La bicicletta, con i suoi ritmi, è uno dei mezzi ideali (seppur inusuale) per attraversare i Balcani, per esplorarne le strade secondarie e poco trafficate, per assaporarne i sapori primaverili. Al via da Trieste un gruppo di cicloturisti che raggiungeranno in due settimane Sarajevo

20/05/2005 -  Anonymous User

Domenica prossima, 22 maggio, un gruppo di cicloturisti provenienti da Bologna, Gorizia, Trento, Trieste, Tuzla (BiH) e Prijedor (BiH) partirà da Trieste per un viaggio in bicicletta attraverso Slovenia, Croazia e Bosnia Erzegovina, per raggiungere, in due settimane, Sarajevo.

E' qualcosa di più di un viaggio: è un esempio di Turismo Responsabile, un viaggiare etico e consapevole che va incontro ai paesi di destinazione, alla gente, alla natura, con rispetto e disponibilità.

Diffondere la pratica e la cultura del turismo responsabile, in particolare nell'area balcanica e contribuire alla rinascita economica e sociale delle aree coinvolte attraverso forme di sviluppo autosostenibile è l'obiettivo che da tre anni si prefiggono le associazioni 'Progetto Prijedor onlus', 'Tremembè onlus' e 'Mosaico' di Trento, in collaborazione con l'Associazione delle Agenzie per la Democrazia Locale-ALDA con sede a Strasburgo e la costituenda Rete del Turismo Responsabile nell'Europa Sud Orientale.

A beneficiare infatti di questa forma di turismo sono le comunità locali, le imprese famigliari che entreranno a far parte della rete del turismo responsabile nei Balcani.

Alla realizzazione di questo percorso collabora anche "Ulisse FIAB, Gruppo ciclisti urbani e cicloturisti di Trieste, che si è incaricato di guidare i partecipanti sulle strade balcaniche.

I Balcani possono essere potenzialmente molto attraenti per i cicloturisti sia sotto il profilo naturalistico, storico e culturale, sia per la possibilità di viaggiare su strade secondarie ancora poco trafficate; l'itinerario toccherà alcuni luoghi dove già sono attive esperienze di turismo responsabile e di cooperazione internazionale consentendo ai partecipanti al viaggio una relazione con le comunità più profonda e ricca.

Faranno cornice alla partenza del gruppo, che avverrà da Piazza Unità d'Italia a Trieste le centinaia di partecipanti alla manifestazione "Bicincittà" organizzata proprio quel giorno dalla UISP. Per un breve tratto i cicloviaggiatori guideranno il folto corteo di biciclette attraverso le strade cittadine per poi deviare ed iniziare il viaggio vero e proprio.

Buon viaggio!

Le tappe del viaggio
Le foto del percorso


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.