I cugini Lukic durante il processo

Lo scorso 20 luglio il Tribunale dell'Aja ha condannato Milan Lukić all'ergastolo ed il cugino Sredoje a trent'anni di reclusione. Il tribunale li ha ritenuti colpevoli di crimini di guerra commessi nella regione di Višegrad tra il 1992 e il 1994

23/07/2009 -  Anonymous User

Da BIRN, Balkan Insight, 20 luglio 2009, (tit. orig. "Lukic Sentenced for War Crimes")

Nel verdetto di primo grado emesso dal Tribunale, Milan e Sredoje Lukić sono stati riconosciuti colpevoli di numerosi crimini commessi nella regione di Višegrad tra il 1992 e il 1994. Sono stati condannati rispettivamente all'ergastolo e a trent'anni di reclusione.

L'atto di accusa stabilisce che Milan Lukić era comandante di un gruppo paramilitare dal nome « Le aquile bianche », e inoltre « I vendicatori », formato da serbi di Bosnia e Višegrad. Sredoje Lukić era anche lui « membro di un gruppo paramilitare ». Quest'ultimo lavorava come poliziotto a Višegrad prima e dopo la guerra.

«Gli incendi della via Pionirska e sulla collina di Bikavac (Višegrad) rappresentano uno dei peggiori crimini commessi contro degli esseri umani di una storia lunga e terribile. Alla fine del ventesimo secolo questi avvenimenti orribili emergono per il loro carattere particolarmente sinistro: un inferno terrificante, l'esistenza innegabile di intenzionalità e di una vera e propria pianificazione, senza contare l'impudenza e la brutalità con le quali vittime civili innocenti sono state chiuse in una casa poi data alle fiamme. Tutto questo fa gelare il sangue », ha dichiarato il giudice Patrick Robinson dopo la sua decisione.

Il Tribunale ha provato che un gruppo di circa trenta civili bosgnacchi sono stati portati in una casa in via Pionirska, a Višegrad, dove sono stati «spogliati da uomini armati che li minacciavano». I civili sono stati poi spostati in un'altra casa e chiusi in una stanza del piano terra. Gli inquirenti hanno scoperto prove del fatto che liquido infiammabile è stato versato sulla moquette della camera. Infine un ordigno esplosivo vi è stato lanciato dentro. Nel violento incendio che ne è seguito sarebbero morte 59 persone.

«Le prove dimostrano che Milan Lukić ha bloccato lui stesso la porta una volta che il gruppo è stato rinchiuso nella stanza. E' lui poi che ha lanciato l'ordigno esplosivo che ha causato l'incendio. Il Tribunale inoltre ha dimostrato che quest'ultimo avrebbe inoltre sparato su chi tentava di mettersi in salvo dalle finestre della casa», ha continuato il giudice Robinson.

Nella sentenza di condanna a Sredoje Lukić la Corte ha stabilito che «nonostante non esista evidenza che abbia messo a fuoco lui stesso la casa, o sparato alle finestre» l'accusato ha comunque «contribuito considerevolmente» alla morte di 59 persone, anche solo per «la sua presenza e per il fatto che era armato». Ha così « partecipato a gesti crudeli e atti inumani ».

L'atto di accusa stabilisce che sarebbero 17 i bambini di meno di 14 anni che figurano tra le vittime uccise in via Pionirska.

Chiarendo la propria decisione di condannare i cugini Lukić anche per aver bruciato vive circa 70 persone in un'altra casa situata sulla collina di Bikavac, il Tribunale ha affermato di aver raccolto la testimonianza di Zehra Turijacanin, la sola sopravvissuta a quell'atrocità, precisando che quest'ultima è stata « testimone della verità ».

« Zehra Turijacanin è una persona profondamente triste e dal destino tragico, ma allo stesso tempo eroica ... I testimoni si ricordano chiaramente le grida terribili che uscivano dalla casa, grida che assomigliavano a miagolii di gatto ... Il Tribunale ha stimato che almeno 60 civili sono stati bruciati vivi in quest'occasione », ha aggiunto il giudice Robinson. « Milan Lukić ha giocato un ruolo cruciale in questi avvenimenti che si sono verificati in via Pionirska e sulla collina di Bikavac », ha concluso la Corte.

I cugini Lukić sono stati inoltre riconosciuti colpevoli di avere picchiato detenuti maschi nel campo di detenzione di Uzamnica, nel comune di Višegrad, tra l'agosto 1992 e l'ottobre 1994.

« Le prove dimostrano che questi due individui hanno visitato frequentemente il campo di detenzione, anche se Sredoje vi si è recato meno sovente di Milan. Quando si trovavano nel campo i due uomini picchiavano brutalmente i prigionieri, a più riprese, con calci, pugni e il calcio dei loro fucili », ha raccontato il giudice.

Milan Lukić è stato inoltre ritenuto colpevole dell'omicidio di numerose persone presso il fiume Drina e nel mobilificio Varda. «  Milan Lukić non ha mai ceduto alle implorazioni delle vittime che gli chiedevano di non ucciderle. Avveniva piuttosto il contrario e ordinava ai soldati di abbatterle immediatamente », ha concluso il Tribunale.

Nella sentenza si afferma che gli alibi proposti dagli avvocati della difesa dei Lukić non si sono rivelati altro che « invenzioni ciniche e svuotate di qualsiasi sensibilità », aggiungendo che i procuratori sono riusciti a dimostrare la colpevolezza dei cugini Lukić oltre ogni ragionevole dubbio.

« La Corte è arrivata alla conclusione che Milan Lukić ha personalmente assassinato 132 musulmani ... Ha ucciso Hajra Korić a sangue freddo, senza ragione alcuna e con disinvoltura ... Ha persino riso rigirando il suo corpo con un piede; le ha infine sparato un colpo nella schiena » ha stabilito il Tribunale.

La Corte ha inoltre evidenziato che « numerose prove parziali » relative agli accusati sono state presentate durante il processo, relative a « omicidi, stupri e sevizie fisiche ». Ciononostante « tenuto conto che i cugini Lukić non erano sotto accusa per questi crimini, la Corte non ha determinato la loro responsabilità in merito a questi avvenimenti ».

Le vittime di Višegrad protestano da più anni in merito a questa situazione. Rimproverano ai procuratori del Tribunale dell'Aja di non aver inserito nei loro atti di accusa contro Milan Lukić numerosi casi di stupro che sarebbero stati commessi a Višegrad, in particolare quelli che sarebbero stati commessi negli stabilimenti termali di Vilina vlas.

In un rapporto dell'Onu sugli stupri commessi in Bosnia Erzegovina, redatto nel 1994, Vilina vlas viene citata come uno dei luoghi dove si sarebbero verificati numerosi stupri. Questo luogo viene inoltre citato come luogo di detenzione dove sarebbero state recluse bambine di meno di 14 anni.

Il processo a Milan e Sredoje Lukić sarà l'ultimo davanti al Tribunale dell'Aja del quale gli accusati sono persone direttamente coinvolte nei fatti atroci contestati loro.

« Nel corso di tutti i loro processi, i procuratori dell'Aja non hanno individuato un solo capo paramilitare di cui il livello di responsabilità o la gravità dei crimini corrispondano a quelli che sono stati esaminati in merito a Milan Lukić », ha assicurato il TPIY alla fine del processo.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.