L'International Crisis Group ha diffuso un rapporto sulla crisi politica in Armenia. Unione Europea e Stati Uniti possono aiutare ad incoraggiare la riconciliazione e perseguire riforme istituzionali più incisive

29/04/2008 -  Anonymous User

L'ultimo briefing politico dell'International Crisis Group prende in analisi le elezioni presidenziali del 19 febbraio scorso in Armenia, la conseguente linea dura con l'opposizione e lo stato d'emergenza sottolineando i problemi presenti nel paese. Serzh Sarkisian, l'attuale Primo Ministro e neo-eletto Presidente, è il successore di Robert Kocharian, ma le questioni legate alla sua elezione e i tumulti dei giorni successivi saranno determinanti per la sua autorità. Il voto è stato compromesso da serie irregolarità e l'eccessiva repressione e i molteplici arresti effettuati dalle autorità hanno provocato un profondo dissapore nella società.

"La democrazia armena è stata per più di un decennio in ritirata in molti ambiti, con elezioni scorrette, concentrazione di potere in mano all'esecutivo, e un esercito e dei servizi di sicurezza che godono di una virtuale impunità", ha dichiarato Magdalena Frichova, direttrice del progetto Caucaso dell'International Crisis Group.." Questi eventi recenti peggiorano ulteriormente una situazione che si sta deteriorando da troppo tempo ."

Il 1 marzo, la polizia e le truppe di sicurezza sono intervenute nella Piazza della Libertà di Yerevan per sciolìgliere una manifestazione pacifica contro l'annunciato esito ufficiale delle elezioni presidenziali Gli scontri con i dimostranti si sono intensificati durante la giornata, provocando 7 morti tra i civili e un ufficiale di polizia. Il presidente uscente Kocharian ha reagito dichiarando un lunghissimo stato d'emergenza di 20 giorni, che ha sospeso molti diritti civili basilari. Oltre 100 membri dell'opposizione sono stati arrestati. Anche se lo stato d'emergenza è stato ufficialmente sospeso il 21 marzo, una nuova legge oggi stabilisce un rigido controllo sulle dimostrazioni politiche.

L'amministrazione Sarkisian deve iniziare con urgenza a cercare un dialogo credibile con l'opposizione, rilasciando i prigionieri detenuti per motivi politici, mettendo fine agli arresti e alle molestie nei confronti dell'opposizione e sospendendo tutte le misure atte a limitare la libertà di aggregazione e di espressione. Inoltre, ha bisogno di affrontare le cause che stanno alla base dell'attuale stabilità politica.

I governi e le istituzioni europee, gli Stati Uniti e gli altri attori che hanno influenza sull'Armenia, devono affermare che la cooperazione sarà più difficile se non verrà condotta un'indagine indipendente riguardo le violenze post-elettorali, e se non verranno prese misure significative per riconciliare le conseguenti divisioni sociali per far tornare il paese sulla via delle riforme democratiche. A meno che non vengano fatti passi immediati per affrontare la crisi, USA ed EU dovranno sospendere gli aiuti esteri e stabilire futuri negoziati riguardanti la cooperazione.

"Se la nuova presidenza prende il giusto corso, Unione Europea e Stati Uniti possono aiutare ad incoraggiare la riconciliazione e riforme istituzionali più incisive", afferma Sabine Freizer, direttrice del programma Europa dell'International Crisis Group. "È necessario altresì fare appello all'Armenia, affinchè resti uno stato democratico, che rispetti i diritti umani fondamentali e un'opposizione funzionale che non debba vivere in un clima di paura".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.