Sabato gli armeni voteranno per il nuovo parlamento, in uno scrutinio che rappresenta un test per la democrazia nel paese. Partito repubblicano e Armenia prospera dominano la scena elettorale

10/05/2007 -  Anonymous User

Di: Rita Karapetian*, Yerevan, per IWPR, 3 maggio 2007 (tit. or.: Armenia: Regime Parties Dominate Poll)
Traduzione per Osservatorio sui Balcani: Maddalena Parolin

Due partiti rivali, entrambi collegati all'élite al governo, stanno dominando la scena delle elezioni parlamentari in Armenia, e gran parte dello spettacolo è offerto dagli strani contrasti tra di loro. Il voto è largamente ritenuto una prova generale per le elezioni presidenziali del prossimo anno.

"Il 12 maggio la sfida principale sarà tra forze politiche interne al sistema di potere," ha affermato Samvel Nikoyan, deputato parlamentare del Partito Repubblicano - uno dei due partiti che stanno dominando il periodo pre-elettorale. Esclude la possibilità che l'opposizione conquisti la maggioranza parlamentare.

Il Partito Repubblicano, che attualmente costituisce la forza principale in parlamento, è guidato da Serzh Sarkisian, divenuto recentemente primo ministro dopo molti anni come ministro della difesa. Sarkisian è anche il favorito come successore di Robert Kocharian quando, il prossimo anno, scadrà il suo secondo ed ultimo mandato presidenziale.

Il principale rivale del partito è Armenia Prospera, movimento elettorale fondato da un uomo spesso definito il più ricco imprenditore del paese, l'ex campione di lotta Gagik Tsarukian. Armenia Prospera ha stretti legami con il presidente armeno Kocharian.

I leader dei due partiti, che fanno la parte del leone nella copertura televisiva delle notizie, non si criticano l'un l'altro, ma gli osservatori vedono una tensione coperta.

Dei 131 seggi parlamentari, 41 verranno eletti nelle circoscrizioni e 90 proporzionalmente dalle liste dei partiti che raccoglieranno più del cinque per cento dei voti totali. La battaglia nelle 41 circoscrizioni che coprono il paese non sarà solo tra i candidati dei partiti, ma anche tra candidati nominati da gruppi di elettori.

I programmi dei due partiti sono simili. Tsarukian ha affermato che il Partito Repubblicano ha ottenuto alti tassi di crescita economica, che il suo partito intende veder continuare.

Vardan Bostanjian, uno dei leader di Armenia Prospera, ha dichiarato di "voler bene al Partito Repubblicano di Armenia e di non ritenerlo un nemico ma un rivale".

Il leader parlamentare del Partito Repubblicano Galust Sahakian pensa che sia possibile che i due partiti collaborino nel prossimo parlamento.

La rivalità tra i due partiti è per lo più nascosta e oggetto di voci e speculazioni. Due degli uffici di Armenia Prospera ad Yerevan sono stati devastati da delle esplosioni in aprile. Secondo un comunicato stampa, dietro gli attentati vi sarebbero attivisti del Partito Repubblicano, ma altre fonti incolpano lo stesso Armenia Prospera.

In seguito agli incidenti, Armenia Prospera ha emesso un appello affinché la campagna elettorale rimanga una lotta civile, mentre il Partito Repubblicano ha dichiarato che ci sarebbero forze che stanno tentando di destabilizzare la situazione. Molti osservatori hanno visto tali affermazioni da parte dei due partiti favoriti come dirette l'una contro l'altro - nonostante non siano stati fatti nomi.

Il commentatore politico Vahan Vardanian ha affermato che qualsiasi sia l'accordo concluso ai vertici, non ci sarebbe alcuna intesa sulla divisione di ruoli tra figure di secondo piano dopo le elezioni.

Un politico dei vertici dell'opposizione, Suren Sureniants, ha commentato che nessuno dei due dovrebbe essere definito un vero partito.

