Tra novità e classici, domani (15 gennaio) prende il via la ventesima edizione del Trieste Film Festival. Un nutrito programma con numerosi ospiti e 150 film. Dodici i titoli in concorso

14/01/2009 -  Nicola Falcinella

Apre Madonna e chiude Miki Manojlović. Il Trieste Film Festival alla ventesima edizione - era nato come Alpe Adria in tempo di grandi scossoni e poi di tragedie nell'Europa centrale e orientale ed è diventato un punto di riferimento per chi s'interessa a quelle aree - si presenta tra novità e classici.

Giovedì sera (15 gennaio) per l'apertura c'è "Filth and Wisdom - Oscenità e saggezza", bizzarro e interessante esordio dietro la macchina da presa di Madonna con Eugene Hütz dei Gogol Bordello protagonista. Parrebbe una scelta fuori dalle corde e dall'area della manifestazione se il film (già passato ai festival di Berlino e Torino) non fosse ambientato a Londra e così slavo (anche se per certi versi racconta un inizio carriera musicale con molto in comune con quello della regista) nello spirito e nell'ironia.

A chiudere, giovedì 22 (informazioni e programma su: www.triestefilmfestival.it, infoline: 345/6060072) c'è "The World is big and Salvation lurks around the Corner" di Stephan Komandarev. Manojlović compie con il giovane nipote un viaggio terapeutico attraverso l'Europa che si conclude proprio a Trieste.

Nel mezzo un bel programma con circa 150 film, diversi dei quali in anteprima internazionale o italiana, e vari ospiti. A cominciare dai grandi che tra venerdì e domenica terranno masterclass con studenti di cinema di tutto l'est Europa: nell'ordine Jerzy Stuhr (attore per Kieslowski e Wajda ma anche ne "Il caimano" e regista del toccante "Storie d'amore"), il regista polacco Andrej Zulawski e la regista ungherese Marta Meszaros. Domenica sera, dedicata al ventesimo della caduta di Berlino, al termine di tre cortometraggi Massimo Zamboni presenterà in esclusiva lo spettacolo "Sonata a Kreuzberg - Protezione scoppio e nuova fuga nella Berlino dei muri" in lettura, narrazione e canto.

Il ricco concorso presenta 12 titoli. Spicca su tutti il kazako "Tulpan" di Sergey Dvortsevoy (la sorpresa di Cannes 2008, vincitore della sezione Un certain regard) e poi il tedesco "Wolke 9 - Nono cielo" di Andreas Dresen (due anni fa Alpe Adria gli dedicò una personale), l'ungherese "Delta" di Kornel Mondruczo e il bosniaco "Snijeg - Neve" di Aida Begić. In più "Diorthosi - Correzione" di Thanos Anastopoulos, che è il pezzo più pregiato dell'interessante panoramica (in due parti, la seconda nel 2010) sul "Cinema greco: film dal margine". Otto lungometraggi e altrettanti corti da un Paese così vicino e così poco, almeno sullo schermo, conosciuto.

In gara anche "Turneja - La tournée" di Goran Marković, uno dei grandi del cinema serbo che torna a parlare della guerra nei Balcani. E ancora il ceco "I Karamazov" di Petr Zelenka, il nuovo film (dopo 17 anni dal precedente!) di Jerzy Skolimowski "Cztery noce z Anna - Quattro notti con Anna" e il polacco premiato a Locarno "33 sceny z zycia - 33 scene di vita" di Malgoska Szumowska e "Prognoza - Previsione" della bulgara Sophia Zomitsa già nota per "Mila from Mars".

Tra i cortometraggi saranno 18 quelli in gara (tra questi "Vem" dello sloveno Jan Cvitkovic) e 15 i documentari, sezione di grande prestigio che riscuote sempre più interesse. Fuori concorso "Rata neće biti - La guerra non ci sarà" di Daniele Gaglianone (che sarà in giuria), lunga ricognizione nella Bosnia di oggi, tra Sarajevo e Srebrenica, con alcune storie fortissime.

Tra le altre sezioni la personale "Associazioni imprevedibili. Il cinema di Walerian Borowczyk" con le opere animate e dal vero del cineasta franco-polacco, la rassegna su James Joyce nel centenario del mitico Cinema Volta che fondò a Dublino e la retrospettiva "Giacomo Gentiluomo", regista triestino che negli anni '40 e '50 si prestò con passione al cinema popolare e di genere dai "Maciste" ai "Karamazov".

Infine la novità "Muri del suono" dedicata alla musica, concerti al Teatro Miela, la sezione "Zone di cinema" (i lavori friulani e giuliani che quest'anno avranno anche un premio) e l'anteprima dell'ultimo lavoro di Corso Salani "Le vite possibili". Quest'ultimo, un amico e assiduo frequentatore del festival che "dalle tante ore filmate" per la serie di sei documentari "Confini d'Europa" ha estratto altre storie e altre osservazioni sul Vecchio continente.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.