bocce ferme

Bocce ferme (basheertome /Flickr)

Sullo sfondo della visita papale, che riporterà per qualche giorno sull’isola i media mondiali, e nonostante i recenti segnali di apertura tra Ankara e Atene, Cipro sembra condannata all’immobilità

04/06/2010 - 

E' stallo nei negoziati di pace tra Nord e Sud e non si parla più di riunificazione ma restano aperti i contenziosi tra le comunità greca e turca. Vi proponiamo i nostri più recenti reportage

 

 

 

 

Per approfondire

   

Dal sacro al rap

Sullo sfondo del ricambio al vertice a Cipro nord, resta nel segno del degrado il presente di tante chiese e monasteri, sacri alla cristianità orientale ortodossa. Chiesette bizantine profanate e trasformate in discoteche, luoghi d’incontro per rave parties, e persino in pizzerie o stalle

 

Eroğlu, la vecchia guardia

Il dibattito in Turchia sui risultati del voto a Cipro nord. Le conseguenze per il percorso di adesione di Ankara all'Unione Europea, il futuro dei negoziati sulla riunificazione dell'isola

 

Un nazionalista alla presidenza

Svolta nelle elezioni a Cipro nord di domenica 18 aprile. I turco-ciprioti hanno premiato lo sfidante Eroglu contro il leader uscente Talat. Un possibile freno al cammino di unificazione con il sud greco dell'isola, visto che la proposta del primo punta alla divisione in due Stati. E Ankara corre ai ripari

 

 

 

 


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.