foto di Anita Clara

Promuovere la conoscenza dei paesi dell'Europa orientale, valorizzare le differenze, sostenere l'identità plurale Europea. Tra i banchi di scuola friulani si scopre la bellezza dell'incontro con i vicini dell'Est

25/03/2008 -  Anita Clara

Gerta e Gjulieta lanciano le ultime occhiate timide alla platea prima di cominciare il loro discorso. L'una è vestita con l'abito tradizionale, l'altra invece indossa una felpa grigia e i blue jeans di ogni giorno. Sono entrambe alunne dell'istituto superiore ITGC "Giuseppe Marchetti" di Gemona del Friuli: 472 allievi suddivisi in 26 classi che includono, sui registri per l'appello e i voti, svariati cognomi stranieri.

Nelle scorse settimane, le due studentesse hanno riempito un grande pannello, posto nel corridoio principale, con disegni, fotografie e cartoline che parlano della loro terra. Lo hanno preparato insieme a Jelena, la loro compagna di scuola proveniente dalla Serbia. E questa sera hanno il compito di presentare al resto dei compagni di scuola -friulani e non-, ai genitori, e al pubblico, il loro Kosovo.

Si tratta di una delle 7 serate monografiche dedicate ai paesi dell'Est Europa e promosse presso l'istituto superiore del Friuli centrale dal gruppo di studio Linkest, che «da diversi anni ormai intreccia scambi con i mondi plurali dell'Altra Europa, quella meno conosciuta, eppure così presente e importante per la nostra comune identità», osserva l'ideatore del progetto, il professor Angelo Floramo, che prosegue: «attraverso questa iniziativa, gli studenti provenienti dall'Est Europa si fanno ambasciatori dei loro paesi d'origine in una serie di incontri culturali, illustrandone la storia, i costumi e la gastronomia, accompagnati di volta in volta da un ospite d'onore, madrina o padrino d'eccellenza, chiamato a contribuire con una sua testimonianza».

Se il mese scorso la giovane Jelena aveva presentato la Serbia assieme a Gilberto Vlaić, professore di Chimica Generale a Trieste, nei prossimi appuntamenti il calendario di Linkest darà spazio alle relazioni riguardanti Bosnia Erzegovina, Croazia, Albania, Moldavia, Polonia: tutti i paesi dell'Europa Orientale che in questa scuola friulana sono rappresentati da uno o più ragazzi arrivati in provincia di Udine come figli di migranti, chi da pochi, chi da molti anni.

«A ciascuno di loro, a turno, spetta il compito di disseminare l'atrio e le aule di 'segni' che raccontano qualcosa della propria vita e del paese dal quale sono venuti», spiega Angelo Floramo che - essendo nato in Friuli da una famiglia di esuli istroveneti - sa bene cosa significhi conciliare la creazione di una nuova appartenenza con la valorizzazione delle proprie radici, e che assieme al collega prof. Alberto Vidon ha preso a cuore l'integrazione degli studenti provenienti da est: «non è facile in una comunità di individui che sembrano sempre più distratti, votati all'indifferenza nei confronti degli 'altri', e intimoriti dall'incontro che leggono sempre più come una minaccia piuttosto che una risorsa da coltivare con passione ed entusiasmo».

Ma ecco, la serata ha inizio, le due giovanissime albanesi-kosovare fanno un profondo respiro e cominciano a raccontare: la storia antica della loro terra, gli illiri, i turchi e i serbi. E poi: la nuova bandiera con il profilo geografico del Kosovo dipinto di giallo sullo sfondo blu-Europa e sormontato da 6 stelle bianche simbolo delle 6 etnie che abitano la regione; l'immagine del nuovo premier Hashim Thaçi che il 17 febbraio scorso ha dichiarato «sono orgoglioso di essere il presidente di un popolo libero»; le cartoline da Pristina. E ancora: i poster delle stelle del pop locale; un abbecedario in albanese; un libro di favole per bambini. E infine: il giocoso tamburello da suonare all'apertura delle danze negli sposalizi; i tessuti ricamati a mano; il burek e le palacinke che le madri di Gerta e Gjulieta hanno preparato assieme ad altri piatti tipici perché tutti quanti possano assaggiarli...

È un vero girotondo di colori, suoni e sapori quello che le emozionate studentesse instaurano con i presenti per cercare di spiegare il loro mondo, anche attraverso le parole della lingua che abitualmente parlano in casa, introducendoli poco a poco in una dimensione sconosciuta.
Fino alla suggestiva esibizione finale delle ragazze nei pittoreschi e coinvolgenti balli tradizionali, eseguiti assieme al gruppo folcloristico 'Shqiponja' ('Aquila', in albanese), fin dal 1999 presente in Friuli e diretto dal maestro Gjergj Lleshaj che, con la sua instancabile attività di aggregazione degli artisti emigrati dal Kosovo e di insegnamento del folclore anche tra i bambini, testimonia anche stasera l'importanza di mantenere viva e continuare a trasmettere una cultura che non deve perdere il legame con la terra di origine.

Le musiche ritmate dalle potenti percussioni conquistano subito: per un tempo indefinito, l'atrio dell'Istituto ITGC Marchetti si trasforma in uno spazio libero, proiettato direttamente nel cuore dei Balcani, i ballerini tracciano fantasiose coreografie seguendo un ritmo vibrante e mischiando i loro abiti di fogge e colori allegri e disparati, l'atmosfera di festa ipnotizza e cattura.

Il contatto è avvenuto, un passo in avanti è stato compiuto. Professori e alunni si stringono attorno alle ragazzine e ai danzatori, per guardarli da vicino, toccare i loro abiti, fare qualche domanda curiosa; poi si accalcano attorno al tavolo imbandito di vassoi che si svuotano subito, tra chiacchiere e sorrisi.

Anche se resta parecchio da fare, Angelo Floramo è soddisfatto e ottimista: «la missione prevalente della scuola - ribadisce - è formare i cittadini responsabili di domani. Cittadini di un'Europa che sappia riconoscersi nei suoi popoli, nella diversità delle sue culture, nella bellezza del dialogo e dell'incontro. L'Altra Europa per anni è rimasta blindata dietro alle muraglie dettate dallo scontro delle ideologie e oggi continua a essere confinata oltre il muro più subdolo dell'egoismo, dell'ignoranza e del sospetto: i mali della società opulenta che teme la povertà e la diversità per paura di perdere i suoi privilegi. Ma con semplici gesti di conoscenza reciproca, i ragazzi di oggi annullano anni e anni di guerre del passato. Guerre che non sono mai volute dai popoli, bensì dalla politica. Ed è invece importante che i popoli imparino a conoscersi. E' questo ciò in cui crediamo e speriamo che proprio i paesi dell'Est siano una occasione per costruire un nuovo modo di concepire l'Europa, al di là dei conflitti sanguinari che l'hanno caratterizzata fino a ieri, affinché diventi una terra di libertà in cui valorizzare le differenze e promuovere la pace».

Con l'obiettivo di creare le basi di una autentica interculturalità tra il Friuli Venezia Giulia e il vicino Est, il gruppo di studio Linkest continuerà ad organizzare occasioni di scambio transfrontaliero tra i banchi di scuola.

Intanto, qualcosa già è cambiato per Gerta, Gjulieta e i loro coetanei che da domani attraverseranno questo stesso atrio con uno sguardo diverso, che amplieranno, giorno dopo giorno, alla ricerca della loro identità europea.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.