Gevgelija, città macedone a due chilometri dal confine greco-macedone, è un ottimo esempio di cooperazione transfrontaliera. Tuttavia, alcuni dei principali scambi potrebbero non essere presi in considerazione dagli studi internazionali sullo sviluppo: per esempio il gioco d'azzardo, o il traffico di immigrati ...

05/06/2006 -  Risto Karajkov Skopje

Parole come "cooperazione regionale e transfrontaliera" hanno quasi un'aura magica nella terminologia della cooperazione prevalente nei Balcani. Sono percepite come potenti rimedi portatori di crescita economica e stabilità politica. Sono modelli ideali e "buone cose" che portano ad altre buone cose seguendo il principio olistico secondo il quale tutte le buone cose vanno insieme: per esempio, la crescita economica promuove la democrazia e lo stato di diritto che a suo volta promuove l'economia che a sua volta consolida i diritti umani, e così via. La cooperazione regionale nei Balcani è anche un prerequisito chiave per l'accesso all'Unione Europea.

Nello spirito ottimistico dei manuali della cooperazione transfrontaliera, lo scambio dinamico tra comunità divise da un confine crea sinergie e porta valore aggiunto con beneficio reciproco di tutti gli attori coinvolti, e oltre. Facilita la comprensione e fiducia reciproca, riduce le possibilità di conflitti e rafforza la coesione sociale ed economica. Per cui la cooperazione e lo scambio transfrontalieri devono essere incoraggiati.

Gevgelija, una città nel profondo sud della Macedonia, a due chilometri dal confine greco-macedone, può essere un esempio di cooperazione transfrontaliera dinamica. Tuttavia, alcuni dei principali scambi potrebbero non essere presi in considerazione dagli studi internazionali sullo sviluppo: per esempio il gioco d'azzardo, o il traffico di immigrati...

Una popolazione di 13.000 abitanti - in continua decrescita perché i giovani se ne vanno nella capitale Skopje, l'unico posto dove si può trovare lavoro - Gevgelija era in passato un importante centro agricolo nell'ex-Jugoslavia, e una delle cittadine più ricche della Macedonia. I contadini del posto ricordano ancora di quando potevano raccogliere i pomodori, caricarli su un camion, portarli a Zagabria di notte, venderli in un giorno, tornare e comprarsi un trattore o una macchina, o costruire un piano della casa. Quei giorni sono finiti da un pezzo e probabilmente non torneranno più. La perdita del mercato jugoslavo comune e protetto ha avuto un effetto devastante sull'agricoltura macedone. Quella che una volta era un'attività redditizia, è ormai solo un modo di sbarcare a fatica il lunario. In molti hanno lasciato i campi di Gevgelija e sono entrati nel settore dei servizi, per esempio come guidatori di taxi.

Ma Gevgelija è da un pò chiamata dai media nazionali la Las Vegas macedone. Il motivo è che numerosi casinò sono sorti in città e nelle comunità circostanti, grazie alla vicinanza al confine. Un grande hotel casinò ha di recente aperto praticamente sul confine stesso, e già si annuncia un altro ancor più grande che lo farà impallidire. Gevgelija ospita anche uno dei più vecchi casinò della città: Apolonia. Ce ne sono altri nel centro turistico di Dojran, vicino al lago di Dojran, 30 km a est: di nuovo, posizionati strategicamente vicino al confine.

Una mezza dozzina di casinò che lavorano a pieno regime significa lavoro, e la costruzione di nuovi casinò significa investimenti, ma è questo il modello di sviluppo che la gente del posto avrebbe voluto, potendo scegliere?

Gli avventori dei casinò sono quasi esclusivamente cittadini greci, famosi per la loro passione per il gioco. Vengono dalle città della Grecia settentrionale, dalle comunità vicine, e fin da Salonicco, una settantina di chilometri a sud del confine. I casinò organizzano anche il trasporto dei clienti. Il movimento di denaro è enorme, ma solo una piccola parte dei guadagni rimane nell'area, sotto forma degli stipendi dei dipendendi locali. La maggior parte dei casinò, infatti, è di proprietà di stranieri.

