Dacia Maraini al 46° Seminario di lingua e cultura italiana a Capodistria interviene sulla situazione della scuola in Italia, le possibili ripercussioni sulla minoranza italiana in Slovenia e Croazia e su quella slovena in Italia. Un commento

30/10/2008 -  Franco Juri Capodistria

La scrittrice Dacia Maraini, ospite d'onore all'inaugurazione solenne del 46-esimo Seminario di lingua e cultura italiana, svoltosi di recente a Capodistria, ha saputo nuovamente arricchire l'evento con un tocco di intellettuale saggezza in chiara sintonia con il suo impegno di attenta e sensibile testimone del nostro tempo. D'altronde anche il suo ultimo libro, "Il treno dell'ultima notte", un percorso romanzato lungo i totalitarismi del secolo breve, ne è l'ennesima prova. La Maraini, da onesta intellettuale senza compromessi sul piano dell'etica e con quella serenità che viene suggellata da un'intensa esperienza di vita, non si è sottratta alla valutazione di quanto nel mondo e, soprattutto, in Italia, sta accadendo oggi. Si sta scivolando - avverte la scrittrice - verso nuovi lidi autoritari, inediti nella forma, ma ben noti, nel passato, nella sostanza, basati oggi prevalentemente sull'opera di appiattimento culturale imposto dalla TV massificatrice e da un potere che del bene pubblico sembra infischiarsene. E affonda senza mezzi termini la sua critica sulla contestata ma incombente »riforma Gelmini«, sul decreto che tende a svilire la scuola pubblica e premiare quella privata. E la scuola privata - lo si sa, ricorda Dacia Maraini - è soprattutto privilegio della Chiesa.

La scrittrice è dunque schierata nettamente con gli studenti, i professori e i genitori che contestano il decretismo berlusconiano che taglia i fondi alla scuola pubblica, l'accorpa in nome della razionalità e reintroduce l'insegnante unico nelle elementari. Ha l'antifascismo e il libertarismo nei geni, Dacia Maraini. Affascina, Dacia, ma con tono un po' rassegnato constata che siamo di fronte- fatto nuovo e inquietante - a un potere che non ha nemmeno paura dei libri.

La scuola pubblica italiana sta quindi per mandare a casa, per decreto, alcune decine di migliaia di insegnanti, professori e ricercatori. Sia ben chiaro, francamente la scuola così com'è concepita oggi ha certamente tanti difetti, come tutte le pubbliche istituzioni pecca delle sindromi da mastodonte, e anche di accomodamenti inappropriati. C'è bisogno di riforme. L'accusa di »baronismo« lanciata dalla destra, probabilmente, ha anche qualche spunto veritiero. Ogni mito ha qualcosa di vero. Ma i problemi non possono essere certo risolti con un decreto che ne fa solo uno strumento per le smanie di privatizzazione della società e di imbrigliamento del mondo scolastico-accademico, fin qui, comunque, fucina di pensiero critico. E poi? Rimarranno i »bravi ragazzi«, le teste d'uovo e la grande, confortante mamma TV. E tanta Chiesa, per coltivare i valori, ovvio. Bella prospettiva, non c'è che dire. È in atto una vera e propria strisciante restaurazione che tende a estirpare gran parte delle norme etiche e sociali ereditate dalla lunga lotta per la democrazia e l'impegno civile dal dopoguerra in poi.

Ma i tagli, gli accorpamenti delle scuole e l'introduzione dell'insegnate unico saranno letteralmente micidiali per le minoranze, in primo luogo per quella slovena nel Friuli Venezia Giulia. Anche quella italiana in Slovenia e Croazia si sta accorgendo, sulla propria pelle, cosa significhi un taglio del 30 per cento dei mezzi finanziari destinati alle sue attività. A quella slovena in Italia, nei prossimi tre anni, verrà tolto il 40 per cento dei mezzi. In termini reali questi tagli saranno ancora più grandi. E, contemporaneamente, l'accorpamento e la razionalizzazione delle scuole porterà a inevitabili chiusure di quelle più piccole, fondamentali però per una minoranza. Insomma, potrebbe essere un'ecatombe. A tutto ciò si affianca, inoltre, l'animosità politica e nazionalista con cui si tenta di svilire quanto raggiunto con la legge di tutela e quanto dovrebbe essere tutelato dagli accordi internazionali. E si cerca nuovamente di negare la presenza slovena nella provincia di Udine.

Fatti e tendenze gravi, gravissimi, per ogni minoranza, non solo quella slovena. Una deriva restauratrice che ormai non teme nemmeno chi legge . I libri però teniamoceli, leggiamoli e scriviamoli, comunque. Non sarà mai uno spreco.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.