Vladikavkaz, Corte Suprema (Foto: alania.net)

La procura federale russa sta indagando per corruzione alti funzionari dell'Ossezia del Nord. Secondo il presidente della repubblica caucasica le azioni sarebbero un tentativo di sviare l'attenzione rispetto alle indagini fallimentari sulla tragedia di Beslan

13/04/2006 -  Anonymous User

Di Madina Sageyeva, IWPR , 6 aprile 2006
Traduzione per Osservatorio sui Balcani: Maddalena Parolin

Dopo che alti funzionari della repubblica sono stati indagati penalmente si è aperto uno scontro pubblico tra la leadership dell'Ossezia del Nord e la procura russa.

In un discorso concitato al parlamento dell'Ossezia del Nord la scorsa settimana, il presidente della repubblica Taimuraz Mamsurov ha fortemente criticato Mosca per aver preso a bersaglio personaggi pubblici - inclusi diversi dei suoi stretti alleati - mentre dovrebbe investigare sulla tragedia del settembre 2004 nella scuola di Beslan.

"Le indagini penali verso alti funzionari della repubblica sono un tentativo da parte dell'ufficio generale della procura di sviare l'attenzione dalla tragedia di Beslan", ha detto Mamsurov, aggiungendo che "nessuna indagine penale ci distrarrà dall'indagare sull'azione terroristica di Beslan".

Il riferimento a Beslan ha fatto crescere i toni della disputa tra Vladikavkaz e Mosca.

Nel settembre 2004, oltre 330 persone, la maggior parte di loro bambini, persero la vita nella presa in ostaggio da parte di militanti di oltre 1.300 persone in una scuola della città e nell'attacco delle forze di sicurezza per liberarli.

I parenti delle vittime hanno accusato le amministrazioni sia russe che dell'Ossezia del Nord, al tempo guidata dall'ex presidente Alexander Dzasokhov, di aver condotto male le operazioni durante la crisi, causando indirettamente un numero eccessivo di vittime.

Recentemente un gruppo di procuratori russi guidati dal Viceprocuratore Generale Vladimir Kolesnikov sta indagando su una serie di personaggi di spicco dell'Ossezia del Nord.

Il direttore dell'ispettorato delle tasse della repubblica, Chermen Zangiev, è stato destituito l'anno scorso dopo essere stato accusato di evasione fiscale - nonostante questo non gli abbia impedito di candidarsi per il parlamento locale e di venire eletto.

Vladimir Kolesnikov

Kolesnikov ha inoltre avvertito il capo dell'ufficio di Mamsurov, Sergei Takoyev, ed il sindaco della capitale Vladikavkaz, Kazbek Pagiev, che potrebbero venire coinvolti nelle indagini. Il ministro delle finanze Konstantin Urtayev è agli arresti mentre all'ex primo ministro Mikhail Shatalov è stata limitata la libertà di movimento.

"Tutto ciò che abbiamo previsto nei nostri piani verrà portato alla sua logica conclusione", ha affermato Kolesnikov durante il suo ultimo viaggio nell'Ossezia del Nord, il 17 marzo. "Stiamo seguendo da vicino le attività di coloro che non rispettano le leggi e che tentano di sfuggire alle proprie responsabilità".

"Il prossimo mese rinvieremo dieci o dodici persone in giudizio. Le voci che gli inquirenti starebbero sprecando il loro lavoro sono infondate, ma la scala dell'operazione è enorme. C'è moltissimo da fare", ha dichiarato.

L'attacco di Kolesnikov ai vertici dell'Ossezia del Nord ha guadagnato consensi nella repubblica. Molti sembrano felici di vedere fare qualcosa contro quello che ritengono un sistema corrotto.

"Finalmente hanno intrapreso qualcosa di serio", ha affermato Nina Vasilyevna, insegnante, che ha seguito la campagna e spera che porterà a sentenze di condanna. "Ma osservandoli vedo che comunque non sono preoccupati".

Alikhan Kugayev, leader del movimento dell'opposizione Yedinaya Ossezia, commenta che le due questioni del governo disonesto e di Beslan sarebbero direttamente collegate, perché secondo lui l'attacco alla scuola sarebbero stato reso possibile proprio da un sistema corrotto.

"Temo però che se la caveranno tutti con la sospensione delle sentenze. Quelli che hanno rubato saranno stati solamente spaventati" ha detto.

Mamsurov, che è alla guida dell'Ossezia del Nord solamente dallo scorso giugno, quando ha sostituito Dzasokhov, è ora in una posizione difficile.

