Da: www.themoscowtimes.com

Un concorso di bellezza offre una tregua dalla triste realtà, ma fa infuriare i conservatori. Una traduzione tratta da IWPR

13/06/2006 -  Anonymous User

Di Kazbek Tsurayev e Leila Baisultanova* per IWPR , 1 giugno 2006
Traduzione di Gaia Baracetti (titolo originale: "Storm Over Miss Chechnya Contest")

L'elezione di "Miss Cecenia" la scorsa settimana è apparsa ad alcuni come un segno che la repubblica, devastata dalla guerra, si sta lasciando i tempi bui alle spalle, mentre altri si sono scandalizzati per il concorso, definendolo un'offesa all'Islam e una manovra di pubbliche relazioni.

Il concorso di bellezza si è tenuto il 28 maggio nella sala concerti della Società Filarmonica dello stato. Diciannove delle 300 concorrenti tra i 15 e i 24 anni sono state selezionate per partecipare alla finale di "Bellezza Cecena 2006".

"Vogliamo che la Cecenia smetta di essere associata a uomini barbuti che imbracciano fucili", si afferma nel comunicato stampa ufficiale del governo ceceno nell'introdurre la competizione. "Non è un segreto che alle donne nella repubblica viene data poca importanza. Ora una bella ragazza diventerà il simbolo del nostro paese e dimostreremo che non stiamo peggio di altri stati."

Il comunicato stampa insiste sul fatto che Bellezza Cecena 2006 non è solo una gara di bellezza, ma "un tentativo di trovare una ragazza che sia un modello per i giovani, che difenda i valori spirituali, uno stile di vita sano, la cultura e la gentilezza."

Tuttavia, molti ceceni disapprovano l'esibizione pubblica della bellezza femminile che, dicono, contrasta con le tradizioni islamiche. Gli organizzatori hanno invitato rappresentanti del clero musulmano della repubblica a una delle prove, per confermare la decenza dell'evento. Su richiesta del clero, la giuria era composta da sole donne e rappresentanti dell'intellighenzia culturale, mentre tutte le concorrenti erano nubili, e non c'era la tradizionale parata in costume da bagno.

Nonostante ciò una delle concorrenti, Roza Khalayeva, si è ritirata dalla gara su insistenza dei parenti. Un'altra ha detto al canale televisivo ORT: "Ho passato così tanto tempo a cercare di convincerli a lasciarmi partecipare! Non sarebbero mai stati d'accordo, se non gli avessi detto che la gara era promossa dal governo e aveva lo scopo di rafforzare le tradizioni della nostra terra."

Le finaliste hanna cantato, si sono esibite in danze tradizionali e hanno sfoggiato la propria conoscenza dei costumi, delle tradizioni e della cultura del popolo ceceno. Star russe hanno intrattenuto il pubblico durante gli intervalli. Il celebre attore russo Dmitry Kharatian ha presentato lo spettacolo.

La vincitrice del concorso è Zamira Jabrailova, una studentessa quindicenne. Oltre al titolo di "Miss Bellezza Cecena", ha vinto una macchina Toyota, che però è troppo giovane per guidare.

Zamira ha strappato un fragoroso applauso quando ha detto che comincia le sue giornate con una preghiera. Gli spettatori hanno appreso che è una studentessa del decimo anno in una scuola di Grozny, che balla nella compagnia Vainakh e che ha un fratello più giovane. Sua madre ha cresciuto i figli da sola, perchè il padre, un poliziotto, è stato ucciso in una sparatoria diversi anni fa. Nel suo discorso finale, la vincitrice ha dimostrato di aver capito il significato politico dell'evento dicendo: "Ringrazio mia madre e ringrazio il nostro defunto presidente Akhmat Kadyrov per aver fermato questa guerra."

Due altre quindicenni, le sorelle Fatima e Janora Khazuyeva, erano finaliste e hanno ricevuto una macchina Zhiguli da parte della Fondazione Kadyrov (fondata per onorare il defunto leader filorusso), che era uno degli organizzatori dell'evento. Tutte le altre partecipanti hanno vinto qualcosa: una macchina, un viaggio all'estero o gioielli.

In realtà questo non è il primo concorso di bellezza in Cecenia. Nel 1988, l'ormai defunto Comitato Komsomol (Giovani Comunisti) organizzò una gara vinta da un'inguscia di Grozny, Leila Fargieva. E all'inizio del ventesimo secolo Dara Chermoyeva, la figlia di un petroliere, nata in Cecenia, vinse una gara di bellezza a Parigi.

Gli organizzatori hanno promesso che a Zamira, come alle altre ragazze provenienti dalle repubbliche islamiche, sarà permesso di non indossare il costume da bagno quando parteciperà a gare di bellezza russe.

Tuttavia, l'immagine pulita della competizione è stata rovinata dai resoconti di quello che è successo poi alla cena post-concorso in un ristorante nella città di Gudermes.

Il resoconto più dettagliato è apparso nel giornale Kommersant di Mosca. Riporta che il ventinovenne primo ministro ceceno Ramzan Kadyrov (figlio del defunto presidente Akhmad Kadyrov), che era seduto accanto al presentatore Dmitry Kharatian, ha dichiarato che "le donne cecene sono le donne più belle e dovrebbero essere inondate di oro e diamanti." E ha mantenuto la promessa: quando le concorrenti sono uscite per ballare il ballo tradizionale ceceno della lezghinka con gli uomini della sicurezza, l'assitente di Kadyrov ha fatto cadere banconote da mille rubli e cento dollari sulle danzatrici."

Il giornalista del Kommersant ritiene di aver visto almeno 30,000 dollari cadere sul pavimento di marmo. Le autorità non hanno commentato queste voci.

L'idea di un concorso di bellezza è stata inizialmente contestata dal clero musulmano della Cecenia. "Il Consiglio spirituale dei musulmani della repubblica cecena ha espresso il suo atteggiamento negativo nei confronti del concorso molte volte", ha detto inizialmente il mufti Daud Selmurzayev. "Una gara di bellezza nella repubblica condotta nonostante le proteste del clero della Cecenia mette a repentaglio i nostri costumi, contraddice i principi morali ceceni e le nostre tradizioni secolari."

Tuttavia, i clericali hanno cambiato idea dopo aver dialogato con il governo.

Le opinioni sull'evento in Cecenia sono divergenti, con alcuni Ceceni che lo descrivono come una boccata d'aria fresca dopo anni di conflitto, mentre altri sostengono che ridicolizza le tradizioni nazionali.

"Le nostre donne hanno avuto così poco per cui essere felici negli ultimi anni", dice Maret Murtazalieva, abitante di Grozny. "La ricostruzione della città è cominciata, stanno lavorando sul viale centrale, e noi siamo già contenti. Una gara di bellezza è una gioia soprattutto per le nostre donne e ragazze."

Idris Amayev dell'organizzazione non governativa Istituto per lo Sviluppo Pubblico non è d'accordo, e considera la gara un "funerale delle tradizioni cecene". "Stanno imponendo in Cecenia un atteggiamento consumistico nei confronti delle donne, come se fossero cavalli in parata", ha dichiarato.

Anche Ziyadi Chadiev, uno sudente del secondo anno all'Istituto del petrolio di Grozny, è critico. "Abbiamo le nostre tradizioni nazionali, siamo musulmani", dice. "Le nostre ragazze non hanno mai sfilato sui podii. Sono contro, ma se si trattasse di un concorso per tutto il Caucaso, penso che sarebbe diverso."

*Kazbek Tsurayev e Leila Baisultanova sono corrispondenti per il giornale Chechenskoye Obschestvo a Grozny


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.