Affresco della scuola di Ronchis

Gli insegnanti moldavi portano avanti un programma pedagogico innovativo, tra fondi in esaurimento e lo scetticismo di un sistema statale educativo che stenta a riconoscere i meriti del programma e a sostenerlo. Il faticoso cammino del sistema educativo moldavo post sovietico

05/09/2007 -  Anonymous User

Di Nils Kauffman, 20 agosto 2007, TOL (tit. orig. Prioritizing Progress)
Traduzione per Osservatorio Balcani: Antonia Pezzani

L'istruzione innovativa ha raggiunto anche il più remoto villaggio dell'ex repubblica sovietica della Moldavia.

In un'aula di quarta elementare, nella regione meridionale di Causeni, 23 studenti lavorano in piccoli gruppi con i loro banchi riuniti. Alle pareti sono appesi i loro disegni e si danno il turno a gestire la classe, tra la risoluzione di problemi di matematica e la lettura di un poema. Gli studenti possono perfino scambiarsi le proprie "notizie" in un esercizio di show-and-tell che incoraggia l'interazione e lo sviluppo individuale.

"Domenica scorsa c'è stato il compleanno di mia sorella," annuncia uno studente.

"Andiamo a Chisinau!" dice un altro, descrivendo il prossimo viaggio verso la capitale.

"Mia madre parte", spiega con un sussurro un terzo. Secondo il direttore scolastico di Chisinau, almeno il 25 percento degli studenti vive senza genitori per via dell'emigrazione annuale di migliaia di moldavi in cerca di lavoro all'estero.

Un'istruzione di questo tipo, gestita dagli studenti e personalizzata, è una svolta decisiva rispetto alla rigida struttura comunista che per decenni ha rappresentato la norma in Moldavia. È principalmente il frutto di un programma di riforma chiamato Pas cu Pas (PCP), o "step by step". Il programma incoraggia l'apprendimento a gruppi, l'interazione insegnante-studente e le attività di consolidamento caratteriale.

Benché ancora solo alternativa a un'istruzione centralizzata e standardizzata, il PCP dovrebbe diventare la prassi, permettendo alle scuole del paese di sollecitare la curiosità degli studenti in esercitazioni di classe flessibili.

Perché ciò accada, il governo moldavo dovrebbe fare ancora più suo il PCP e aiutare il programma a superare gli ostacoli scoraggianti che si trova ad affrontare. Urgono cambiamenti negli stipendi e nella formazione degli insegnanti, come nella disponibilità dei finanziamenti statali alle scuole.

Senza questi sviluppi, l'istruzione moldava continuerà il suo irto cammino in salita.

La didattica cambia

Organizzato da un gruppo di educatori internazionali e finanziato dall'Open Society Institute nel 1994, il PCP fu creato in alternativa alle diffuse prassi educative sovietiche. Prese il via come programma pre-scolastico, ma fu esteso alle scuole elementari dopo che i genitori fecero lobbing per il suo incremento negli anni 90. Partito da sole 12 classi, nel 2000 il PCP si è esteso a 394 classi, interessando 9.850 studenti.

Poco dopo, il PCP ha ricevuto un finanziamento dal Fondo sociale moldavo per gli investimenti, che elargisce fondi per lo sviluppo comunitario con il sostegno della Banca mondiale, per finanziarne l'ulteriore espansione. Come molte altre organizzazioni non-profit, il PCP dipende da finanziamenti indiretti di organizzazioni filantropiche.

I cambiamenti generati dal PCP sono straordinari in questo paese rurale, forse il più povero d'Europa. Stando alla Banca mondiale, circa il 21 percento della popolazione vive in povertà, sopravvivendo con 1.5 euro scarsi al giorno. Tuttavia gli studenti del PCP godono di un'esperienza - in aula e con le lezioni - simile a quella di paesi più benestanti e sviluppati.

Gli insegnanti di centinaia di scuole moldave sono stati formati dai seminari di uno dei cinque centri PCP che attraversano il Paese. I seminari aiutano gli insegnanti a farsi una prospettiva generale del funzionamento di una classe che metta i bambini al centro, ma il PCP non stabilisce direttive rigide per i curricula. Gli insegnanti non sono tenuti a dare voti agli studenti; si servono piuttosto di "osservazioni anedottiche".

Una lezione di 45 minuti al giorno è inoltre a discrezione completa degli insegnanti.

"Parliamo di ortografia o grammatica o di molte altre cose," ha spiegato l'insegnante della quarta, che ha preferito rimanere anonima. "Molte materie sono integrate. Si possono risolvere diversi problemi, non solo di matematica, ma anche morali e spirituali."

Un giorno, uno studente ha portato a scuola un proiettile carico, e facendo affidamento sulla flessibilità del PCP, l'insegnante ha parlato di sicurezza e armi. È un argomento che conosce bene; quando andava a scuola lei, nel periodo sovietico, l'educazione militare era obbligatoria, ed era tra le migliori tiratrici della sua classe.

