A partire dal 2007, ogni anno un gruppo di giovani provenienti da Armenia e Azerbaijan si incontrano in un Paese terzo per conoscersi, per parlare della propria storia e dei bisogni che percepiscono nella realtà in cui vivono. Una rara occasione di incontro, in netto contrasto con le opposte retoriche del conflitto che dominano in entrambi i Paesi

05/08/2011 -  Arzu Geybullayeva Bakuriani

“Quando la mente è più forte delle memorie dolorose”. No, non è una citazione da un libro o da un film, e nemmeno da un personaggio famoso. A pronunciare questa frase è un giovane azero che, insieme ad altri 18, ha partecipato ad un'iniziativa di dialogo organizzata nell'ambito del programma “Dialogue for Action” dell'Imagine Center for Conflict Transformation . Durante la sesta edizione del programma, svoltasi a Bakuriani (Georgia) dal 12 al 20 luglio, si è parlato del conflitto in Karabakh, storia, presente e futuro, e le parole del giovane riassumono perfettamente ciò che le due parti dovrebbero fare: fare i conti con il passato e guardare avanti.

Gli inizi

Sasun Khachatrian ha raccolto le voci dei partecipanti ad Imagine Dialogue 2011, tenutosi a Bakuriani dal 12 al 20 luglio 2011. Voci ed immagini raccolte in un video che ben presenta come si è sviluppata questa iniziativa. Clicca sull'immagine per visualizzarlo

Fondato nel 2007 dall'armeno Philip Gamaghelyan e dall'azera Jale Sultanli, il centro è un'organizzazione non politica e indipendente, il cui carattere non politico va sottolineato in considerazione del clima estremamente problematico che circonda le relazioni fra i due Paesi e la situazione di “conflitto congelato” stabilitasi in seguito al cessate il fuoco del 1994. Il conflitto in Nagorno-Karabakh ebbe la sua fase più violenta nel 1992, quando si registrarono migliaia di morti, feriti e sfollati costretti a lasciarsi dietro la propria casa, storia, ricordi e molto altro. Da allora, media nazionali e dibattito politico sono sovraccarichi di retorica ostile, rendendo sempre più difficile la riconciliazione e il superamento della propaganda nazionalista. Inoltre, l'improduttività degli ultimi incontri diplomatici lascia ad iniziative dal basso il compito di ricostruire le relazioni fra comunità e facilitare comprensione e riconciliazione.

È in questo quadro che l'Imagine Center ha iniziato a lavorare contro i pregiudizi rivolgendosi ai rappresentanti più intraprendenti delle giovani generazioni. Annualmente, a partire dal 2007, il centro ha selezionato gruppi da Armenia e Azerbaijan e li ha portati in un Paese terzo per discutere di storia, percezioni e atteggiamenti. L'obiettivo è semplice: trasformare i pregiudizi, promuovere la cooperazione e creare reti per la comunicazione e il peace-building.

L'approccio Imagine

Il lavoro di Imagine si basa su una combinazione di riconciliazione, dialogo analitico e team-building all'aperto. Non è esagerato dire che si tratta di una delle pochissime iniziative che affrontano direttamente il conflitto e la storia dei due Paesi, un proposito difficile quanto stimolante: la sfida è portare posizioni diametralmente opposte a comprendersi. La cronologia costruita dai partecipanti offre uno sguardo sul passato e il presente delle relazioni attuali e crea lo spazio per uno scambio di conoscenza.

Visita il dossier di Osservatorio sul rischio di nuovo conflitto in Nagorno Karabakh (2011)

Dopo aver discusso le reciproche differenze, i due gruppi vanno ad analizzare quelle che sono oggi le necessità, le preoccupazioni, le paure e le speranze delle rispettive società. Questo stimola ulteriori discussioni sui problemi legati a fiducia e sicurezza in entrambe le comunità. Ancora una volta, ai gruppi è richiesto di fare uno sforzo di comprensione verso le differenze, pur senza dover necessariamente accettare posizioni diverse dalla propria. In molti casi, questa sessione fa emergere aree comuni di preoccupazione e paura, aiutando i gruppi a riconoscere i problemi che condividono.

La parte finale del programma consiste in sessioni di pianificazione congiunta, in cui i partecipanti fanno brain-storming su possibili iniziative da applicarsi al ritorno in entrambi i Paesi. Una di queste iniziative è la rivista online Caucasus Edition: Journal of Conflict Transformation. Questa piattaforma online è un forum unico dove analisti, politici, studiosi e pubblico in generale possono leggere articoli analitici sul conflitto del Karabakh. Creata in seguito a Imagine 2009, la rivista ha visto la luce nell'aprile 2010 e da allora gode di vasto seguito fra molte persone interessate al conflitto, alla sua storia e al suo stato attuale.

A novembre 2010, Imagine Center ha lanciato la sua seconda piattaforma online: Neutral Zone: blog of Caucasus Edition, nata da un'idea dei partecipanti di Imagine 2010. A differenza di Caucasus Edition, Neutral Zone si concentra su questioni sociali in Armenia e Azerbaijan, dalla corruzione alla violenza domestica passando per l'assistenza sanitaria, con particolare attenzione ad analogie e differenze fra i due Paesi.

Un altro progetto congiunto nato da Imagine Dialogue è stato un romanzo scritto a quattro mani da un autore armeno e uno azero. Il libro, attualmente disponibile solo in russo, è la storia di due persone, una armena e una azera, le cui vite si incrociano in seguito a circostanze eccezionali.

Guardare avanti

L'edizione di quest'anno di Imagine Dialogue ha visto molti momenti speciali. I racconti di straordinarie storie di vita, il ritratto della realtà della guerra e delle sue conseguenze su persone di entrambi i Paesi e l'onestà del confronto sono solo alcuni di essi. Ci sono stati anche momenti tristi o fiacchi, ma questo importa ben poco in confronto allo spirito e all'atmosfera creata dal gruppo. C'è stata coesione, e questo è stato forse davvero uno di quei momenti in cui la mente riesce ad essere più forte di una memoria collettiva radicata. Considerato l'attuale stato delle relazioni fra Armenia e Azerbaijan, considerata la propaganda che spinge le persone all'odio reciproco, c'è sempre più bisogno di iniziative come questa, votate alla riconciliazione e alla costruzione della fiducia, soprattutto in una fase come quella attuale, in cui i negoziati ufficiali continuano e i rispettivi governi fanno mostra di cercare una soluzione per il conflitto del Nagorno Karabakh.

 

* Arzu Geybullayeva è co-direttrice dell'Imagine Center for Conflict Transformation


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.