Logo di Mjaft!

Basta!, in albanese Mjaft! è il nome della più attiva organizzazione non governativa albanese. A questo gruppo di giovani spetta il merito di aver risvegliato l'assopita società civile del Paese delle aquile. Nostra intervista con uno dei responsabili di Mjaft!

25/03/2005 -  Indrit Maraku

Due anni fa, la società civile albanese cominciava a svegliarsi da un sonno durato parecchio tempo. Un sonno interrotto dal fracasso di una protesta nuova, colorata, spesso simpatica. Una protesta contro il potere, in favore della gente: per le strade di Tirana erano scesi i "ragazzi di MJAFT!" - come li chiamano per la loro giovane età - per dire a tutti BASTA!.
Tutto inizia nel marzo del 2003 quando la Lega dei giovani balcanici (www.balkansyouth.org) e l'Organizzazione nazionale per il dibattito, insieme a più di 60 organizzazioni partner avviano una campagna di 5 mesi denominata "Mjaft!" (Basta!), una forma di reazione pubblica verso i continui problemi politici, sociali ed economici nel Paese. Nell'arco di qualche mese, visti i risultati, si decide di far diventare "Mjaft!" un movimento permanente.
Con la loro tenacia e la loro franchezza guadagnano subito la simpatia dell'opinione pubblica e quella dei media. Il 1° Aprile del 2003, nel "giorno delle bugie", come viene chiamato in Albania il "pesce d'aprile", "Mjaft!" passa per il centro di Tirana con uno striscione dove c'era scritto: "Cari politici, buona festa!" Nel gennaio del 2004 invece, dopo il naufragio di un gommone al largo di Valona dove persero la vita decine di emigranti albanesi, il numero uno del movimento Erion Veliaj si presenta in un incontro con il Premier con una maglietta con scritto sopra: "Signor Nano, non ha ancora chiesto scusa!". Il Premier veniva accusato di non aver interrotto le vacanze neanche di fronte a quella tragedia.
La forza della protesta di "Mjaft!" è riuscita addirittura a far modificare le leggi, in altri casi ad aumentare il budget a disposizione del Ministero dell'istruzione, ritenuto troppo esiguo. Ma a due anni dalla sua creazione, il risultato più importante che il movimento ha raggiunto è quello di aver svegliato l'opinione pubblica albanese dall'apatia nella quale vegetava. Un riconoscimento in questo senso è arrivato a "Mjaft!" nel novembre scorso anche dalle Nazioni Unite, che ha assegnato al movimento il Premio per la società civile 2004.
Sokol Shameti, giornalista e responsabile per le comunicazioni coi media di "Mjaft!" spiega in un'intervista per Osservatorio sui Balcani il percorso di questi 2 anni e le difficoltà che il movimento ha incontrato sul suo cammino.

Osservatorio sui Balcani: Quali sono le attività principali di "Mjaft!"?

Sokol Shameti: Abbiamo cercato di fare in modo che tutto assomigliasse ad una costruzione basata su solidi pilastri. Uno di questi pilastri è il risveglio dall'apatia dei cittadini, un altro è la riabilitazione del senso della protesta, ma ce ne è anche un terzo che riguarda il miglioramento dell'immagine dell'Albania nel mondo. Naturalmente ci sono anche altri motivi per i quali il "meccanismo" di "Mjaft!" può essere messo in moto.

OB: Sul vostro sito (www.mjaft.org) si può consultare una lunga lista di Ong con le quali collaborate. Avete contatti con qualcuna dei Paesi balcanici oppure qualche Ong italiana?

Sokol Shameti: Nei Balcani alimentiamo una buona fratellanza - anche se per adesso a distanza - con alcune organizzazioni che operano nel campo dell'attivismo urbano e della resistenza civica. Abbiamo contatti con amici della Macedonia, Kosovo, Bulgaria e Grecia. Abbiamo constatato un forte legame spirituale con i ragazzi di OTPOR in Serbia.
Per quel che riguarda i movimenti simili italiani, purtroppo non abbiamo ancora avuto l'opportunità di creare delle relazioni con loro. Ma ad ogni modo ciò non significa che non abbiamo voluto o che non stiamo lavorando per creare dei contatti.

