Sarajevo, foto di Nicola Lux

Sarajevo, foto di Nicola Lux

Un lavoro di geografia politica ed urbana per evidenziare i mutamenti territoriali della Bosnia tra il conflitto e la successiva transizione, scegliendo come punto di osservazione privilegiato la capitale bosniaca. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

15/10/2013 -  Alberto Prioli

Le politiche e le leggi che riguardano la regolazione e la gestione dei territori, nonché le strategie territorializzanti di determinati attori, sono determinanti nel modulare conflitti e solidarietà tra gruppi umani differenziati. Questa dinamica sociale del territorio è particolarmente rilevante nei contesti urbani.

Le città, infatti, forniscono quegli elementi materiali e simbolici che Ted Gurr qualifica come determinanti per la volatilità o la stabilità delle relazioni tra i gruppi umani: la distribuzione delle abitazioni e la loro decenza, l’accessibilità agli spazi pubblici, la fruizione dei benefici sociali, la presenza di esternalità positive e negative e la loro allocazione negli spazi, rendita dei suoli, gerarchie socio spaziali, la possibilità di vivere spazialmente la propria cultura e di accedere a quella degli altri…

In contesti di conflitto nazionalistico e di transizione post-conflittuale, gli attori politici e militari coinvolti, agendo su questi elementi e, più in generale, sulla contiguità e l’interdipendenza che caratterizza le funzioni e la vita urbane, sono in grado di condizionare i legami di solidarietà tra i gruppi sub-nazionali, le visioni collettive della reciprocità e della distanza, i processi di soggettivizzazione, le costruzioni dell’Altro e, in ultimo, le forme di lealtà. Ciò che accade all’interno della città non è rilevante, però, solo per quest’ultima. Esso entra in una relazione complessa con le scale territoriali superiori e, in date circostanza, è in grado di condizionarne le logiche di funzionamento e sviluppo.

Le suddette relazioni tra spazio e gruppi umani e tra la scala urbana e quelle superiori forniscono un’utile chiave di lettura del passato e del presente traumatico di Sarajevo, capitale della Bosnia Erzegovina, e sono l’intelaiatura teorica a partire dalla quale è elaborato il presente lavoro.

L’obiettivo è quello di analizzare alcuni mutamenti urbani della capitale bosniaca tra l’assedio e la ricostruzione, il modo in cui questi mutamenti urbani siano entrati in relazione coi legami solidaristici tra i gruppi sub-nazionali ed, in ultimo, come abbiano partecipato alle più generali trasformazioni del paese. Il cuore delle analisi è costituito, da un lato, dal concetto di violenza geografica, ossia uno specifico utilizzo della violenza strategicamente orientato a riscrivere la geografia dei territori, sia nelle sue componenti strutturali e materiali che simboliche; dall’altro, dalla scelta di prediligere un punto di vista “dall’alto”, le strategie, i discorsi e gli interessi degli attori della coercizione politica e militare.

L’analisi si articola in rapporto a tre momenti: il conflitto bosniaco e l’assedio di Sarajevo, le negoziazioni di Washington e Dayton, la successiva transizione e ricostruzione.

Durante la guerra Sarajevo, teatro della principale scontro urbano, è stata l’oggetto di un conflitto egemonico tra gli attori di guerra serbo-bosniaci e bosgnacchi per riconfigurarne lo spazio e la popolazione secondo logiche polarizzanti. In questa fase la principale unità organizzativa dell’ambiente urbano è quella che la geografa militare francese Benedicte Tratnjek definisce come quartiere-territorio.

Durante i negoziati di Washington e di Dayton una peculiare convergenza, per eterogenesi dei fini, tra la coercizione diplomatica internazionale e la coercizione interna politico-militare ha concluso il riconoscimento della linea del fronte come il confine amministrativo tra le due nuove entità della Bosnia e ha deciso il passaggio dello IEBL a sud-est e sud-ovest del centro urbano di Sarajevo. Sulla base di questi accordi e alcune successive modifiche, lo spazio sarajevese è stato ridimensionato, ridotto dalle dieci originarie a sole quattro municipalità, incluso nel territorio della Federazione croato-bosniaca e il suo governo è stato strozzato tra i poteri municipali e quelli del Cantone. I vincoli della geografia politica di Dayton hanno contribuito ad impedire che la capitale bosniaca divenisse uno spazio urbano estensivo, aperto e in grado di trascendere le geografie della divisione.

Negli anni della transizione post-conflittuale e post-socialista, la comunità internazionale, attraverso le politiche della ricostruzione, dei ritorni minoritari e dei trasferimenti di proprietà, ha lavorato affinché Sarajevo tornasse a costituire uno spazio multiculturale, laddove le autorità locali hanno cercato di controbilanciare questi progetti lavorando per la bosniacizzazione delle strutture demografiche e dei linguaggi estetici della città.

Negli ultimi vent’anni, tra l’assedio, i negoziati e la transizione, diversi campi di coercizione politica si sono contesi l’organizzazione e la rappresentazione dello spazio di Sarajevo per orientare gli antagonismi nazionalistici, sia nel suo contesto locale che per le scale maggiori. L'organizzazione dell'ambiente urbano, le sue discontinuità, i suoi points de répére, le sue rappresentazioni hanno subito delle trasformazioni traumatiche indotte dalle strategie di controllo e intervento di forme diverse ma interrelate di coercizione politica.

Oggi, Sarajevo è una capitale contestata ed incerta.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by