Il premio Darko Bratina va quest'anno al produttore e regista armeno Harutyun Khachatryan. A Gorizia, Lubiana, Trieste e Udine una tre giorni a lui dedicata

03/12/2009 -  Nicola Falcinella Gorizia

Va al documentarista e produttore armeno Harutyun Khachatryan il "Premio Darko Bratina - omaggio a una visione" del Kinoatelje di Gorizia. Il cineasta caucasico sarà ospite da oggi a sabato di una tre giorni di proiezioni, workshop e incontri che toccherà Gorizia, Lubiana, Trieste e Udine.

Dopo Maja Weiss, Srdjan Vuletić, Jan Cvitkovič, Aljoša Žerjal, Demetrio Volcic, Edi Šelhaus, Želimir Žilnik, Adela Peeva e Petra Seliškar, il riconoscimento dedicato al fondatore del Kinoatelje - proseguendone l'idea di film, video e televisione come "strumento migliore per scoprire la società, la sua storia e cultura" - guarda più a est, a un cinema meno conosciuto. Il prescelto è un autore cinquantaquattrenne, con diverse opere all'attivo e più volte presente nei festival italiani, la più recente a quello dei Popoli di Firenze un mese fa, dove il suo "Sahman - Confine" è stato accolto con grande calore e interesse anche se senza premi.

"Con la sua poetica d'autore e la sua fotografia emotiva - è scritto tra le motivazioni del premio - il maestro armeno rappresenta in modo ottimale la realtà e la cultura della sua terra. Attivo dal 1981 come regista, è divenuto poi direttore del Dipartimento documentari presso la principale istituzione cinematografica armena, l'Hayfilm/Armenfilm. Khachatryan è anche cofondatore e direttore del festival del cinema internazionale Golden Apricot di Yerevan, un'importante piattaforma per lo scambio interculturale, che mette a disposizione opportunità, esperienze e possibilità formazione per lo sviluppo della cultura cinematografica armena".

L'appuntamento goriziano si aprirà alle 18 nella sala 2 del Kinemax Gorizia con il concerto di benvenuto: di scena il gruppo di jazz contemporaneo Armenian Soundscape. Seguirà alle 20.30 la consegna del premio e la proiezione di "Sahman" (2009).

Un film realizzato al confine tra Armenia e Azerbaijan, dove vivono i reduci e i tanti rifugiati dai conflitti che hanno insanguinato la regione. Per loro il tempo non sembra passare, ma un giorno alcuni di loro trovano un bufalo e lo portano nella fattoria in cui vivono. E accade qualcosa di nuovo. Khachatryan ricostruisce una storia da lui stesso vissuta alcuni anni fa, raccontando al tempo stesso l'impronta della guerra nelle coscienze e nei corpi delle persone. Sullo stesso confine il regista aveva fatto "Ritorno alla Terra Promessa" (1991), uno dei primi lavori a dargli notorietà internazionale.

Successivi sono "Verjin Kayaran - The Last Station" (1994), "Vaveragrogh - Documentarist" (2003, considerato il suo capolavoro e anche questo proiettato a Gorizia) e "Poeti Veradardze - Return of the Poet" (2005).

Domani, sempre al Kinemax Gorizia, il cineasta armeno sarà protagonista di un workshop in cui illustrerà la sua duplice attività di regista e produttore a partire dalle 10. In serata alle 19 "Sahman" sarà proiettato al Kinodovr di Lubiana. Sabato mattina alle 11 Khachatryan incontrerà il pubblico triestino al Caffè San Marco di Trieste e alle 18 proiezione e incontro al Visionario di Udine.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.