Mamsurov viene proprio da Beslan, e due dei suoi figli sono stati presi in ostaggio nell'assedio alla scuola. Ha guadagnato fama per aver ripetutamente presentato un'offerta per liberare i suoi figli quando il commando aveva liberato inizialmente alcuni bambini. Sua figlia è rimasta gravemente ferita e si è dovuta sottoporre a molte operazioni.

Ciononostante molti dei famigliari delle vittime di Beslan hanno criticato fortemente il suo operato da quando è diventato leader dell'Ossezia del Nord.

Un funzionario a lui vicino, rimasto anonimo, ha affermato che Mamsurov è stato bersaglio di "vendette personali" e che è stato preso tra "incudine e martello". Mosca da una parte e i parenti delle vittime di Beslan dall'altra: nessuno di loro si fida completamente di lui.

Kolesnikov e i suoi inquirenti si sono recati per la prima volta in Ossezia del Nord lo scorso settembre, per occuparsi del caso Beslan su ordine del presidente russo Vladimir Putin, che aveva appena incontrato alcuni dei parenti. Hanno passato oltre un mese nella repubblica, ma non sono stati in grado di aggiungere molto alla versione ufficiale su quanto accaduto nell'assedio.

Il procuratore di conseguenza ha spostato la sua attenzione sul governo dell'Ossezia del Nord, cominciando dai suoi finanziamenti alla celebre squadra di calcio locale, Alania.

Alania vinse il campionato di calcio russo nel 1995 ed ha migliaia di fan devoti, ma i suoi finanziamenti provenienti dal budget dell'Ossezia del Nord hanno suscitato controversie.

Nel corso dell'indagine, Kolesnikov ha nominato oltre 20 istituzioni pubbliche, incluse alcune nel campo della sanità e dell'educazione, che secondo lui sarebbero sottofinanziate come conseguenza dell'appoggio della repubblica all'Alania club.

Kolesnikov ha dichiarato ai giornalisti che i suoi magistrati avrebbero scoperto gravi irregolarità finanzarie nel governo ed ha implicitamente accusato lo stesso Mamsurov. Ad esempio ha giudicato "assurdo" l'aver approvato una legge retroattiva per modificare il budget dell'Ossezia del Nord quando il denaro era già stato speso.

"Il parlamento approva le leggi e il presidente della repubblica le firma. La domanda che sorge è: perché lo fate?".

Ma Mamsurov ha suggerito che la nuova linea di indagine sarebbe una tattica per coprire il fallimento della procura nel produrre nuove informazioni su Beslan.

Taiuraz Mamsurov

In parlamento, ha suggerito che a seguito dell'incontro di Putin con i cittadini di Beslan, l'anno scorso, le autorità avrebbero raggiunto un "accordo tacito di fare pressione sulla leadership dell'Ossezia del Nord per convincere le vittime a non parlare di come le indagini stavano procedendo".

Ha aggiunto che la sua amministrazione non permetterebbe mai azioni simili, aggiungendo "questo non è accaduto e non può accadere".

Ci sono comunque altri cittadini dell'Ossezia del Nord che approvano la coraggiosa difesa di Mamsurov.

"Tutte le azioni di Kolesnikov assomigliano ad una campagna per distrarre l'attenzione pubblica", ha detto Oleg Teziev, leader del gruppo non governativo Iniziativa Civica.

Secondo Teziev, le autorità indagate dalla squadra di Kolesnikov sono tra i migliori politici della repubblica. "Andrebbe tutto bene - eccetto il fatto che stanno perseguendo le persone sbagliate" ha detto.

"Se l'ufficio del procuratore avesse deciso di affrontare seriamente la corruzione, avrebbe dovuto cominciare con le dogane, le guardie di frontiera e la polizia, non con una squadra di calcio che non si comporta peggio di altre".

Molti osservatori locali sono stupiti da una campagna che sembra creata per minare la credibilità di Mamsurov, da quando Putin stesso lo ha scelto secondo una nuova legge che prevede che i vertici delle amministrazioni regionali, inclusi i presidenti delle repubbliche comprese nella Federazione Russa, dovranno venire designati da Mosca e non più eletti.

"Questo tipo di pressioni sulle autorità non avvengono per caso" ha detto Soslan Tabuyev, un osservatore politico sul sito Ossetia.ru. "Non pare che stiano cercando candidati più adatti e fedeli a Mosca di quanto sia Mamsurov. Sarà piuttosto un tentativo di imporre direttive federali all'Ossezia del Nord, con lo scopo di estendere questo sistema all'intero Caucaso".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.