Una scena del film "Jas sum od Titov Veles"

Teona Strugar Mitevska è una delle poche registe del cinema macedone. L'abbiamo incontrata al Festival di Berlino dove presentava il suo film ''Jas sum od Titov Veles''

26/03/2008 -  Nicola Falcinella

Trentaquattro anni, di Skopije, Teona Strugar Mitevska è una delle poche registe del piccolo cinema macedone. Con il fratello Vuk e la sorella Labina ha fondato la società Mitevski Sisters and Brother con la quale produce i suoi lavori. Dopo aver studiato grafica e aver lavorato nella pubblicità (già a sei anni era apparsa in spot e aveva partecipato a telefilm e spettacoli teatrali) ha girato alcuni corti e il lungo "Kako Ubiv Svetec - How I Killed a Saint" (2003) premiato in più festival. Nel 2007 ha realizzato "Jas sum od Titov Veles - Sono di Titov Veles" presentato al Festival di Sarajevo e poi a Berlino, nella sezione Panorama.

Di entrambe le pellicole è protagonista la sorella Labina, già in "Prima della pioggia" di Manchevski, in "Benvenuti a Sarajevo" e "I Want You" di Winterbottom, in "Kontakt" di Stanojkovski, in "Investigation" della Triffonova e in "Nema problema" di Giancarlo Bocchi. "Jas sum od Titov Veles" è la vicenda di tre sorelle narrata dalla più giovane di loro, rimasta muta alla morte dei genitori.

Mi sono ispirata - ha raccontato la regista a Berlino - a una storia che avevo letto su un giornale locale nell'estate 2003: due sorelle erano state trovate carbonizzate per l'incendio della loro casa. Una era stata trovata stesa vicino alla porta con il cranio fracassato e l'altra le stava accanto stretta in un abbraccio. Da ricerche successive avevo scoperto che entrambe erano dipendenti da eroina.

Come mai il film è ambientato a Veles. È la sua città?

Io sono di Skopije. Ho scelto Veles per il suo background industriale. Nell'epoca della Jugoslavia in ciascuna repubblica c'era una città con Tito nel nome. E questo portava dei vantaggi, per esempio nella creazione di impianti industriali o nello sviluppo economico. In Macedonia era Veles. Oggi le industrie non lavorano più tranne due o tre. La città è economicamente devastata. In più c'è il problema inquinamento legato alle scorie e alle aree dimesse.

Ci sono anche elementi autobiografici nel film?

Qualcosa di autobiografico, di mio, c'è. Non ho due sorelle, ma un fratello e una sorella, ma comunque abbiamo legami forti. E c'è il punto che non si può fuggire da quel che sei. "Jas sum od Titov Veles" ha molto a che fare con le emozioni e questo costringe a mettersi in gioco, a rimanerne coinvolti.

Il film è una coproduzione internazionale. Qual è la situazione della cinematografia macedone?

In Macedonia facciamo in media un film e mezzo l'anno, siamo una cinematografia piccola ma esistiamo! Ho anche avuto un fantastico cast macedone. Mentre il film è europeo per la troupe, anche se non siamo ancora dentro la UE. Abbiamo avuto sostegni da Belgio, Francia, Slovenia e Olanda. L'arte è sempre più avanti della politica...

La storia sembra avere dei riferimenti a Checov.

Non abbiamo mai parlato esplicitamente di riferimenti a Checov facendo il film. Però ci sono le tre sorelle e il desiderio di partire che rimandano a lui. Del resto la letteratura russa è una parte di noi, è molto presente nella nostra educazione. Oltre a Checov amo Tennessee Williams, Ingmar Bergman, Michelangelo Antonioni... Le tre sorelle sono chiuse nel passato, così come d'altro canto è chiusa nel passato la città. Tutti vogliono lasciare la famiglia o il paese, oppure l'hanno già fatto come è il caso della madre che se n'è andata. Di contro c'è un forte desiderio di famiglia, di continuare a farne parte o di formarne una nuova. Nessuno vuole stare da solo. Gli uomini sono animali che anche durante le guerre si riproducono. È una necessità per far continuare a vivere la specie. Anche a Sarajevo durante l'assedio sono stati concepiti tanti bambini!.

C'è anche una scena di sesso molto forte. Che significato ha nel film?

Sì, la scena di sesso è forte, ma è vera. L'ho inserita per scelta drammaturgica. Ma rende l'idea di certe prevaricazioni sulle donne che sono presenti nella nostra tradizione. Oggi però le donne, anche con i film, stanno facendo molte domande e pongono molte questioni sul rapporto tra i sessi nella società. Stiamo spingendo oltre i limiti esistenti. È il ruolo dell'arte. Anche con questo film abbiamo cercato di farlo.

Lei è ottimista o pessimista sul futuro?

Il personaggio di Afrodita, la più giovane, vuole vivere nonostante l'inquinamento della città e gli altri problemi. E così io voglio essere ottimista, avere speranze nel futuro.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.