Foto di Leo Nikolic

Durante il Ferragosto alcuni vescovi croati si sono lasciati andare a dichiarazioni e messaggi controversi, attaccando le istituzioni internazionali, i media e la politica locale. Le reazioni degli opinionisti e dei politici nella cronaca del nostro corrispondente

29/08/2007 -  Drago Hedl Osijek

L'ex presidente jugoslavo Josip Broz Tito è uguale ad Adolf Hitler, e i media croati sono governati da satana: sono solo alcuni dei messaggi scandalosi che i vescovi croati hanno inoltrato dall'altare durante la celebrazione della festa cristiana e nazionale del giorno della Madonna, il 15 agosto scorso. I vescovi hanno sfruttato l'occasione anche per fare i conti con gli omosessuali e gli antifascisti, e pure per impartire una lezione all'Unione europea. "L'Europa e le sue istituzioni", ha detto il vescovo Juraj Jezerinac "tentano di rigettare Dio, diffondono uno stato di indifferenza religiosa, il secolarismo e la libertà incondizionata". Jezerinac ha fatto sapere all'Europa che, se vuole sopravvivere, "deve fare ritorno alle proprie radici, cioè alla fede".

Il vescovo di Zadar, Prendja, ha offerto al Tribunale dell'Aja la garanzia per la liberazione del generale Ante Gotovina, il quale dopo anni di latitanza è all'Aja in attesa dell'inizio del processo per crimini di guerra. Il vescovo di Djakovo Marin Srakic, di fronte a migliaia di credenti ad Aljmas, luogo di pellegrinaggio nella Slavonia orientale, ha rivolto al figlio di Branimir Glavas, in carcere in attesa del processo per crimini di guerra, un riconoscimento scritto per il contributo alla costruzione della chiesa del luogo.

"La Chiesa cattolica in Croazia oggi è una delle organizzazioni più rigide e antieuropee, e con queste sue posizioni non desidera certo il bene della Croazia", afferma il noto commentatore del quotidiano "Novi List", Branko Mijic. L'editorialista dello "Jutarnji list", Davor Butkovic, però, analizzando le uscite dei vescovi croati durante la celebrazione della festa della Madonna, conclude che "la Chiesa cattolica in Croazia oggi è profondamente invecchiata" e che "si trova in una società moderna, post bellica e in crescita, fatto che conduce ad eccessi quotidiani, e che la rende sempre meno importante".

Uno di questi eccessi è accaduto il giorno prima della celebrazione della festa della Madonna, durante la commemorazione dell'anniversario dell'operazione Oluja (tempesta), l'azione militare con cui la Croazia nel 1995 liberò Knin e il territorio dove i serbi ribelli nel 1991 formarono la cosiddetta Repubblica Serba di Krajina.

Parlando a questo incontro, al quale ha partecipato l'intero vertice statale croato, il vescovo di Sibenik Antun Ivas ha attaccato l'Europa, la NATO e il Tribunale dell'Aja, affermando che quelli che si trovano all'Aja "sono stati consegnati ad una giustizia mondiale selettiva che alla maggior parte dei popoli è incomprensibile". Parlando dei negoziati della Croazia per l'ingresso in Unione europea, cosa che è in assoluto l'obiettivo più importante della politica estera del premier Ivo Sanader, Ivas si è chiesto "non sono forse i negoziati con l'UE un pericoloso modo di evitare le questioni importanti?" aggiungendo come in questi negoziati non ci sia risposta alla domanda "dove risiedono l'uomo e l'integrità della persona".

A questa dichiarazione del vescovo di Sibenik ha reagito anche il premier Sanader. "Considero che ciò sia importante da dire, in particolare adesso che alcuni cercano di insinuare uno scoraggiamento sostenendo che, ecco, stanno processando noi croati, qualcun altro ci scriverà la storia perché ci sono alcuni accusati all'Aja, e non resta che vedere come finirà questo processo", ha detto Sanader ai giornalisti dopo la celebrazione a Knin, polemizzando con il vescovo di Sibenik, aggiungendo che con l'ingresso nell'Unione europea e nella NATO la Croazia renderà più stabile la sua posizione internazionale, e che non c'è alcun timore che qualcun altro possa scrivere la sua storia, secondo quanto aveva alluso il vescovo Ivas.

Ma le reazioni alle dichiarazioni della maggior parte dei vescovi croati non giungono solo dagli opinionisti dei giornali e dai politici. Esse, a dire il vero non molte, si posso anche sentire provenire dalla stessa Chiesa croata. "La Chiesa con la celebrazione dei suoi misteri è uscita dall'ambito della Chiesa, orientandosi di più alla strada, al folclore e al divertimento che alla vita delle persone. La celebrazione della festa alla presenza dei leader politici e delle istituzioni statali non poteva passare senza fare sì che nell'anno elettorale anche l'altare diventasse un'occasione per i fini politici di certi gruppi", dice il noto sacerdote di Spalato nonché sociologo don Ivan Grubisic.

Le dichiarazioni della maggior parte dei vescovi croati durante la celebrazione annuale della festa della madonna, oppure durante la commemorazione dell'anniversario della operazione militare "Tempesta" a Knin, non sono purtroppo delle novità nel comportamento di una parte della Chiesa cattolica. Durante il governo del presidente Tudjman, in cui la Chiesa aveva un grande appoggio, di gran lunga maggiore di quello su cui può contare tra le fila del governo attuale, venivano servite le messe in nome del capo ustascia Ante Pavelic, che si mise dalla parte dei nazisti nel 1941 e con l'aiuto dei quali creò lo stato fantoccio della NDH (Stato croato indipendente), 1991-1945.

Durante questo stato furono commessi gravi crimini contro i serbi, ebrei, rom ed anche contro i croati, soprattutto contro i comunisti che non avevano accettato il regime ustascia. Uno dei più grandi luoghi di esecuzione del regime di Pavelic fu il campo di concentramento di Jasenovac.

La Chiesa non ha mai giudicato fino in fondo e in modo chiaro questi crimini, e anche se alcune volte uno suoi gran dignitari lo ha fatto in modo timido, ha cercato sempre di relativizzare con i crimini del comunismo oppure con i crimini che i partigiani di Tito hanno commesso contro gli ustascia e contro i soldati della milizia territoriale durante la II Guerra Mondiale a Bleiburg.
La Chiesa durante la commemorazione dell'anniversario a Bleiburg è sempre stata molto rappresentata, cosa che non potremmo certo dire per Jasenovac.

Gli analisti credono che la dichiarazione di uno dei vescovi, secondo il quale i media croati sono governati da satana, è in realtà la vendetta per aver scritto apertamente sui casi di pedofilia all'interno della Chiesa croata, ma anche per gli scandali di corruzione che negli anni precedenti hanno scosso la sua Caritas. Sui media croati, da quando all'inizio degli anni '90 del secolo scorso è caduto il comunismo, non ci sono più testi che parlino della Chiesa nel modo in sui lo si faceva durante quel periodo. Piuttosto i media croati, così come non tacciono delle irregolarità nelle varie sfere della società, parlano apertamente di quello che accade anche nell'ambito della Chiesa cattolica.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.