OB: Come vi sembra l'operato delle altre Ong in Albania? C'è stata una emulazione del vostro stile di protesta?

Sokol Shameti: Notiamo con gioia che in questi due anni c'è stata una rinascita di tutto il settore della società civile in Albania. Un risveglio dall'apatia e un allontanamento da un modo di lavorare che di fino ad ora consisteva in pranzi e cene infinite e inutili workshop. Noi pensiamo che la società civile sia un prodotto ed un valore della comunità di un Paese, perciò incoraggiamo la sua crescita. Constatiamo che c'è realmente un cambiamento di rotta ed un rafforzamento della sua voce. Naturalmente esistono anche problemi, imitazioni a volte maliziose e concorrenza "sleale" se si può chiamarla così. Ma in fin dei conti lottiamo tutti per lo stesso obiettivo: un Albania migliore. Almeno questa è la nostra missione.

OB: Com'è riuscita "Mjaft!" ad assicurarsi l'appoggio dell'opinione pubblica albanese?

Sokol Shameti: Credo che un motivo sia il nostro essere diretti. Ciò che credo susciti la simpatia della gente per "Mjaft" è che la maggior parte delle azioni di questo movimento hanno centrato i problemi direttamente, senza tanti giri di belle parole. Molte persone hanno visto nell'attività di un gruppo di giovani, esattamente ciò che avrebbero voluto fare loro stessi se avessero avuto la possibilità.

OB: La comunicazione sembra essere il vostro cavallo di battaglia. Si dice che avete un appoggio mai visto prima anche da parte dei media. Come ve lo spiegate? È un caso che il responsabile per la comunicazione coi media sia proprio un giornalista, oppure fa parte della strategia?

Sokol Shameti: Noi diamo molta attenzione alle relazioni col pubblico e per dare il meglio in questa ottica, serve un sentimento di condivisione coi canali che trasmettono il messaggio al pubblico. Si arriva così ai media. Sì, è vero che abbiamo avuto un grandissimo appoggio dalla comunità dei giornalisti. Questo riguarda il nostro modo di lavorare nella sezione di "Mjaft!" dedicata alle relazione coi media, ma soprattutto con la filosofia su cui è stata costruita "Mjaft!". Quello che abbiamo cercato di spiegare è che questo movimento non è proprietà di alcuni ragazzi in Via Elbasani n. 77. Questo mezzo è soprattutto dei giornalisti, degli operatori della stampa, che in qualche modo noi chiamiamo fabbri dell'opinione. Ai nostri occhi, i media sono parte della società civile.

OB: Oltre le problematiche interne, "Mjaft!" ha cercato di cambiare anche l'immagine dell'Albania nel mondo: "Team Albania", la squadra di medici albanesi mandata nei Paesi del sud-est asiatico colpiti dal maremoto, è solo un esempio. Che altro avete in programma in questa direzione?

Sokol Shameti: Come individuo, nei rapporti col mondo esterno, ti puoi trovare di fronte a due opzioni. Una serie di azioni che ti farebbero arrossire ed una serie di azioni che ti farebbero sentire fiero. Succede la stessa cosa quando non sei più un individuo, ma un gruppo o un'organizzazione. Puoi scegliere se litigare e far ridere il mondo, durante le conferenze internazionali, com'è successo poche settimane fa con la delegazione albanese all'Osce. Oppure potete essere anche due genitori albanesi che donano gli organi del loro figlio morto in un incidente, ad un bambino straniero che sta lottando con la morte. È tutta una questione di responsabilità o irresponsabilità. Noi di "Mjaft!" abbiamo preferito la prima.

OB: "Mjaft!" ha dichiarato pubblicamente di essere stata spesso "sotto il mirino delle autorità". Può spiegarci più concretamente come? Cosa è successo? Ci sono state minacce o violenze nei confronti di qualche membro della vostra organizzazione?