Il croupier è una professione diffusa tra i giovani di Gevgelija. Questo significa vivere di notte e dormire di giorno. Ma loro sono contenti lo stesso, dal momento che l'alternativa è la disoccupazione.

Oltre al gioco d'azzardo, i visitatori greci hanno poco a poco scoperto che Gevgelija è un buon mercato per altre necessità, come prodotti agricoli e servizi molto economici, grazie a prezzi che sono di molto inferiori a quelli dall'altra parte del confine. I dentisti greci si sono recentemente lamentati di aver perso molti pazienti che scelgono di farsi curare a Gevgelija: costa circa cinque volte di meno. Lo stesso vale per parrucchieri, saloni di bellezza, e molti altri servizi, grazie alla manodopera molto più economica che in Grecia.

Il mercato aperto di frutta e verdura è un altro posto pieno zeppo di clienti greci. Ne vengono così tanti a fare il loro rifornimento settimanale, che le atuorità locali hanno dichiarato un giorno di mercato aggiuntivo, due giorni alla settimana invece dell'uno solo di prima. I venditori, tutti piccoli agricoltori, sono contenti. Anche se notano che i greci cercano di contrattare parecchio. "Ci tengono al loro euro", dice uno.

Man mano che la notizia si diffonde, crescono i visitatori che vengono a Gevgelija a fare acquisti. Secondo alcune stime, tra i 1.500 e i 2.000 cittadini greci attraversano ogni giorno la frontiera a Bogorodica, vicino a Gevgelija. Boutiques, gioiellerie, ristoranti: tutti registrano aumenti nel flusso di visitatori greci.

Ma i greci non vengono solo a comprare. Vengono anche a produrre. Anno dopo anno molti stabilimenti di produzione si sono spostati al di là del confine. Nei settori tessile, alimentare, chimico, molte delle nuove industrie aperte sono di proprietà greca. Di nuovo, c'è il vantaggio della manodopera a basso costo, spesso senza nessun beneficio, come la sicurezza sociale o sanitaria, o la pensione. Uno stipendio mensile di 100 euro è considerato tra il sufficente e il giusto a Gevgelija, chi prende 200 euro si sente fortunato.

E questa è una direzione di scambio transfrontaliero, mentre lo scambio non è neanche lontanamente così dinamico nell'altro verso. Le politiche di visto restrittive impediscono a molti macedoni di andare in Grecia. È praticamente impossibile ottenere un visto per chi non può dimostrare di avere un impiego a tempo pieno in Macedonia, per garantire che non vada in Grecia a lavorare.

Ad ogni modo, il principale flusso nell'altra direzione è di nuovo la manodopera a basso costo. I giovani che sono abbastanza fortunati da ottenere il visto, o quelli che rischiano un attraversamento illegale della frontiera, vanno a lavorare nei campi dall'altra parte. Lo stipendio giornaliero è tra i 25 e i 30 euro. Si calcola che siano diverse centinaia i giovani di Gevgelija e dei villaggi circostanti che lavorano nel settore agricolo in Grecia. Quelli che sono "legali" attraversano la frontiera ogni giorno; molti rimangono parecchi mesi, e tornano alla fine della stagione.

La domanda di manodopera a basso prezzo da una parte e l'abbondante offerta dall'altra hanno anche alimentato il traffico illegale di lavoratori. Più volte nello scorso anno ci sono state retate della polizia in operazioni di traffico illegale di migranti alla frontiera a Bogorodica. L'ultima solo poche settimane fa, quando diversi albanesi e cinesi sono stati trovati nascosti in un camion. Un bel pò di abitanti di Gevgelija sono stati arrestati alla fine dell'anno scorso nella più grande operazione della polizia finora contro questo traffico illegale.

E questo è il modello di cooperazione transfrontaliera per quanto riguarda Gevgelija. La "porta per l'Unione Europea", come viene a volte chiamata, è a pochi minuti di cammino ma ancora lontana decenni. Nessun manuale di cooperazione transfrontaliera o piano strategico potrebbe mai pensarci. La Las Vegas della Macedonia.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.