Un bambino in un orfanotrofio - Giuliano Matteucci

Una tesi di laurea sulla complessa realtà della tutela e sostegno all'infanzia in Romania. Si sviluppa oltretutto un'ipotesi di un progetto pilota per la creazione di una casa famiglia per ragazze o ragazze madri, cercando di evidenziare la necessità di pensare agli interventi di cooperazione in un'ottica di dialogo tra gli attori coinvolti, che conduca ad uno scambio e condivisione delle esperienze e delle risorse, mediante la creazione di reti sociali.

03/10/2005 -  Anonymous User

Di Estella Guerrera

La Romania è un Paese in evoluzione, che fra non molto entrerà a far parte dell'Unione Europea, divenendo una sorta di "vicino di casa", del quale si sente spesso parlare, ma perlopiù in termini negativi.

I problemi che la società romena deve affrontare sono certamente molti, soprattutto per quanto riguarda la tutela delle categorie più vulnerabili, spesso tuttavia ci si limita a riferire il dato negativo, senza tenere conto che vi sono anche delle risorse, e molte, che possono essere impegnate per la prevenzione e la risoluzione dei problemi.

Questa tesi di laurea ha l'obiettivo di tracciare un percorso attraverso la realtà complessa della tutela e sostegno all'infanzia in Romania. E' stata realizzata come elaborato finale nell'ambito del Master "La dimensione educativa della cooperazione internazionale" organizzato dall'Università di Bologna.

Il lavoro è diviso in tre parti: si parte da dati generali sul Paese e le sue relazioni con l'Unione Europea e, restringendo progressivamente il campo, si delineano alcune iniziative di sostegno e cooperazione realizzate da agenzie internazionali, in un'ottica di sviluppo umano e sviluppo locale sostenibile, nonché le politiche di miglioramento promosse dalle istituzioni romene, con particolare attenzione ai cambiamenti avvenuti nella condizione dell'infanzia e del settore sociale negli ultimi anni.

Poi viene presentata la realtà territoriale di Slatina, una città nella provincia dell'Olt (regione Sud-Ovest), in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di risorse e competenze del settore sociale.

Infine si descrivono, operativamente, le attività di volontariato italiano portate avanti sul territorio di Slatina, con progetti a favore di minori in istituto e famiglie in difficoltà, sostenuti dall'Italia in collaborazione con un'organizzazione non governativa romena e operatori locali.

A conclusione, viene sviluppata un'ipotesi di progetto pilota per la realizzazione di una casa famiglia per ragazze e ragazze madri: una struttura che rientra nel quadro della creazione di alternative ai grandi istituti e servizi innovativi a favore di minori e famiglie, necessari allo sviluppo del settore sociale.

L'ipotesi di progetto è stata realizzata partendo dalle osservazioni sul campo effettuate durante alcuni periodi come volontaria negli istituti per minori di Slatina, dalle informazioni raccolte e rielaborate per la stesura del testo e dalla mia esperienza professionale di psicologa e educatrice di comunità.

Principio fondamentale a guida del lavoro è la necessità di pensare progetti volti a potenziare le risorse individuali preesistenti, garantendo alle persone coinvolte l'acquisizione progressiva di autonomia e autodeterminazione, per aumentare la capacità di scelta, nel rispetto per le caratteristiche e le peculiarità proprie del contesto.

La cooperazione allo sviluppo è dunque definita come dialogo tra i diversi attori coinvolti, per condurre ad uno scambio e condivisione di esperienze e risorse, al lavoro comunitario mediante la creazione di reti sociali.

Il presente lavoro vuole offrire spunti di riflessione sulla situazione attuale e sul futuro prossimo, evidenziando i programmi e progetti che sono già stati messi in cantiere e le risorse disponibili, delle quali a volte non si parla abbastanza.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.