Saluto nazista durante un concerto di Thompson

Sempre più diffusa tra i giovani croati l'esaltazione dei simboli nazisti e del movimento ustascia della Seconda guerra mondiale. Secondo molti, complici del fenomeno sono le performance del cantante Marko Perkovic Thompson, appoggiato da politici e da circoli della Chiesa

10/07/2008 -  Drago Hedl Osijek

La scorsa settimana presso il Tribunale di Zagabria, uno studente di ventun'anni è stato condannato con la condizionale ad una pena di 25 giorni di carcere e al pagamento di 1.600 kune (circa 220 euro), perché durante il concerto del controverso cantante Marko Perkovic Thompson, tenutosi a Zagabria il 30 maggio scorso, aveva indossato un cappello con lo stemma di una grande "U", simbolo del movimento filonazista ustascia della Croazia, al tempo della Seconda guerra mondiale.

Dal momento che la Croazia non dispone di una legge con cui si possa condannare l'esaltazione dei contrassegni e dei simboli nazisti, il giovane è stato condannato in base alla Legge sul disturbo dell'ordine e della quiete pubblica e in base alla Legge sui raduni in pubblico. Finirà in carcere solo se compirà un gesto simile nell'arco del prossimo anno. Si tratta comunque della prima volta che in Croazia viene comminata una pena per un gesto del genere, e nell'ultimo periodo di atti simili ce ne sono stati parecchi.

La pena inflitta al giovane, motivata dall'istigazione di simboli nazisti, è ritenuta da alcuni analisti croati, tra cui l'ex presidente del Comitato di Helsinki per i diritti umani in Croazia, Zarko Puhovski, come un segnale positivo della risolutezza del potere nel prendere di petto la situazione.

Altri, però, come l'ex ministro degli Esteri al tempo di Franjo Tudjman, Zvonimir Separovic, dicono che la stessa pena andrebbe inflitta anche per chi inneggia alla stella a cinque punte, simbolo comunista, sotto il quale in Croazia - afferma Separovic - sono state uccise alcune centinaia di migliaia di persone.

La sentenza dello studente ventunenne è giunta solo una decina di giorni dopo lo scandalo in una scuola di Makarska, cittadina sulla costa adriatica, dove 12 maturandi per la festa dell'ultimo anno si sono fatti fotografare sotto la svastica. I loro volti sorridenti, dietro i quali si vede bene la svastica, sono diventati uno scandalo di prim'ordine, mentre le foto sono finite anche sulle prime pagine dei giornali.

Il direttore del ginnasio di Makarska, Slavko Gudelj, ritiene però che tutta la faccenda abbia ricevuto una pubblicità inutile e che all'incidente sia stata data un'importanza immeritata.

"Si tratta di un colpo di testa e della mancanza di informazione di giovani generazioni non appesantite dalle vecchie ideologie", ha detto il direttore della scuola. Ma il giorno successivo, quando la polizia ha iniziato ad indagare sul caso, il direttore ha in qualche modo cambiato il tono della risposta: "Nessuna persona con un po' di senno potrebbe appoggiare l'ideologia che sta dietro a quei simboli", ha affermato Gudelj.

"Questi ragazzi sono il prodotto di una società che dagli anni novanta in avanti è diventata parzialmente ustascia, solo che questo non viene dichiarato pubblicamente e ad alta voce", ha detto al quotidiano "Slobodna Dalmacija" il professor Tvrtko Jakovina, esperto della Seconda guerra mondiale.

Dopo le reazioni negative dell'opinione pubblica, anche gli studenti si sono scusati, affermando che si è trattato solo di "un brutto scherzo", mentre altri di loro hanno cercato di relativizzare la questione dicendo che sulla foto non c'era la svastica, ma bensì "il simbolo indiano della pace e dell'amore".

Tuttavia, l'indagine condotta dimostra che la vicenda non è andata in modo così ingenuo. Prima di farsi fotografare davanti alla svastica, gli studenti della stessa classe del ginnasio avevano indossato delle magliette con scritto "Über alles", e alcuni di loro avevano proposto come "inno della loro generazione" la canzone ustascia "Jasenovac e Gradiska Stara", che inneggia all'uccisione di serbi, ebrei e rom nei due campi di concentramento ustascia durante la Seconda guerra mondiale.

Solo alcuni giorni dopo quanto accaduto, la Lega calcistica della Croazia è stata multata con 12.500 euro per il comportamento tenuto dai tifosi croati durante la partita Croazia - Turchia del 20 giugno a Vienna, che la Commissione disciplinare della UEFA ha valutato come xenofobo e razzista.

Reagendo alla sempre più diffusa esaltazione del nazismo tra i giovani croati, il presidente della comunità ebraica di Zagabria Ognjen Kraus ha inviato una lettera al ministro dell'Educazione Dragan Primorac nella quale, con amarezza, dice: "Mi congratulo con lei per la riforma della scuola, che ha conseguito nel suo mandato, ma che ha dato come esito lo spiacevole episodio dei maturandi di Makarska, cui non è stato da meno l'episodio dei giovani sulla piazza Ban Jelacic".

Sulla piazza principale di Zagabria, un mese fa, si era tenuto il concerto del cantante Marko Perkovic Thompson, le cui canzoni, secondo molti, tanto per le parole usate che per l'iconografia scenica, invitano i giovani ad esaltare il movimento ustascia. Tra il pubblico dei suoi concerti si possono vedere regolarmente dei giovani con indosso i simboli ustascia, e il noto cantante non li ha mai invitati una sola volta a non farlo.

Thompson è appoggiato da molti politici in Croazia, i quali ritengono che la sua vicinanza possa portar loro i voti dell'elettorato. È interessante che il suo concerto di Zagabria, al quale erano presenti circa 60.000 persone, perlopiù giovani, sia stato organizzato dalla città di Zagabria, a capo della quale c'è Milan Bandic, membro del Partito socialdemocratico.

Anche nei circoli della Chiesa cattolica Thompson gode di un certo appoggio. L'ordinario militare, il vescovo di Zagabria Juraj Jezerinac, ha letto alcune righe delle sue canzoni durante la liturgia a Vukovar, e quando i giornali hanno pubblicato la notizia, ha detto di non sapere che fosse Thompson l'autore di quegli scritti.

Dal momento che le cose evidentemente sono iniziate a sfuggire di mano, e dal momento che al premier Ivo Sanader di certo non serve questa immagine della Croazia alla vigilia dei negoziati per l'ingresso in Unione europea, ecco che per l'esaltazione dei simboli nazisti iniziano ad arrivare anche le prime sanzioni.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.