Sokol Shameti: In alcuni casi, quando il movimento si occupava di campagne che toccavano interessi non tanto puliti delle autorità, ci sono stati casi di intimidazioni, ma anche di membri fermati e interrogati dalla polizia. L'estate scorsa mentre eravamo coinvolti in un numero di attività contro un impianto di smaltimento dei rifiuti nella periferia di Tirana, la polizia ha fermato un nostro attivista. La stessa cosa è successa anche con un altro nostro attivista l'ottobre scorso, quando "Mjaft!" iniziò una campagna contro il Premier, il quale nei giorni in cui, a causa di un grave incidente, morirono molti giovani kosovari che stavano visitando l'Albania, è stato ripreso mentre si divertiva in un pub notturno in Grecia. Naturalmente non si tratta di una pressione continua. Capita che a volte i controlli della Polizia finanziaria diventino più frequenti, multe ingiustificate della Polizia stradale alle auto con il simbolo del movimento. Ma come ho detto, questo succede "a sessioni".

OB: Nel luglio 2004 siete stati invitati dal Congresso degli Usa per parlare della situazione in Albania. Vi sentite in qualche modo portavoce dell'opinione pubblica albanese?

Sokol Shameti: Sì e no. L'opinione pubblica albanese, per molto tempo, è stata rappresentata nelle istituzioni internazionali da persone sbagliate che non hanno saputo articolare la propria voce come si deve. Non pretendiamo di essere noi quelli che sanno farlo meglio. L'opinione pubblica ha mille modi per esprimere la sua preoccupazione. A luglio siamo stati scelti noi per fare da "altoparlante", e abbiamo detto grazie. Speriamo di aver legittimato la fiducia dataci.

OB: Il Premier Nano ha dichiarato "che Mjaft! non basta", definendo l'organizzazione "un movimento da marciapiedi" e invitando contemporaneamente il FRESSH (Forum dei giovani socialisti) ad intraprendere una attività simile alla vostra. Pensate realmente che "Mjaft!" non basti più, adesso che la società civile albanese sembra essersi svegliata?

Sokol Shameti: Naturalmente, un leader politico sognerebbe l'assenza dell'opposizione in generale, e non solo di quella politica. Notiamo con preoccupazione che è in atto un palese tentativo del Premier di svestire la società albanese dai suoi prodotti indipendenti della critica, offrendo in modo ridicolo che questo compito venga svolto da qualche struttura del partito che si trova sotto l'egida della leadership, com'è il caso del FRESSH.
Il Premier cerca di denigrare "Mjaft!" definendola "un movimento da marciapiedi", ma deve sapere che ci sarà sempre bisogno di qualcuno che faccia il ruolo del "watchdog". Un cade da guardia che abbaia ogni qual volta lui tenti di valicare il recinto delle sue competenze.

OB: Vedendo la simpatia che avete creato tra la gente in questi due anni, c'è stato qualche politico che ha tentato di farvi diventare amici?

Sokol Shameti: Ci sono stati alcuni inviti, da diverse parti della politica. Noi pensiamo che la politica abbia bisogno di contributi per emanciparsi e per offrire alla gente più alternative. Ma crediamo che questo non sia compito di "Mjaft!". Noi abbiamo già molto da fare nel settore della società civile. Per di più, molte delle offerte politiche che ci sono state fatte, si notano da lontano che non sono sincere. Molte di esse cercano di assorbire l'appoggio che ha "Mjaf!" per metterlo a servizio dei loro interessi.

OB: Lei personalmente ha definito "Mjaft!" come una "articolazione del malcontento dei cittadini", di quella parte della popolazione che spesso viene chiamata anche il "Partito della maggioranza silenziosa". Pensa che un giorno questa articolazione possa prendere una forma politica, rappresentata anche nel Parlamento albanese?

Sokol Shameti: Sinceramente, non saprei fornire una prognosi esatta. Tutto può succedere. Ma non in tempi brevi o medi.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.