ambulatorio, una clinica veterinaria, un ufficio postale e un centro culturale per i Rom. "Ora, non abbiamo nulla", dice.

Cutitaru progetta inoltre di asfaltare le strade del paese e di arginare il vicino fiume Ialomita, che ha inondato il villaggio nel 2005 e ha distrutto più di 200 case, costringendo 300 persone a rifugiarsi nella scuola del villaggio.

"A breve, il nostro villaggio tornerà normale", dice Cutitaru. "Riceveremo fondi dall'amministrazione provinciale. Esistono anche fondi europei per i rom. Da quel che so, ci saranno tra i 10 e i 12 milioni di euro per i rom".

Nove mesi dopo la sua elezione, il sindaco sta ancora aspettando che la provincia, che gestisce la maggior parte del denaro pubblico, investa i soldi nel suo villaggio. Nel frattempo, dice, la sua volontà di aiutare i cittadini ha portato ad un aumento delle tasse, sebbene non voglia dire di quanto.

"Prima si da qualcosa a qualcuno, e poi si può chiedere qualcosa in cambio", dice. "Quindi prima offriamo alla gente un sostegno economico minimo e garantito dalla legge, e loro poi pagano le tasse allo stato". Stiamo provando, con l'aiuto degli amministratori locali, a spiegare ai nostri cittadini che hanno sia diritti che doveri".

Ma un suo critico dice che tale approccio, tasse per ottenere sussidi sociali, è fuorviante.
"Non sono per nulla d'accordo con persone che fanno affidamento unicamente sui sussidi. Finché contano su 40 o 50 euro al mese, questo rimarrà un problema" afferma Leonida Mandache, presidente della sezione di Ialomita del Partito Pro-Europa. Dice che generalmente in una famiglia di sei o sette persone, che riceve 100 euro al mese di sussidio, almeno tre persone sono in grado di svolgere un lavoro, guadagnare un salario e condurre quindi una vita normale.
Lavoro lavoro lavoro
Molti sono d'accordo con l'idea che il lavoro sia la chiave per lo sviluppo, ma riuscire ad assicurare un'occupazione alla gente è tutta un'altra questione, E' difficile sapere quale sia la reale percentuale di disoccupati a Barbulesti, in quanto la maggior parte dei residenti non ha mai lavorato in regola e non ha quindi diritto all'assegno di disoccupazione ricevuto invece da chi, per esempio, ha lavorato regolarmente assunto da una ditta che ha poi fallito. Molti cittadini di Barbulesti lasciano temporaneamente il paese per cercare un' occupazione, o per mendicare, da qualche altra parte.

Nel 2005 e nel 2006, l'Agenzia Nazionale per il Lavoro, affiliata al Ministero degli Interni, ha sperimentato un progetto per favorire l'inserimento lavorativo dei Rom, finanziato dall'Unione Europea e dal governo romeno. E' stato un fallimento, secondo un responsabile dell'Agenzia, che chiede di non rivelare il proprio nome. "Le condizioni per l'assunzione erano troppo rigide" afferma "La mancanza di interesse da parte dei datori di lavoro e degli attori sociali coinvolti ( come le scuole, ospedali, ONG), combinata alla mancanza di informazioni tra i Rom ha contribuito al fallimento del progetto".

Questi spiega che i potenziali datori di lavoro imponevano delle condizioni assurde. Per esempio, una ditta che si occupa della pulizia delle strade richiedeva dieci anni di scolarizzazione. Un'altra ditta ancora, per un impiego come lavavetri esigeva da un Rom la conoscenza dell'inglese.

"L'inserimento lavorativo... tutte balle!!", afferma Mandache.

"Noi vogliamo lavorare, ma non abbiamo un'occupazione" aggiunge Dragnea, 55 anni. "Per lavorare come guardia, una ditta richiede almeno otto anni di educazione scolastica. Viviamo grazie ai sussidi per i bambini. Non abbiamo nient'altro. Tra 400 persone, solo due o tre lavorano nel villaggio. Se tutti avessimo un'istruzione, la situazione sarebbe sicuramente diversa."

Fino a due anni di età, un bambino di una famiglia sotto la soglia di povertà può ricevere dallo stato fino a 65 euro mensili. Dopo i due anni, la cifra si riduce a 12 euro al mese.