Ovviamente, sono cambiate molte cose da quando i burocrati da Mosca dettavano le direttive agli insegnanti moldavi e gli studenti sedevano in silenzio in classe ad imparare a memoria lezioni obbligatorie.

Carenza di insegnanti e strutture fatiscenti

Ma nonostante il PCP e i nuovi strumenti che mette a disposizione degli educatori, non è tutto rose e fiori per gli insegnanti moldavi. Migliaia di insegnanti hanno abbandonato la professione in cerca di paghe più alte in altri settori o paesi. Quelli che restano spesso si appoggiano a un secondo lavoro per fare quadrare i conti. Come ha fatto notare un rapporto del 2005 della Banca mondiale, "Il canone basso dei salari degli insegnanti ha un effetto negativo sulla qualità dei risultati dell'insegnamento, a tutti i livelli, spogliando di attrattive la professione per giovani insegnanti capaci."

Su un campione nazionale di 21 scuole, ciascun direttore ha fatto notare il problema di trovare insegnanti che siano stati formati dopo il collasso del comunismo.

Stando a un rapporto del 2005 dell'Istituto di scienze dell'educazione (Institute of Educational Sciences) di Chisinau, quasi il 75 percento degli insegnanti ha ricevuto la sua formazione pedagogica prima dell'indipendenza moldava del 1991. Attualmente, circa la metà dei laureati delle università pedagogiche, e che ricevono una formazione specialistica nell'insegnamento, non entrano nemmeno nel campo dell'insegnamento.

Gli insegnanti affrontano anche il problema di scuole sotto finanziate. Secondo il rapporto del 2003 dell'Istituto per la politica pubblica (Institute for Public Policy) di Chisinau, il budget governativo copre solo il 40 percento della spesa scolastica. La somma copre a mala pena il salario degli insegnanti e i servizi. Quattro anni dopo la pubblicazione del rapporto, poco è cambiato; le scuole rurali sono fredde e spesso buie, le forniture sono limitate, e la manutenzione è incompleta o sono i genitori che devono occuparsene. Di conseguenza, l'implementazione del PCP può presentare delle difficoltà, specialmente nelle regioni povere.

Per il PCP sorgono altri problemi finanziari. La Fondazione Soros sta riducendo i finanziamenti per i programmi in Moldavia. Il Fondo per gli investimenti sociali moldavo sostiene una varietà di progetti sparsi nel paese, il che significa che non ha le risorse necessarie per addossarsi il finanziamento completo del PCP. Ne consegue che sono gli insegnanti, o le loro scuole, che devono pagare i seminari formativi e i costi delle trasferte per raggiungerli. "Paghiamo noi, con i nostri soldi. E' una cosa incredibile," ha detto un insegnante della regione di Causeni.

"Ma non me ne pento perché credo sia stato utile," ha aggiunto.

La diffusione del PCP ha certo gravato sugli insegnanti appassionati che fanno dei sacrifici nell'intento di migliorare l'educazione dei loro studenti. Ma nonostante l'impegno di insegnanti determinati nella promozione del programma, ai vertici c'è chi lo critica. Alcuni dirigenti superiori al ministero dell'Istruzione preferiscono un programma statale tradizionale e temono che il PCP non sia un modello nazionale adeguato. Considerano il PCP una cesura troppo netta con il passato.

"Se non altro il programma nazionale è più comprensibile per l'intera nazione e per i genitori. Con il PCP i bambini non prendono neanche i voti", ha detto un assistente del ministro dell'Istruzione.

Nonostante le critiche dall'alto, il PCP è stato in grado di fornire una motivazione a molti insegnanti in una professione altrimenti sottostimata. Il governo farebbe bene a riconoscere i duplici benefici del PCP, su insegnanti e studenti, e ad applicare la pedagogia di questo programma in quello standard nazionale.

I dirigenti dovrebbero dare la priorità all' incremento dei salari degli insegnanti, così che si possano concentrare senza impedimenti sullo sviluppo della classe. Il ministero dell'Istruzione dovrebbe inoltre consolidare le scuole per risparmiare le risorse finanziarie e ridistribuirle per migliorare le infrastrutture delle aule nelle regioni rurali.

Fintanto che gli insegnanti lavoreranno per una misera paga in aule dilapidate, ostacolati dal governo, un successo duraturo e la riforma restano in forse. Il futuro comunque, con una spinta statale al PCP e all'istruzione in generale, potrebbe essere segnato da sviluppi ancora più innovativi.

Nils Kauffman è candidato a un dottorato in politiche educative e sviluppo internazionale dell'istruzione alla Michigan State University. Ha una borsa di studio della Fulbright-Hays in Moldavia.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.