Madre con il figlio a Grozny - IWPR

I membri delle famiglie dei ragazzi ceceni che vanno a combattere contro le forze russe devono affrontare l'inferno: percosse, incarcerazioni, torture. Una nostra traduzione

23/11/2006 -  Anonymous User

Di Umalt Dudayev*, Grozny, per IWPR, 16 novembre 2006 (titolo originale: "Families of Chechen Rebels Still Targeted")
Traduzione per Osservatorio sui Balcani: Gaia Baracetti

Una serie di lunghe case simili a caserme, raggiungibili tramite una strada sterrata, non lontano dal centro di Grozny, che furono costruite per gli operai petroliferi inglesi un secolo fa. Ora sono la dimora di dozzine di famiglie. Tre adolescenti hanno abbandonato queste case mesi fa per andare sulle montagne e unirsi ai ribelli ceceni. Da allora, la vita della famiglia di uno di questi ragazzi è diventata un inferno.

Masud Alkhazurov (questo non è il suo vero nome) ha sette figli tra i 10 e 19 anni. Il secondogenito Ruslan, diciotto anni, è uno dei tre ragazzi che sono spariti per andare a combattere l'esercito russo. Troppo grigio per la sua età, il padre fuma nervosamente mentre racconta a IWPR il destino che gli è toccato da allora.

"Una settimana fa, a notte fonda, la casa dove viviamo è stata circondata da uomini armati delle forze di sicurezza, che sono arrivati in due Zhigulis (o Ladas) modello 10", racconta. "Di solito, questo tipo di macchine è guidato dai Kadyrovtsy (le forze di sicurezza fedeli al primo ministro Ramzan Kadyrov). Non si sono presentati né hanno fornito spiegazioni, hanno solo imprecato e mi hanno chiesto ripetutamente dov'era mio figlio.

"Quando ho detto che non lo sapevo, mi hanno trascinato per strada, spinto in macchina, e portato via. I miei figli, mia moglie e i vicini hanno cercato di fermarli, ma non gli hanno dato retta. Hanno sparato colpi in aria, minacciando di uccidere chiunque avesse osato avvicinarsi, e non hanno lasciato che nessuno mi venisse vicino."

Masud è stato portato alcuni chilometri fuori dalla città e selvaggiamente picchiato dai rapitori, che hanno accusato lui e la sua famiglia di essere estremisti religiosi e hanno preteso di sapere dove fosse suo figlio. "I miei tentativi di spiegargli qualunque cosa erano inutili. Erano come zombie - mi picchiavano con il calcio del fucile, mi prendevano a calci, e non smettevano di urlare che dovevo riportare mio figlio a casa", racconta.

Il padre di famiglia racconta che era ormai già coperto di sangue quando uno degli uomini ha deciso che veramente non sapeva nulla e ha convinto gli altri a smettere di pestarlo. L'uomo l'ha riportato a casa. "Mentre andava via, l'uomo mi ha detto che non mi avrebbero lasciato in pace e mi ha consigliato di trovare mio figlio, se non volevo perdere gli altri figli che avevo", continua Masud. "Ora aspetto giorno e notte nel terrore il destino che attende la mia famiglia. Assieme ai miei figli più grandi, non mi svesto la sera, perché questa gente potrebbe irrompere da un momento all'altro e portare via uno di noi."

All'inizio di settembre, il figlio più anziano di Masud, Rasul, è stato catturato da uomini armati in tenuta mimetica e trattenuto per alcuni giorni in una base che pare appartenga ai Kadyrovtsy nel distretto di Shali nella Cecenia sudorientale. Masud racconta di come è stato picchiato, torturato con scariche elettriche e minacciato di morte dai suoi rapitori che volevano sapere dove si nascondeva il suo fratello minore. Alla fine i suoi aguzzini lo hanno scaricato nella periferia di Grozny.