Nemmeno l'agricoltura è una buona alternativa: praticata in cooperative durante il periodo comunista, è declinata dopo che la riforma agraria ha riconsegnato le terre ai vecchi proprietari, i quali non avevano né i soldi né gli strumenti per lavorare i campi. A lungo abbandonata, la terra ora è molto difficile da coltivare.

"L'agricoltura non è più un'attività lucrativa" spiega Cutitaru "E' difficile qui a Barbulesti coltivare: non abbiamo gli strumenti e la terra non è fertile."

Il villaggio ha circa 100 ettari di terra coltivabile.

Oggi, molti dei rom di Barbulesti lavorano come commercianti ambulanti, in particolare nel settore tessile e nel vestiario. "Se andate in qualche mercato in Romania... troverete sicuramente dei rom da Barbulesti" dice Cutitaru.

La sezione di Ialomita dell'Agenzia Nazionale per il Lavoro progetta di assumere 150 rom per tre mesi durante l'estate per svolgere lavori nella comunità. Riceveranno un salario minimo dall' Agenzia, spiega Mandache.

Ma questa è solo una goccia nell'oceano. Cutitaru ha promesso di far pressione sulle ditte che faranno i lavori di modernizzazione a Barbulesti affinché assumano dei rom.
Scalare la scala sociale
Cutitaru è stato eletto nell'ottobre del 2006, tre mesi dopo che Barbulesti ha ottenuto l'autonomia da un villaggio vicino e quindi il diritto ad eleggere il loro proprio sindaco.

Tra sette candidati, egli ha ottenuto il 55% dei voti al primo turno.

Cutitaru è considerato l'intellettuale del paese, dicono i concittadini. Egli infatti ha frequentato le scuole per otto anni e ha fatto poi un apprendistato come tappezziere. Ha lavorato a lungo come mediatore culturale nelle scuole e il suo obiettivo era quello di portare a scuola tutti i bambini rom del paese.

"Avevo un compito veramente difficile!" afferma " Se i bambini mancavano per più di tre giorni consecutivi, andavo a casa loro e cercavo di convincere i genitori a rimandarli a scuola. Il giorno dopo, andavo in classe con loro. Compravo loro pasticcini e latte. Era particolarmente difficile con i bambini più piccoli, perché non conoscevano per nulla il romeno. Dovevo insegnarglielo. Ora, sono alle scuole secondarie. Voglio vedere dove arriveranno questi ragazzi."

Cutitaru è orgoglioso di avere nel suo paese 12 ragazzi diplomati alle scuole superiori, tra cui i suoi 5 figli, specialmente considerando il fatto che l'istituto più vicino si trova a 20 chilometri da Barbulesti.

"Se la gente ha un'istruzione, la loro mentalità cambia. E' una battaglia a lungo termine. I cambiamenti possono avvenire in decine di anni, non in una notte. Se una persona ha 10 o 12 anni di scolarizzazione, può trovare molto più facilmente la sua strada." afferma.

Ci sono circa 1100 bambini , la maggior parte rom, che frequentano la scuola di Barbulesti, un numero significativo rispetto alla grandezza del villaggio. Alcuni cittadini dicono che il merito è in parte degli sforzi di Cutitaru.

Ma non tutti apprezzano Cutitaru. Dragnea dice che il sindaco ha realizzato poco. "Distribuiscono i sussidi quando vogliono" dice Dragnea riferendosi al governo "Cutitaru non ha fatto nulla di speciale."

Membro del Partito pro Europa, Cutitaru è in politica da 16 anni. É stato una membro dell'amministrazione di Armasesti, il paese di cui Barbulesti faceva parte fino allo scorso anno. Era conosciuto come il sindaco non ufficiale dei rom.

"Ho condotto la mia campagna visitando tutti. Ho parlato a tutti per farmi conoscere." Dice Cutitaru "Ho riflettuto prima di fare questo. Ho calcolato i problemi che avrei incontrato. ... Se non riuscirò a fare ciò che mi sono ripromesso, non mi candiderò per un nuovo mandato. Se invece ci riuscirò, mi candiderò una seconda volta."

Non ha molto tempo. Cutitaru è stato eletto in elezioni speciali, tra due regolari votazioni. Rimarrà in carica ancora un anno e mezzo.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.