Il problema principale del Kosovo? Le carenze del sistema giudiziario. Polizia, tribunali e pubblici ministeri – proni alla classe politica - non garantirebbero giustizia e protezione ai cittadini. L'introduzione ad un'analisi del think tank ICG

25/05/2010 - 

A più di due anni dalla dichiarazione di indipendenza, il Kosovo arranca tra uno stato di diritto deficitario e un sistema giudiziario debole di cui fanno le spese i suoi cittadini. La polizia, i pubblici ministeri e i tribunali hanno modalità di procedere errabonde, e sono proni alle interferenze politiche e agli abusi di potere. Il crimine organizzato e la corruzione sono diffusi e in costante aumento. Rendendosi conto che lo sviluppo economico, le relazioni con l'Unione europea e il riconoscimento del paese come stato indipendente dipendono dallo stato di diritto, il governo del Kosovo ha fatto scelte importanti, sostituendo funzionari e approvando riforme da troppo tempo rimandate. Nonostante ciò, permangono debolezze critiche, in particolare nei tribunali, e il governo, sostenuto dalla comunità internazionale, dovrà agire in fretta per eliminarle.

Che il Kosovo sia governato da un' élite politica senza legge che controlla ogni aspetto della società, è un' impressione alquanto diffusa. La missione dell'Ue Eulex, che ha lo scopo specifico di rafforzare lo stato di diritto, sta conducendo indagini su casi di corruzione ai più altri livelli e i suoi sforzi hanno sino ad ora mostrato discrepanze tra le norme e l'applicazione delle stesse. Tutto ciò scoraggia gli investimenti esteri e il Kosovo langue nella povertà. Un approccio duplice è necessario: da una parte rafforzare le istituzioni e adottare le norme indispensabili per combattere la corruzione, dall'altra condurre indagini sui principali abusi del passato.

Sotto certi aspetti, la reputazione del Kosovo come paese privo di leggi è un'esagerazione. Il Paese ha un basso tasso di crimini violenti, i crimini tra comunità diverse sono sporadici, e in gran parte del Kosovo i serbi vivono sicuri. Ma il sistema giudiziario è debole. Sono pochi i responsabili di crimini a finire dietro alle sbarre. L'iter giudiziario soffre di una generale sfiducia, di testimoni spaventati o reticenti e dal lavoro poco professionale dei pubblici ministeri. Per quanto riguarda il diritto civile, è impossibile per i cittadini e per le società, sia locali che internazionali, vedere i propri diritti riconosciuti in tribunale. Vertenze riguardanti la proprietà sono comuni e, poiché non sono facilmente risolvibili, spesso si concludono in scontri violenti. Il sistema di diritto civile, poco funzioanle, è letteralmente intasato da numerosi casi risalenti al 2000-2001, e scoraggia gli investimenti. I giudici, demoralizzati ed esausti, sono sommersi da pratiche arretrate e sono rinomati per corruzione e favoritismi. I querelanti si rassegnano di fronte alle sconcertanti procedure d'appello, rimandi e ritardi, che per di più sono spesso il risultato di errori intenzionali. La corruzione e perfino la violenza sono mezzi utilizzati quotidianamente per risolvere in modo extragiudiziale i diverbi.

Il corpo di polizia è uno delle istituzioni più multietniche del Kosovo, composto da serbi e altre minoranze integrate in tutte le regioni e a tutti i livelli. La polizia gode di un buon sostegno da parte dell'opinione pubblica e di una forza lavoro molto volenterosa. Purtroppo però è gestita in modo poco efficace e risulta poco competente a causa della carenza d' addestramento. Le forze dell'ordine si occupano efficacemente di crimini di minor entità, ma risultano fallimentari nel combattere il crimine organizzato, i crimini fiscali e frodi, il traffico di droghe ed esseri umani e così via. Inoltre, le forze dell'ordine non sono in buoni rapporti con i pubblici ministeri, a cui spetta la conduzione delle indagini in merito ai reati più gravi. Il risultato è che le forze dell'ordine agiscono di testa propria e i pubblici ministeri sottoutilizzati e non coinvolti.

Le istituzioni incaricate di monitorare il sistema giudiziario - il Kosovo Judical Council (KJC), che supervisiona i giudici, la Police Inspector of Kosovo (PIK), e il ministro della Giustizia, che supervisiona i pubblici ministeri - non lavorano efficacemente. Il KJC è in difficoltà per la mancanza di personale competente in posti chiave. Le sue componenti, nello specifico l' Office of Disciplinary Counsel e il Judicial Audit, responsabile per le investigazioni in materia di corruzione ed altre questioni coinvolgano i tribunali, lavorano bene; ciononostante, le loro indagini rimangono senzxa conseguenze perché il KJC nel suo complesso è paralizzato. Il ministero è affetto da una leadership inefficace e dalla mancanza di sostegno politico, nonostante la nomina di un nuovo ministro nell'aprile del 2010 forse migliorerà le cose.

La debolezza del sistema giudiziario è particolarmente evidente nelle regioni al nord del fiume Ibar, la piccola area del Kosovo di fatto controllata dalla Serbia. In quest'area non esiste un valido sistema penale in quanto i tribunali serbi non cooperano con la polizia kosovara. Tuttavia, il tasso di criminalità del nord è simile a quello del resto del Kosovo, e la piccola comunità locale vive grazie agli aiuti provenienti da Belgrado. Recentemente, i controlli del confine tra il Kosovo e la Serbia sono migliorati e gli arresti, avvenuti specialmente in Serbia, hanno ridotto drasticamente il contrabbando. Ma il “Nord” rimane una spina nel fianco nei rapporti tra Kosovo e Serbia e in quelli tra i due ed EULEX. E' per eccessiva precauzione che l'UE non ha stabilito la propria polizia a nord del fiume Ibar, lascianod così il territorio in balia del crimine organizzato. Gli sforzi dell'Ue di inserire nel tribunale di Mitrovica giudici locali è fallito, al contempo offendendo sia Pristina che Belgrado.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.