"Mi ha raccontato di come l'hanno torturato", dice il padre del ragazzo. "Di come gli hanno legato filo spinato alle dita delle mani e dei piedi e hanno acceso la corrente. L'hanno fatto finché il sangue ha cominciato a uscire dalla carne sotto le unghie. Di come l'hanno picchiato con mazze di gomma e con le canne dei fucili. Ha passato due settimane costretto a letto, senza la forza di muoversi, e tutt'ora cammina con difficoltà".

"Le percosse di questi mostri gli hanno danneggiato il fegato. Rasul mi ha detto che non ha nessuna intenzione di finire di nuovo tra le mani di queste bestie e che preferirebbe morire che attraversare di nuovo quell'inferno".

Mentre Mosca e il governo filo-russo della Cecenia dichiarano vittoria nel lungo conflitto con i combattenti islamisti e pro-indipendentisti della repubblica, la storia della famiglia di Masud illustra le tattiche brutali che sono tuttora utilizzate.

I funzionari si rifiutano di commentare le accuse di tortura, dicendo solo che l'amnistia che ha seguito la morte del leader militante Shamil Basayev tre mesi fa è stata un grande successo.

"Un totale di 260 membri di formazioni armate illegali si è arreso durante questi tre mesi, il che è un numero significativo", ha dichiarato il poliziotto ceceno Lom-Ali Takhayev a IWPR. "Se fossero rimasti sulle montagne con le loro armi, sarebbero una vera forza, e minaccia. Se calcoliamo che ognuno di loro avrebbe potuto uccidere un soldato o un poliziotto, possiamo dire che sono state salvate 260 vite umane, più le vite dei combattenti stessi."

Negli ultimi due anni, le autorità hanno condotto la guerra prendendo di mira le famiglie dei ribelli. Nel 2004, hanno trattenuto i parenti dell'ex presidente indipendentista Asla Maskhadov. Sono stati rilasciati solo mesi dopo la morte di Maskhadov. Recentemente, hanno rapito la moglie, il figlio piccolo, e il padre del leader ribelle Doku Umarov. La moglie e il figlio sono stati rilasciati ma ancora non si sa nulla del padre di Umarov.

Ma nonostante questi metodi, il movimento ribelle continua sulle montagne. Il 3 novembre, il generale Yevgeny Baryayev, vice comandante delle forze armate russe in Cecenia, ha sorpreso molti dichiarando ai giornalisti a Grozny che circa 700 militanti si nascondono ancora nelle montagne cecene.

Il generale ha detto che un numero consistente di giovani uomini si e` appena unito ai combattenti e che hanno ricevuto una larga somma di denaro. "Le tattiche militari da sole non sono sufficenti a sconfiggere le bande armate", ha detto.

Questo punto di vista contraddice quello di Kadyrov, che ha annunciato ad agosto che non ci sono più di 50 o 60 combattenti attivi in Cecenia, e tra i 150 e i 200 mercenari.

Un analista politico ceceno sostiene che i giovani continuano a fuggire sulle montagne per sfuggire all'attenzione dei Kadyrovtsy. "Non hanno scelta", dice. "Non conoscono altro che la guerra. Ogni giorno vedono il comportamento dei militari e dei membri delle strutture di sicurezza, che non rispettano nessuna legge, e il desiderio di opporre resistenza al male seminato dai Kadyrovtsy e dai "federali" e` piu` forte della voglia di vivere. Altrimenti, nessuno di loro andrebbe sulle montagne, condannandosi praticamente a morte."

Masud è d'accordo. "Mio figlio non sarebbe mai andato a combattere, se non fosse per questa situazione senza speranza, in cui il Cremlino ci ha cacciati tutti", dice. "Perché devono prendere in ostaggio i parenti di coloro che oppongono resistenza? Dovrebbero andare a combattere le persone giuste, invece di prendersela con quelli che rimangono a casa e vogliono solo vivere una vita normale."

Dice di aver paura di quello che il suo figlio maggiore potrebbe fare, ma di non poterlo fermare se volesse anche lui scappare sulle montagne.

"Due guerre sanguinose hanno cambiato molte cose nella nostra vita."

* Umalt Dudayev è lo pseudonimo di un giornalista ceceno e corrispondente di IWPR


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.