Bitola, Macedonia

Bitola, Macedonia (Antti T. Nissinen/flickr)

I greci della regione di Florina attraversavano spesso il confine per andare a far compere nella vicina città macedone di Bitola: vestiti, carne ma soprattutto frutta e verdura. Ora non lo fanno più, perché gli acquisti rischiano di finire nell'immondizia

30/07/2013 -  Žaneta Zdravkovska

(Pubblicato originariamente sul quotidiano macedone Dnevnik il 21 giugno 2013 e poi selezionato da Le Courrier des Balkans e Osservatorio Balcani e Caucaso)

“Non possiamo più acquistare oltreconfine che vestiti per un valore non superiore ai 250 euro e prodotti elettronici per non più di 850 euro. In passato acquistavamo a Bitola i peperoni per le scorte invernali, la carne per le feste, il pane per Ognissanti”. La questione è che la famiglia di un funzionario locale è proprietaria di banchi al mercato di Florina e si è lamentata di affari in diminuzione”, spiega Niko P., un abitante di Florina.

Nel caso di acquisto da parte di cittadini greci di prodotti a Bitola, in Macedonia, questi vengono sequestrati al posto di confine Medžitlija-Niki e gettati nell'immondizia. E' capitato a molti di quei cittadini di Florina che avevano l'abitudine di fare i propri acquisti a Bitola, per sfruttare i prezzi inferiori. Sono loro a testimoniare che da la municipalità ha fatto pressione per controlli più rigidi alla frontiera greca. Ora le macchine di chi l'attraversa vengono controllate e viene impedito di trasportare quantità ingenti di cibo: il massimo tollerato è un mezzo chilo di frutta o verdura.

I greci disertano Bitola

I nostri interlocutori aggiungono che questi controlli più rigorosi sarebbero stati chiesti dall'associazione degli agricoltori greci. E' inoltre da un po' di tempo che i commercianti delle città greche poste vicino al confine con la Macedonia si lamentano di perdite ingenti perché i loro clienti se ne vanno oltre confine, per fare acquisti a Bitola.

“Se passate la frontiera con troppi sacchetti vi vengono sequestrati e il loro contenuto gettato nell'immondizia. E non lo fanno direttamente i doganieri, ma tre donne che vi informano del fatto che non potete avere con voi più di mezzo chilo tra cetrioli, pomodori, cipolle o patate: è quello che corrisponde più o meno al pasto di una famiglia. Noi abbiamo un ristorante in Grecia e recentemente mio figlio aveva acquistato 10 kg di patate, 24 chili di cipolle e due chili di pomodori nel paese di Kravari. Alla frontiera gli è stato detto che avrebbero buttato tutto nell'immondizia e non è servito a niente che lui replicasse che ormai il bidone dell'immondizia era tutto pieno...”, racconta Ilios K., che abita in un paese vicino a Florina.

I nostri interlocutori, temendo problemi ulteriori alla frontiera, non hanno voluto venisse rivelata la loro identità. Ma dei turisti greci, che abbiamo incontrato in città, hanno confermato i loro racconti: in passato si passava la frontiera carichi di sacchetti della spesa, ora a mani vuote, o al massimo con qualche capo di vestiario, che non subisce ancora restrizioni in frontiera.

Le vie pedonali vuote

Il divieto di importare beni alimentari macedoni in Grecia ha mandato nel panico i commercianti di Bitola. In passato i greci acquistavano qui di tutto, dalla carta igienica alla carne. Ora, anche i giorni di mercato, i clienti greci si contano sulle dita di una mano. “Con la crisi che ha coinvolto la Grecia sono sempre meno quelli che vengono ad acquistare i nostri prodotti. E poi la ciliegina sulla torta.. I legumi che comprano a Bitola vengono sequestrati e buttati... stiamo perdendo tutti i nostri clienti”, racconta Mitko Najdovski, che gestisce una bancarella al mercato di Bitola.

Anche i ristoratori in centro città, dove i greci andavano a mangiare dopo lo shopping, si lamentano. Il loro fatturato si è più che dimezzato. “Ogni sabato arrivavano pullman da Kastoria, Kateríni, Kozani, Ioannina... in un anno davamo da mangiare qui a Bitola a circa 300mila persone. Arrivavano con i soldi in tasca, ma ora è tutto finito”, afferma Cane Momirovski, proprietario del ristorante Linkestis.

Un regime speciale per Medžitlija?

I ristoratori di Bitola denunciano che le limitazioni all'importazione di beni alimentari verrebbero applicate esclusivamente al passaggio di confine di Medžitlija-Niki. Nessuna misura di questo tipo sarebbe stata presa in altri posti di frontiera con la Macedonia, più a sud e nemmeno ai confini con l'Albania e la Bulgaria.

“Abbiamo intentato una causa contro un giudice, un avvocato di Atene e un professore di Salonicco, tutti e tre molto impegnati in politica. Occorre far sapere che la situazione è differente presso altri posti di frontiera, come quello di Bogorodica-Evzoni o di Dojran-Dojrani. Abbiamo inviato delle persone per “testare” ad esempio la frontiera tra Grecia e Albania: hanno potuto attraversarla tranquillamente portando con se varie mercanzie, senza nasconderle e senza venissero loro confiscate”, sottolineano i ristoratori di Bitola.

 

Questa pubblicazione è stata prodotta con il contributo dell'Unione Europea. La responsabilità sui contenuti di questa pubblicazione è di Osservatorio Balcani e Caucaso e non riflette in alcun modo l'opinione dell'Unione Europea. Vai alla pagina del progetto Racconta l'Europa all'Europa


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by