"C'è il simil-partito Repubblicano che serve gli interessi del clan di Serzh Sarkisian e il simil-partito Armenia Prospera che serve gli interessi degli oligarchi raccolti attorno a Robert Kocharian," afferma Sureniants.

L'amicizia ed alleanza politica di Kocharian e Sarkisian, che vengono entrambi dal Nagorno Karabakh, risale ad oltre 20 anni fa. Alcuni prevedono che dopo il suo ritiro, Kocharian punterà a divenire primo ministro, se Sarkisian diventerà presidente.

Sarkisian ha dichiarato che renderà note le proprie intenzioni il 13 maggio, il giorno dopo le elezioni parlamentari. Ha già iniziato a fare viaggi ad alto livello in giro per il paese e sta guidando la campagna elettorale del Partito Repubblicano praticamente da solo, tenendo comizi con gli elettori e comparendo in televisione. Non solo è ritratto nella pubblicità elettorale del partito, ma si vede costantemente nei notiziari televisivi.

Edvard Antinian, vicepresidente del Partito Liberale Progressista d'Armenia, sostiene che la nomina di Sarkisian come primo ministro al posto di Andranik Margarian, morto inaspettatamente in marzo per un attacco cardiaco, abbia danneggiato le possibilità di Sarkisian di divenire presidente.

"Sarebbe stato meglio per Sarkisian se avesse continuato ad essere l'eminenza grigia che controllava il governo da dietro le quinte," ha spiegato ad IWPR Antinian, stando al quale le ambizioni presidenziali di Sarkisian sarebbero state rivelate troppo presto.
Secondo Antinian, l'avanzamento di Sarkisian a capo del Partito Repubblicano avrebbe rafforzato la posizione delle fazioni del partito legate ai militari e alla difesa, rendendole più aggressive verso Armenia Prospera.

"Fino a poco tempo fa i partiti coordinavano le proprie azioni, ma questo non avviene più," ha dichiarato Antinian.

La coalizione al governo, formata dopo le ultime elezioni parlamentari nel 2003 dal Partito Repubblicano, il vecchio partito nazionalista Dashnaktsutiun e il partito Orinats Yerkir, si è disfatta. Dashnaktsutiun è ora critico del governo, mentre Orinats Yerkir e il suo leader, l'ex presidente del parlamento Artur Baghdasarian, sono andati in direzioni opposte.

Uno dei leader di Dashnaktsutiun, Hrant Margarian, ha annunciato che il partito non avrebbe appoggiato Sarkisian nell'elezione parlamentare ma avrebbe nominato il proprio candidato.

Baghdasarian ha anche ambizioni presidenziali e si presenta come uno dei maggiori critici dell'élite al governo - cosa che recentemente gli ha causato dei problemi.

Il giornale in lingua russa Golos Armenii ha pubblicato recentemente la trascrizione di una conversazione registrata che avrebbe avuto luogo in un ristorante a Yerevan tra Baghdasarian e il diplomatico britannico Richard Hyde.

Nella conversazione, si sente Baghdasarian sostenere che gli osservatori internazionali dovranno denunciare con decisione il risultato delle elezioni parlamentari.

Il presidente Kocharian ha definito Baghdasarian un traditore. "E' difficile immaginare che un ex presidente del parlamento possa cadere così in basso," ha detto. "Qualcuno che ha tradito una volta è in grado di farlo nuovamente."

Baghdasarian ha affermato che la pubblicazione sarebbe stata una "provocazione" architettata per screditarlo prima delle elezioni presidenziali, alle quali progetta di candidarsi.

Così come il Partito Repubblicano, Armenia Prospera e i due ex membri della coalizione governativa, gli osservatori indicano altri due partiti d'opposizione con buone chance di vincere seggi in parlamento - Unità Nazionale dell'ex sindaco di Yerevan Artashes Geghamian e Eredità dell'ex ministro degli esteri Raffi Hovanissian.

*Rita Karapetian è corrispondente per l'agenzia stampa Noyan Tapan ad Yerevan


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.