È il festival di cinema italiano più attento a ciò che accade nell'est dell'Europa e del Mediterraneo. Ora la diciottesima edizione. Alpe Adria Filmfestival si svolgerà a Trieste dal 18 al 25 gennaio e ha già annunciato i pezzi forti di un interessante programma

03/01/2007 -  Nicola Falcinella

Il gitano Tony Gatlif, il turco Nuri Bilge Ceylan, il serbo Goran Paskaljevic, il croato Rajko Grlic o il rumeno Radu Munteanu sono solo alcuni dei nomi di spicco di una manifestazione che presenta il meglio dell'anno di tutta la regione ed è un luogo di incontro per cineasti di provenienza diversa.

Oltre ai concorsi, ci sono le retrospettive (lo svizzero Fredi Murer e l'italiano Franco Giraldi) e le sezioni tematiche come "Update Deutschland" sulla produzione tedesca recente e un focus sull'ex Ddr Andreas Dresen.

In totale nelle quattro sale cittadine saranno presntati circa 150 titoli fra lungometraggi, documentari e cortometraggi (informazioni www.triestefilmfestival.it).

Come evento d'apertura è stato annunciato "Transylvania", che a primavera sarà nelle sale italiane, di Gatlif con Asia Argento. Una pellicola retta dalla musica e dalle pulsioni istintuali, che racconta di Zingarina (Argento) che, in compagnia di un'amica, arriva in Romania alla ricerca di un uomo solitario e senza legami fugacemente conosciuto in Francia, il musicista Tchangalo (Birol Unel, già protagonista de "La sposa turca"). Oltre che una storia d'amore, il film è un'immersione in una terra misteriosa e affascinante.

La chiusura del festival sarà affidata a uno dei più bei film del 2006, anche questo passato a Cannes, "Iklimler - Climi" di Bilge Ceylan. Incomunicabilità e fine di un amore, solitudine e ricerca di una felicità che sfugge continuamente i temi di un'opera rarefatta e intensa del regista che a Trieste vinse nel 2004 con "Uzak - Lontano".

La Romania, che negli ultimi due - tre anni si è segnalata come il paese emergente del sudest Europa in campo cinematigrafico, sarà rappresentata da due film in competizione, "Paper Will Be Blue" di Radu Munteanu e "The Way I Spent The End of The World" di Catalin Mitulescu, entrambi a rievocare la "rivoluzione" che nel dicembre 1989 travolse il regime di Ceausescu.

Già premiato in vari festival è "Optimisti" di Goran Paskaljevic, una variazione sul tema del "Candide" di Voltaire in una Serbia tribolata e un grande Lazar Ristovski che si fa in 5 negli altrettanti episodi di un mosaico crudele e divertente.

In gara ancora il croato "Karaula - Border Post" di Grlic, il bel albanese "Magic Eye" di Kujtim Cashku (un altro racconto della caduta del comunismo con le speranze subito tradite) e il tagiko "To Get to Heaven First You Have to Die" del talentuoso Djamshed Usmonov.

Il concorso documentari vedrà il lizza 24 lavori di tutte le durate e si conferma tra le sezioni più curiose e sorprendenti: massiccia la presenza di opere russe, di registe donne e da segnalare il ritorno del serbo Zelimir Zilnik. Dal Festival di Sarajevo arriva poi un gruppo di documentari (i cui titoli verranno confermati a ridosso dell'inaugurazione) di vari Paesi della ex Jugoslavia che raccontano storie di violenze, di ricerca della verità e del tentativo di ottenere giustizia per i crimini degli anni '90.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.