Meeting NATO a Cracovia

Il recente incontro dei ministri della Difesa Nato a Cracovia ha confermato che l'Alleanza non intende per il momento accettare la Georgia quale paese membro. Tuttavia, governo ed opposizione reputano l'accesso alla Nato una priorità per il paese

10/03/2009 -  Tengiz Ablotia Tbilisi

Lo scorso 20 febbraio si è tenuto a Cracovia il summit dei ministri della Difesa della Nato. Per il paese caucasico, nonostante la retorica benevolente e ottimista, la risposta è stata la stessa ottenuta a Bucarest: la Georgia potrà senza dubbio entrare a far parte dell'Alleanza, ma questo non accadrà certo oggi.

È noto che uno dei problemi principali nelle relazioni tra Russia e Georgia è il desiderio di quest'ultima di entrare a fare parte della Nato. Soprattutto dopo la guerra dello scorso agosto, l'opinione pubblica non è concorde per quanto riguarda la Nato; molti cittadini comuni si chiedono infatti a cosa serva cercare di entrare a far parte dell'Alleanza se questa non ci accetta, e complica le relazioni con la Russia.

Ciononostante, la maggior parte dei partiti con una influenza anche minima sulla politica del paese non mette tuttavia in dubbio la necessità per la Georgia di entrare a far parte della Nato. Ad esempio, Irakli Alasania, uno dei leader dell'opposizione, ha recentemente dichiarato: «L'orientamento di politica estera della Georgia rimane immutato. L'ingresso nella Nato rimarrà sempre una priorità per il paese».

Ci sono solo alcune forze politiche marginali, quale il partito Forum Popolare, che ritengono che alla Georgia non serva a niente entrare nella Nato, e che il paese dovrebbe cercare di rimanere neutrale. Sono politici che pensano che la Georgia possa fare a meno della Nato, degli Stati Uniti e della Russia.

In Georgia quindi la questione dell'ingresso nella Nato non si pone affatto, è una questione già decisa.

È importante però ricordare che non è stato sempre così. Nel 1992-1993, dopo la sconfitta della Georgia in Abkhazia, il paese ha iniziato a seguire un corso pro-russo, nella speranza di trovare supporto nella risoluzione dei propri conflitti territoriali. Ben presto però, si è capito che Mosca non avrebbe sostenuto effettivamente la riunificazione della Georgia.

Verso la metà degli anni '90 la Georgia ha iniziato ad avvicinarsi all'Occidente. Il paese ha iniziato ad assumere il ruolo di elemento di unione fondamentale per importanti progetti di transito di gas e petrolio. Il consolidamento dell'orientamento filo-occidentale in Georgia è quindi diventato imprescindibile per i sostenitori di questi progetti, visto che la Russia ha continuato ad opporsi a qualsiasi progetto di transito energetico che non passasse sul suo territorio.

Per quanto riguarda l'ingresso nella Nato, la prima dichiarazione ufficiale a questo riguardo è stata fatto dall'allora presidente georgiano Eduard Shevardnadze: «La Georgia busserà alle porte della Nato nel 2005».

Al tempo, nel 1999, il 2005 sembrava un anno molto lontano, ma anche ora, nel 2009, la Georgia non sembra essere affatto vicina all'ingresso nella Nato. A lungo, i paesi occidentali non hanno preso seriamente le intenzioni della Georgia di entrare a far parte della Nato, visto che, considerata la situazione nel paese, era evidente che non avesse alcune chance di realizzare questo desiderio. Un po' alla volta però il paese si è sviluppato, ed ha iniziato ad avvicinarsi agli standard richiesti dall'Alleanza. Ma proprio quando la Georgia si sentiva più vicina a raggiungere questo traguardo, si è reso evidente che la Nato non era pronta ad accoglierla.

Il summit Nato a Bucarest dell'aprile scorso ha dato un chiaro segnale a riguardo. Nella dichiarazione finale si diceva semplicemente che «la Georgia entrerà a fare parte della Nato», senza alcuna precisazione riguardo alla tempistica. Segnale negativo è stato anche il rifiuto dell'Alleanza di offrire ad Ucraina e Georgia il Membership Action Plan, cioè l'ultimo passo prima di entrare a far parte della Nato.

Non vi è dubbio che in questo la Russia abbia giocato un ruolo importante, in particolare per quanto riguarda paesi quali Germania e Francia. Nel prendere questa decisione, i paesi occidentali hanno sicuramente preso in considerazione molti elementi, inclusa la questione dell'approvvigionamento energetico, ma soprattutto il problema dei territori separatisi dalla Georgia, e attualmente sotto il controllo di Mosca.

La questione sarà nuovamente discussa tra meno di un mese al vertice di Strasburgo/Kehl per i 60 anni dell'Alleanza, ma per Tbilisi non si profila un accesso rapido nel Patto atlantico. La possibilità che l'ingresso della Georgia nella Nato venga rinviato indefinitamente è reale.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.